Le mete più belle dell’anno per World Rugby: rivediamole tutte e quattro

Am, Barrassi, Jacobson e Penaud: ecco nel dettaglio le segnature più spettacolari a livello maschile dell’anno solare 2021

Le mete più belle dell'anno per World Rugby: rivediamole tutte e quattro

Le mete più belle dell’anno per World Rugby: rivediamole tutte e quattro

Si avvicina la chiusura del 2021 e quindi è arrivato il momento di fare un riassunto delle cose più belle vissute in questi (quasi) 12 mesi ovali: World Rugby ha dato una mano agli appassionati proponendo all’interno dei suoi Awards la categoria delle mete più belle a livello internazionale nel rugby maschile.

Leggi anche: Tutte le candidature di World Rugby per gli Awards del 2021

Dal 15 novembre fino al 21 si potrà votare a questo link per scegliere la marcatura più spettacolare: per aiutare tutti gli appassionati ovali a decidere, pubblichiamo il video ufficiale di World Rugby delle quattro marcature selezionate:

 

Si tratta di segnature dal peso specifico diverso ma tutte egualmente belle. La prima, quella di Lukhanyo Am, arriva dal match tra Sudafrica A (squadra che di selezione secondaria aveva proprio poco) e i British & Irish Lions nel tour della scorsa estate. Quella partita si giocò il 14 luglio, pochi giorni prima di Australia-Francia dove Barassi chiuse in maniera spettacolare una ripartenza francese dai propri 22.

Clicca qui per votare in maniera completa negli Awards di World Rugby del 2021

Si passa poi alla meta di Luke Jacobson in Nuova Zelanda-Argentina dello scorso Rugby Championship, una segnatura che il terza linea All Blacks ha avuto il merito di concludere dopo un passaggio oggettivamente assurdo di Beaduen Barrett. La quarta e ultima proposta arriva dallo scorso Sei Nazioni, in particolare da Francia-Scozia, partita inizialmente rimandata e poi disputata “fuori calendario”. Gara indimenticabile per tutti i suoi risvolti (con la vittoria scozzese che ufficializzò il successo del Galles nel Sei Nazioni) e anche per la bellissima meta di Penaud a chiudere un suo calcetto a seguire.

Ricordiamo anche che nella categoria mete più belle realizzate nel rugby femminile c’è anche una candidatura italiana: si parla della meta di Sara Barattin segnata contro la Scozia nel torneo di qualificazione mondiale disputato a Parma.

Per rivedere la meta di Sara Barattin basta cliccare su questo link.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Succede in Galles: un colpo di testa che vale una meta

Nel match di Premiership Cup tra Bridgend Ravens e Swansea l'estremo Edd Howley ha realizzato una meta davvero incredibile

28 Novembre 2021 Foto e video
item-thumbnail

URC: gli highlights di Benetton-Glasgow Warrios

Tutte le mete e le migliori azioni della partita di sabato a Monigo

28 Novembre 2021 Foto e video
item-thumbnail

Il calcio di Leonardo Marin che conquista la vittoria per il Benetton

Il video del piazzato allo scadere dell'apertura dei Leoni contro i Glasgow Warriors

28 Novembre 2021 Foto e video
item-thumbnail

La commovente Siva Tau di Samoa in un Twickenham quasi vuoto

Gli isolani hanno saputo solo all'ultimo che non avrebbero giocato, ma hanno voluto comunque cantare il proprio inno

27 Novembre 2021 Foto e video
item-thumbnail

Video, 7s: magia fijiana con un ‘pirouette step’

Nella vittoria 28-26 delle ragazze sul Canada, nella prima giornata delle World Series a Dubai

26 Novembre 2021 Foto e video
item-thumbnail

Video: gli highlights di Irlanda-Argentina

Le immagini del netto successo irlandese contro i Pumas

22 Novembre 2021 Foto e video