Ancora lui: Morné Steyn abbatte i Lions 12 anni dopo, Springboks vittoriosi

Dopo essere stato decisivo nel 2009 l’apertura dei Bulls segna i punti decisivi del terzo test

COMMENTI DEI LETTORI
  1. narodnik 7 Agosto 2021, 20:33

    Steyn e’ una leggenda a 37 anni ritorna sul luogo del delitto,ma la partita cosi’ come 12 anni fa l’ha decisa l’arbitro e il tmo.Il mom lo darei a VDM oggi era dappertutto.

  2. Bariddu 7 Agosto 2021, 20:40

    speriamo di non vedere mai piu premiazioni del genere a stadio vuoto…una tristezza…

  3. marcoberna 7 Agosto 2021, 20:42

    Più che bizzarra direi assurda

  4. Ventu 7 Agosto 2021, 21:07

    Fa piacere per il SA, speriamo questa vittoria porti un po’ di unità in un paese sempre sull’orlo di una guerra civile. Detto questo che brutto rugby, molto peggio del calcio tennis (che tra l’altro a me non dispiace). Ora che hanno vinto lo vedremo ancora più diffuso…

  5. mic.vit 7 Agosto 2021, 22:02

    Lions che ad un certo punto decidono di abbandonare la lotta punto a punto sui calci di punizione e virare per il colpo grosso ma tra gli avanti c’era troppa indisciplina e desiderio personale di giocare per chi è più forte fisicamente, Boks che giocano una partita bruttissima con l’unico intento di sfruttare ogni occasione per mettere a segno punti…sta di fatto che pure questo 3o match mi ha deluso per contenuti…se lo confrontiamo con quello di 4 anni fa quasi pare non sia lo stesso sport…

  6. aiabasta 7 Agosto 2021, 22:45

    Scellerata decisione x 2 volte (sul 10-3 e sul 10-6) di AWJ di non piazzare calci piazzabili.
    Spettacolo da arena romana anche questa volta. Godibile ma preferisco altro. Questione di gusti eh!

  7. Andrea B. 8 Agosto 2021, 15:54

    Grandi Bokke !
    Un Sudafrica che, non scordiamocelo, arrivava a questa serie dopo due anni senza nemmeno avere giocato un test match, salvo la partita con la Georgia poco prima dei Lions…

  8. mikefava 9 Agosto 2021, 01:53

    Per carità, specie l’ultimo incontro è stato molto equilibrato e, come spesso accade, hanno deciso i calci piazzati…però questo Sudafrica è è sarà difficile da battere per tutti. Se non ce l’ha fatta nemmeno una selezione dei migliori giocatori britannici e irlandesi (che vabbè, non giocano mai insieme, ma sono pur sempre professionisti di altissimo livello), la vedrei dura anche per la Nuova Zelanda. Il fatto è che non hanno un solo reparto minimamente debole, dalla mischia alla mediana (con un Pollard calciatore devastante), fino a un reparto arretrato di talenti puri, Cheslin Kolbe su tutti. Probabilmente i Lions erano pure stanchi, vista l’intensità della stagione per i suoi componenti, però comunque rimane un grande Sudafrica.

Lascia un commento

item-thumbnail

Mamuka Gorgodze: “Il rugby sta diventando sempre più popolare in Georgia”

La leggenda del rugby georgiano ha commentato anche la vittoria sull'Italia e le nuove tendenze nel rugby nel suo Paese

item-thumbnail

La Francia perde Demba Bamba: lungo periodo di stop per il pilone

Il pilone dei Bleus e di Lione ha chiuso con largo anticipo il suo 2022 sportivo e si rivedrà solo l'anno prossimo

item-thumbnail

Il Rugby Europe Championship sarà a otto squadre dal 2023

Un importante cambiamento per il principale torneo europeo di seconda fascia

item-thumbnail

Dall’Inghilterra si spara a zero su All Blacks e Sam Cane, tirando in ballo Michele Lamaro

Dalle colonne del Times, Stuart Barnes si scaglia contro il capitano degli All Blacks

item-thumbnail

Inghilterra: confermata la fiducia a Eddie Jones, ma il futuro va verso Andy Farrell

La federazione vicecampione del mondo pensa alla Rugby World Cup 2023 ma anche a quella del 2027

item-thumbnail

Samoa pronta a schierare due ex All Blacks contro l’Italia

A novembre l'apertura Lima Sopoaga e il terza linea Steven Luatua potrebbero rafforzare la rosa che ha vinto la Pacific Nations Cup