L’entusiasmo di Leonardo Marin, il nuovo Azzurrino del Benetton

A soli 19 anni il numero 10 della nazionale under 20 va a ingrossare le fila delle aperture a disposizione di Marco Bortolami, mentre sembrava destinato alle Zebre

Leonardo Marin

Leonardo Marin, nuova apertura del Benetton, in Italia-Francia del Sei Nazioni under 20

Leonardo Marin si ritrova catapultato in un altro mondo: diciannove anni, cresciuto nel Mogliano e passato attraverso la filiera di formazione federale, il giovane numero 10 ha appena disputato il Sei Nazioni under 20 con la maglia dell’Italia, una delle poche occasioni di scendere in campo avute negli ultimi 16 mesi.

Non faceva ancora parte dell’Accademia Nazionale prima che, a marzo del 2020, i campionati venissero interrotti. La sua prima stagione in serie A con i colori della ‘Ivan Francescato’ non è mai incominciata. Le due partite con la under 20 di gennaio, quelle del Sei Nazioni conclusosi pochi giorni fa ed eccolo, improvvisamente, al più alto livello italiano: dal 12 agosto si aggregherà al Benetton Rugby.

“Arrivare al Benetton è una cosa fantastica – ha detto entusiasta Marin in un’intervista sulle colonne de Il Gazzettino – per me è una grande sfida, voglio mettermi in gioco e non vedo l’ora di cominciare questa nuova avventura in uno dei club più importanti a livello europeo.”

Per lui la firma del contratto federale sembrava significare un destino zebrato, ma poi è arrivato un improvviso cambio di rotta: “Il Benetton mi ha contattato alcune settimane fa. La mia destinazione sembrava quella di Parma per giocare con le Zebre” racconta il mediano di apertura che andrà ad aumentare le opzioni nel ruolo a disposizione di Marco Bortolami, depauperate dalla partenza di Tommaso Allan e Paolo Garbisi.

Leggi anche: Cosa aspettarsi da Paolo Garbisi al Montpellier

Nel cambio di destinazione di Marin ha giocato un ruolo ovviamente essenziale proprio la dipartita verso Montpellier di quest’ultimo, ma il giocatore non si preoccupa di eventuali paragoni, preso com’è dall’entusiasmo di aver realizzato quello che definisce “un sogno di bambino che si trasformerà in realtà”.

Il Benetton avrà così almeno tre giocatori il cui ruolo primario è quello di mediano di apertura. Il numero 10 della under 20 si unisce infatti ai profili di Joey Caputo e Tomas Albornoz, in questo momento il probabile favorito per un posto da titolare ad inizio stagione.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Benetton Rugby: nel 2023/24 un bilancio da 14 milioni, numeri da record destinati ad aumentare

Il bilancio consuntivo del club trevigiano evidenzia una crescita esponenziale sul piano organizzativo e finanziario

item-thumbnail

Benetton Rugby: un giovane prospetto azzurro rinnova in biancoverde

Resta nutrita e di qualità la batteria dei centri a disposizione di coach Bortolami per la prossima stagione

item-thumbnail

Benetton Rugby, Riccardo Favretto: “Su di noi crescono le aspettative, ma abbiamo dimostrato di saperle reggere”

Il seconda/terza linea dei biancoverdi punta ad un 2024/25 da protagonista, per riprendersi anche la Nazionale

item-thumbnail

Benetton, Marco Bortolami: “La componente psicologica nel mio lavoro vale un buon 50%”

L'Head Coach dei Leoni ha spiegato il suo ruolo di tecnico e di comunicatore

item-thumbnail

Un altro Puma per il Benetton: ecco Lautaro Bazan Velez

Il mediano di mischia argentino rinforza la rosa dei Leoni

item-thumbnail

Benetton Rugby, Tommaso Menoncello: “La fiducia che il club ripone nei miei confronti è gratificante”

La stella dei biancoverdi e della nazionale vuole alzare l'asticella degli obiettivi di squadra