Fir annuncia i contratti centralizzati di 4 atleti emergenti

La Fir ha annunciato la firma di 4 atleti di interesse nazionale, oltre al rinnovo di Gianmarco Lucchesi

Fir annuncia i contratti centralizzati di 4 atleti emergenti (Ph. Sebastiano Pessina)

Fir annuncia i contratti centralizzati di 4 atleti emergenti (Ph. Sebastiano Pessina)

La Fir ha annunciato la firma, da parte di 4 importanti prospetti italiani, dei contratti centralizzati per i giocatori di interesse nazionale. Si tratta di Luca Andreani, Leonardo Marin, Ion Neculai e Lorenzo Pani, tra i più attivi dell’ultimo Sei Nazioni di categoria. A questi 4 si aggiunge il rinnovo di Gianmarco Lucchesi, già in forza al Benetton Rugby: il tallonatore, che ha esordito in nazionale a ottobre contro l’Irlanda, ha firmato un contratto fino al 2023.

In un comunicato, la Fir ha fatto sapere che i nuovi atleti contrattualizzati saranno assegnati alle franchigie italiane partecipanti allo United Rugby Championship e alle competizioni EPCR. Il capitano dell’under 20 Luca Andreani e il pilone Ion Neculai hanno firmato un contratto valido fino al 30 giugno 2024: entrambi con destinazione Zebre.

Leggi anche: Intervista a Luca Andreani: tra Sei Nazioni e il futuro alle Zebre

Leonardo Marin e Lorenzo Pani invece hanno stipulato un accordo valido fino al 2025, ed entrambi vestiranno la maglia del Benetton. I contratti, inoltre, presenteranno delle modifiche rispetto a quelli utilizzati per gli accordi precedenti alla stagione 2021-2022.

Queste le dichiarazioni ufficiali di Franco Smith, responsabile dell’alto livello, rilasciate alla Fir: «Nel corso dell’ultimo decennio il progetto tecnico della Federazione è andato costantemente evolvendosi, com’è inevitabile in un contesto sportivo di alto livello come quello come cui il rugby italiano deve confrontarsi.

Con l’accordo sottoscritto con quattro giovani atleti emergenti di interesse nazionale e la conferma di Lucchesi, che ha già trovato spazio sia a Treviso che in azzurro, muoviamo un nuovo passo in avanti nella programmazione di medio e lungo termine del nostro rugby d’élite, guardando ben oltre la prossima edizione della Rugby World Cup».

Il tecnico sudafricano ha poi aggiunto: «Mettiamo i nostri giovani nella condizione di maturare ad alto livello nelle migliori condizioni, e alle nostre due franchigie di contribuire attivamente alla crescita di quanto di meglio il nostro movimento sa produrre, consolidando al loro interno quel DNA italiano che riteniamo essere centrale nella nostra crescita sul palcoscenico internazionale. Siamo felici che Luca, Leonardo, Ion, Lorenzo e Gianmarco abbiano accolto la nostra proposta di legarsi stabilmente al rugby italiano e ansiosi di vederli mettersi in mostra con Benetton e Zebre, alzando la competizione interna all’interno delle nostre due Franchigie, anche in chiave Nazionale».

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
TAG:
item-thumbnail

La FIR ha stanziato 421.000 euro per l’attività promozionale giovanile

I fondi saranno ripartiti in tutto il Paese, con particolare attenzione al Sud Italia

16 Ottobre 2021 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Il nuovo protocollo aggiornato: indicazioni su green pass e tamponi

Green pass non necessario per accedere agli spogliatoi, mentre servirà per le palestre. A partire dalla zona gialla, servirà comunque il tampone per a...

7 Settembre 2021 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

CDFP: tutti i nomi degli atleti, tra Milano, Treviso, Prato e Roma

Più di cento i giovani ragazzi coinvolti

7 Settembre 2021 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Accademia Nazionale di Parma: i nomi di staff ed atleti

Si sposta ufficialmente a Parma, e non parteciperà alla prossima Serie A

7 Settembre 2021 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Fir: Ecco i “Permit players” e i “Draft players”, e ritorna la Nazionale “A”

La Federazione fa un passo importante verso la revisione dell'alto livello

4 Settembre 2021 Rugby Azzurro / Vita federale