Test Match: le formazioni di Galles-Argentina

Dragoni contro Pumas, in un match mai banale

Test Match: le formazioni di Galles-Argentina

Test Match: le formazioni di Galles-Argentina (Ph. Sebastiano Pessina)

Anche se in un’insolita veste estiva, Galles-Argentina non è mai un Test Match banale, anche perché, in questo caso, il confronto sarà il primo dei due che sono in programma fra sabato 10 e sabato 17 luglio.

Da una parte gli uomini di Wayne Pivac, dall’altra quelli di Mario Ledesma, in un match che sarà visibile domani, dalle 14, in diretta su Sky Sport Arena.

Test Match: le formazioni di Galles-Argentina

I Dragoni, capitanati da Jonathan Davies, che al centro farà coppia con Halaholo, schierano fra i trequarti un triangolo allargato con Holmes-Amos-Lane e una cabina di regia costituita dal duo Sheedy-Hardy; mentre fra gli avanti sistemano in terza linea la combinazione Moriarty-Wainwright-Botham, in sala macchine la cerniera Rowlands-Carter e davanti a tutti il trio Smith-Dee-Lewis.

I Pumas invece, guidati da Montoya, pronto a sistemarsi in prima linea con Tetaz Chaparro e Gomez Kodela ai suoi lati, possono contare su Cruz Mallia da estremo e Cordero e Carreras alle ali, con de la Fuente e Moroni a fungere da centri e la supercoppia Cubelli-Sanchez a occuparsi della mediana.
Fra gli avanti, infine, detto del comparto più avanzato, ecco una seconda linea con Petti e Kremer, che potrà contare alle sue spalle su Matera, Isa e Bruni.

Galles: 15 Hallam Amos, 14 Jonah Holmes, 13 Uilisi Halaholo, 12 Jonathan Davies (c), 11 Owen Lane, 10 Callum Sheedy, 9 Kieran Hardy, 8 Aaron Wainwright, 7 James Botham, 6 Ross Moriarty, 5 Will Rowlands, 4 Ben Carter, 3 Dillon Lewis, 2 Elliot Dee, 1 Nicky Smith
A disposizione: 16 Ryan Elias, 17 Gareth Thomas, 18 Leon Brown, 19 Josh Turnbull, 20 Taine Basham, 21 Tomos Williams, 22 Jarrod Evans, 23 Nick Tompkins

Argentina: 15. Juan Cruz Mallía; 14. Santiago Carreras, 13. Matías Moroni, 12. Jerónimo de la Fuente, 11. Santiago Cordero; 10. Nicolás Sánchez, 9. Tomás Cubelli; 8. Rodrigo Bruni, 7. Facundo Isa, 6. Pablo Matera; 5. Marcos Kremer, 4. Guido Petti; 3. Francisco Gómez Kodela, 2. Julián Montoya (capitán), 1. Nahuel Tetaz Chaparro
A disposizione: 16. Facundo Bosch, 17. Facundo Gigena, 18. Santiago Medrano, 19. Tomás Lavanini, 20. Matías Alemanno, 21. Gonzalo Bertranou, 22. Domingo Miotti, 23. Santiago Chocobares

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Ben 3 italiani nel XV della settimana di Planet Rugby

La prestazione degli Azzurri ha avuto importanti riscontri anche all'estero: altri 3 Azzurri, inoltre, sono stati citati pur non essendo inseriti in f...

item-thumbnail

A Chicago sarà ancora All Blacks-Irlanda: la rivincita del 2016

Al Soldier Field dovrebbe andare in scena il remake della storica vittoria degli Irish sui Tuttineri

item-thumbnail

Eddie Jones fa i complimenti all’Italia e chiede tempo per il suo Giappone

Il tecnico elogia Lamaro e compagni "rimandando" i suoi giocatori alle prossime sfide internazionali

item-thumbnail

Summer Series: l’estate della Scozia prosegue in scioltezza, Cile battuto 11-52

La squadra di Gregor Townsend ci mette 30' per iniziare a ingranare, ma poi non si ferma più

item-thumbnail

Italia, come sta Paolo Garbisi?

Il mediano di apertura azzurro è uscito al 67', durante il test match col Giappone, per un forte impatto alla testa contro l'anca di un avversario. Ag...

item-thumbnail

L’Italia chiude le Summer Series nel modo migliore, bel successo sul Giappone di Eddie Jones

Azzurri che partono e chiudono forte con un netto 14-42, soltanto un po' troppa indisciplina ha tenuto a galla i nipponici a cavallo dell'intervallo