Champions Cup, il post-finale: O’Gara non cerca scuse, Lebel sorride

Sentimenti contrastanti accompagnano l’ultimo atto della Champions Cup 2020-21. La gioia dei francesi e il pensiero per i tifosi, mentre O’Gara e i suoi fanno mea culpa.

Sentimenti contrastanti accompagnano l'ultimo atto della Champions Cup 2020-21. La gioia dei francesi e il pensiero per i tifosi, mentre O'Gara e i suoi fanno mea culpa.

Sentimenti contrastanti accompagnano l’ultimo atto della Champions Cup 2020-21. La gioia dei francesi e il pensiero per i tifosi, mentre O’Gara e i suoi fanno mea culpa.

Agonismo, battaglia ed equilibrio. Non è stata certo una finale di Champions Cup banale quella vinta da Tolosa a Twickenham contro La Rochelle, dopo 80 minuti accesi e aperti fino all’ultimo in cui la squadra di Ronan O’Gara ha sperato di poter portare a casa il primo storico titolo nonostante un tempo e mezzo giocato in inferiorità numerica a causa dell’espulsione di Botia. Lo Stade Toulousain ha saputo gestire meglio le fasi chiave del match e ha mostrato maggiore qualità quando si è trattato di dare il colpo di grazia, ma nonostante la superiorità numerica non è stato per niente facile portare a casa il quinto titolo europeo della sua storia, succedendo ad Exeter e Leinster nell’albo d’oro e sancendo il dominio dei club francesi nel rugby europei, con 3 semifinaliste su 4 in Champions e in totale 3 finaliste su 4 tra Champions e Challenge Cup, a sua volta vinta da Montpellier.

Una partita così lascia aperti numerosi spunti di riflessione, e gli stessi protagonisti della vittoria riconoscono quanto La Rochelle sia stata combattiva e difficile da affrontare. Maxime Medard infatti non ha risparmiato complimenti agli avversari: «La Rochelle ha giocato una partita enorme, sono stati 60 minuti in 14 e per loro è stato molto difficile giocare». Dello stesso avviso anche Romain Ntamack: «Sapevamo che i Rochelais avrebbero venduto cara la pelle, se avessero vinto non ci sarebbe stato nulla da dire. Volevo congratularmi con loro». C’è ovviamente grande gioia, manifestata anche dall’head coach Matthis Lebel che dopo una stagione così intensa si lascia andare: «È enorme per Tolosa, per la città, per tutte le persone che hanno creduto in noi. Possiamo solo essere orgogliosi».

Il successo dello Stade Toulousain passa anche da una rosa completa ed eterogenea, capace di restare sempre sul pezzo anche dopo i numerosi infortuni che l’hanno colpita nel corso della stagione. Non a caso sia Medard, sia il pilone Cyril Baille, commosso dopo la partita, hanno ringraziato anche i compagni che non hanno potuto disputare la finale, oltre ai tifosi francesi che non potevano arrivare a Londra: «Ho un pensiero per tutti i tifosi che non sono potuti venire qui, è un peccato aver giocato la finale in Inghilterra. Abbiamo anche un pensiero per tutti gli infortunati che abbiamo avuto questa stagione, penso che siano ancora al bar» conclude ridendo l’estremo francese. Rincara la dose Baille: «Abbiamo lasciato a casa i nostri amici, penso soprattutto a Juju Marchand. È difficile per loro e anche per noi. Questo è il risultato di tutto il lavoro di quest’anno, con Toto (Dupont) ci conosciamo dall’infanzia, è incredibile».

Per contro, Ronan O’Gara non ha accampato scuse e ha riconosciuto i meriti degli avversari, al di là dell’espulsione e della situazione che si è creata, e anzi riconosce quanto l’indisciplina abbia pesato sul risultato finale: «Siamo stati imprecisi e indisciplinati per i primi 40 minuti, a prescindere dal cartellino rosso. I perdenti cercano scuse, dovevamo essere migliori e non siamo stati abbastanza bravi, per cui complimenti al Tolosa». In particolare, l’ex stella irlandese ha posto l’attenzione sulla mancanza di continuità in attacco: «Volevamo essere migliori con la palla in mano, siamo arrivati alla fine ma non siamo stati consistenti per 80 minuti»

https://platform.twitter.com/widgets.js

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Champions Cup 2021/22: il calendario della coppa regina del rugby europeo

Ecco tutte le partite della prossima Champions Cup, con quattro turni che definiranno la griglia playoff. Si parte il 10 dicembre

7 Ottobre 2021 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: Ecco i gironi e il calendario dell’edizione 2021/22

Ecco i gironi e il calendario della Heineken Champions Cup 2021/22

21 Luglio 2021 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup 2021/2022: il 21 luglio il sorteggio dei gironi

La nuova coppa regina avrà 24 squadre al via, si giocherà su 9 turni e avrà gli ottavi di finale come l'anno scorso

3 Luglio 2021 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

La (nuova) formula della Champions Cup e le squadre qualificate

Saranno 24 le squadre al via per provare a strappare il titolo dalle mani di Tolosa, con incontri tra formazioni di campionati differenti

1 Luglio 2021 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Scacco matto: la meta di Tolosa che risolve la finale di Champions

L'atto conclusivo della coppa regina deciso da una grande lettura di Romain Ntamack e Selevasio Tolofua

24 Maggio 2021 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: gli highlights della vittoria di Tolosa su La Rochelle

Decisivi la meta di Mallìa ed il piede di Ntamack

23 Maggio 2021 Coppe Europee / Champions Cup