Scozia: Tommy Seymour si ritira a soli 32 anni

L’ala di Glasgow chiude con il rugby giocato

Scozia Seymour

Scozia: a soli 32 anni, si ritira Tommy Seymour ph. Sebastiano Pessina

Dopo il ritiro dall’attività internazionale con la Scozia, giunto al termine della deludente Rugby World Cup 2019 – in Giappone -, Tommy Seymour, ala classe ’88 dei Glasgow Warriors, ha annunciato la fine della propria brillante carriera, che lo ha visto fare grandi cose sia tra club – dieci anni agli Warriors, dal 2011 ad oggi, dopo l’accademia di Ulster – e Selezione del Cardo, vivendo in prima persona (ed apportandone un contributo non banale) il percorso di crescita dell’ultima decade del rugby scozzese.

Per Seymour – nato negli USA a Nashville, e qualificato per giocare a livello internazionale anche con l’Irlanda -, 48 mete in 150 presenze in maglia Glasgow, club con cui ha vinto il Pro12 nel 2015, portando avanti anche diverse altre grandi campagne celtiche, e 20 mete in 55 presenze con la nazionale scozzese, oltre che una prestigiosa convocazione per il tour dei Lions in Nuova Zelanda nel 2017, dove non giocò mai nella serie contro gli All Blacks, non riuscendo così a strappare caps, ma fu comunque molto impegnato nelle gare infrasettimanali contro franchigie e rappresentative locali.

Leggi anche: Sei Nazioni: il calendario dell’edizione 2022

“Sebbene la mia decisione sia stata presa da tempo, pare quasi impossibile riuscire a scrivere queste parole. In primo luogo, al club che mi ha accolto e fatto sentire subito a casa: grazie per aver creduto in me e per aver avuto fiducia in me anche quando non lo avrei meritato. Questo è il mio club, questa è la mia casa e non dimenticherò mai l’emozione del vivere e del giocare con Glasgow. Grazie ai tifosi ed a tutto lo staff, è stato un privilegio giocare per loro e con loro”, Tommy Seymour ha salutato così, con affetto, tutte le persone con cui ha condiviso la sua spettacolare carriera.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Summer Series: la preview di All Blacks-Inghilterra ad Eden Park

Nella prima sfida sono mancati i piazzati a entrambe le formazioni. La Nuova Zelanda è parsa superiore in mischia ma ha sofferto in touche: tutte le c...

item-thumbnail

Summer Series: la formazione della Francia per la sfida con i Pumas

Fabien Galthiè conferma gran parte del XV di una settimana fa e inserisce quattro possibili esordienti in panchina

item-thumbnail

Summer Series: la formazione dell’Argentina per il secondo test con la Francia

Cinque cambi per Felipe Contepomi, mentre Pablo Matera si appresta a tagliare un traguardo importante

item-thumbnail

L’Irlanda prova a mischiare le carte: la formazione per il secondo test con il Sudafrica

Peter O'Mahony si siede in panchina, mentre sono obbligati i cambi di Dan Sheehan e Craig Casey

item-thumbnail

Summer Nations Series: l’identikit di Tonga, prossima avversaria dell’Italia

Le Ikale Tahi all'assalto degli Azzurri con un mix di esperienza e volti nuovi

item-thumbnail

Summer Series: la formazione del Galles per il secondo round con l’Australia

Warren Gatland costretto ad alcuni cambi dopo la prima sconfitta di Sydney