Zebre, Michele Dalai: “Dobbiamo legarci in maniera forte al territorio di Parma”

Il nuovo presidente della franchigia ducale individua subito quale dev’essere la priorità operativa, e parla della Cittadella del Rugby

Zebre, Michele Dalai: "Dobbiamo legarci in maniera forte al territorio di Parma" (Ph. Ettore Griffoni)

Zebre, Michele Dalai: “Dobbiamo legarci in maniera forte al territorio di Parma” (Ph. Ettore Griffoni)

Dallo scorso lunedì 26 aprile, il nuovo Presidente delle Zebre è Michele Dalai. Il 47enne, che vive con la famiglia in provincia di Parma, ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta di Parma nella quale ha raccontato come già nel 2015 fosse stato vicino alla franchigia ducale grazie ad amicizie comuni. Dalai ha sottolineato il gran lavoro fatto da Andrea Dalledonne, che ha rimesso in piedi la società lavorando prima di tutto sulla credibilità del marchio Zebre.

Leggi anche: Zebre, Andrea Dalledonne lascerà i ducali dopo quattro anni

Adesso però si apre un nuovo ciclo in casa ducale, e per il presidente appena eletto il compito principale sarà quello di cercare e creare una simbiosi tra le Zebre e il tessuto economico locale, così da poter rendere ancor più forte il legame tra la città e la franchigia, spegnendo le voci di un possibile trasferimento che nell’ultimo periodo si erano fatte sempre più forti. Queste le parole di Michele Dalai: “Questo è un club che è a Parma e prima di tutto deve radicarsi qui, ma rappresenta anche una comunità di interessi più larga. Bisogna creare una sostenibilità, come ha detto anche il presidente della Regione Bonaccini, creare dei percorsi di sponsorizzazione e offrire qualcosa a chi investe, pur se comprendiamo che la situazione nazionale e mondiale non è certo delle migliori. La qualità complessiva delle Zebre è cresciuta negli ultimi anni e bisogna rappresentarla al meglio anche in futuro. Aumentando la fonte di ricavi potrà aumentare ancora”.

Leggi anche: Zebre, il bollettino medico su Giosuè Zilocchi

Il nuovo presidente delle Zebre ha poi parlato della Cittadella del rugby di Parma, che per forza di cose negli ultimi due anni complice la pandemia è stata poco utilizzata. Per lui però è grande la speranza nel fatto che, una volta sistemata la situazione sanitaria, la Cittadella possa essere il fulcro della rinascita dello sport cittadino.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

TAG:
item-thumbnail

Dentro la preparazione delle Zebre Parma verso la prossima stagione

A fare il punto della situazione è il responsabile della preparazione fisico-atletica Francesco Della Ceca

item-thumbnail

Zebre, Luca Bigi: “Ce lo stiamo ripetendo come un mantra, mai più ultimi”

L'ex capitano dell'Italia identifica degli obiettivi chiari: valorizzare i giovani e aumentare la competitività in URC

item-thumbnail

URC: un rinforzo in prima linea per le Zebre 2024/25

La mischia della franchigia ducale si arrichisce di un giocatore proveniente dalla Serie A Elite

item-thumbnail

Zebre Parma: programmata un’amichevole estiva il 22 agosto

I ducali preparano la nuova stagione di URC con una seconda amichevole di livello

item-thumbnail

Zebre, parla Roselli: “Tra cambiamenti e precarietà non è stato facile, eppure sta nascendo un’eccellenza”

Il tecnico romano saluta la franchigia emiliana, con cui ha collaborato complessivamente per 6 stagioni

item-thumbnail

URC: le Zebre imbrigliano a lungo Glasgow, poi nel finale passano gli scozzesi

La franchigia ducale gioca una partita di spessore, ma non basta per ottenere la vittoria in trasferta