Rainbow Cup: cronaca di un fallimento annunciato

Le sudafricane non verranno in Europa, si giocherà un doppio torneo che distrugge l’idea iniziale della competizione

La Rainbow Cup non si disputerà tra squadre del Pro14 e le sudafricane

La Rainbow Cup non si disputerà tra squadre del Pro14 e le sudafricane

Nelle scorse settimane su OnRugby avevamo riportato tutte le difficoltà organizzative legate alla Rainbow Cup, e nella mattinata di mercoledì il board del Pro14 ha preso una decisione abbastanza scontata, vista la situazione pandemica mondiale: organizzare il Torneo così com’era stato pensato è impossibile, dunque le squadre sudafricane non verranno in Europa a sfidare le altre formazioni del Pro14. Si procederà con due tornei separati, di sei giornate ciascuno, prima poi di chiudere la complicata stagione 2020/21.

Il board del Pro14 ha diramato un lungo comunicato nel quale ha svelato di averle “tentate” tutte per tenere in piedi la competizione, ma le regole d’ingresso e di uscita da paesi come il Regno Unito e l’Irlanda hanno di fatto reso impossibile la cosa. Per giustificare la figuraccia nel comunicato si evidenzia come siano state prese in considerazione addirittura 12 sedi per consentire alle formazioni sudafricane di venire in Europa e lavorare in un contesto medicale di alta sicurezza, ma non è stata trovata una soluzione valida. Da segnalare che, oltre a sedi britanniche e irlandesi, erano state valutate anche soluzioni europee continentali e addirittura mediorientali (verosimilmente i paesi del Golfo).

Leggi anche: Rainbow Cup: tre regole sperimentali in prova nel nuovo torneo

La cancellazione defacto della prima edizione della Rainbow Cup, come annunciato, non avrà impatto sui rapporti futuri tra Pro14 e SA Rugby, che contano già dalla prossima stagione di tornare a lavorare insieme. Queste le dichiarazioni di Martin Anayi, CEO del Pro14: “Un’incredibile quantità di energie è stata profusa per creare proposte e opzioni. Non avremmo potuto chiedere di più al nostro staff, alle nostre Federazioni ed a SA Rugby per sviluppare piani che fossero solidi dal punto di vista medicale ma, purtroppo, non abbiamo trovato una soluzione ideale in tempo utile per consentire alle squadre sudafricane di entrare nei nostri territori. Sebbene l’esito finale sia chiaramente lontano da quello che avremmo voluto, la nostra relazione con SA Rugby sarà fortemente rafforzata e migliorata da questa esperienza”.

Julie Roux, CEO di SA Rugby, ha detto: “E’ una grande delusione, ma semplicemente il tempo si era esaurito. Ogni strada è stata percorsa nel tentativo di trovate una soluzione alle sfide che si sono presentate, inclusa quella di far svolgere dei raduni di dieci giorni alle nostre squadre in Medio Oriente o in Europa. Purtroppo, non tutte le caselle sono andate al loro posto in tempo utile per tradurre i nostri piani in azioni concrete”.

Cosa succederà ora? In qualche modo la Rainbow Cup andrà avanti, ma con una soluzione assolutamente diversa rispetto a quella prospettata inizialmente. Le squadre verranno divise in due tornei in base all’emisfero di appartenenza, con dunque le squadre europee del Pro14 che si sfideranno tra di loro per sei giornate. Le prime tre sono già state programmate e fissate, le altre tre attendono la validazione di orari, date e sfidanti.
In Sudafrica invece si giocherà la Rainbow Cup SA, con Sharks, Lions, Bulls e Stormers impegnate a prepararsi al meglio prima del tour estivo dei Lions. Ancora non c’è un calendario delle loro sfide, ma a breve sarà comunicato.

Leggi anche: Il calendario dei primi tre turni di Zebre e Benetton Rugby

Nonostante il grande investimento di tempo e risorse da parte di entrambi i partner, la prima edizione della Rainbow Cup non nasce nemmeno, visto che la formula è completamente diversa da quella pronosticata lo scorso dicembre. Pur comprendendo perfettamente le ragioni alla base del disperato tentativo, non sarebbe stato più lungimirante,  vista la situazione sanitaria mondiale, evitare di mettere in piedi qualcosa di difficilmente realizzabile almeno per questa stagione, concentrandosi maggiormente sul creare qualcosa di solido per il prossimo settembre (ed evitando così anche di penalizzare il Pro14 da poco concluso)?

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Dentro la preparazione delle Zebre Parma verso la prossima stagione

A fare il punto della situazione è il responsabile della preparazione fisico-atletica Francesco Della Ceca

item-thumbnail

Benetton, Tiziano Pasquali: “L’idea è quella di alzare un trofeo”

Il pilone romano spiega quali sono le ambizioni personali e del club biancoverde

item-thumbnail

Benetton, Amerino Zatta: “Ogni anno ci siamo prefissati di fare un gradino alla volta”

Il presidente dei Leoni presenta la stagione 24/25 sia di URC che di Champions Cup

item-thumbnail

Zebre, Luca Bigi: “Ce lo stiamo ripetendo come un mantra, mai più ultimi”

L'ex capitano dell'Italia identifica degli obiettivi chiari: valorizzare i giovani e aumentare la competitività in URC

item-thumbnail

Comincia preparazione all’URC del Benetton: i convocati, gli assenti e il programma di lavoro

Due programmi differenti tra chi comincerà subito e i Nazionali impegnati nei test match e nelle altre competizioni