Sei Nazioni 2021, Seb Negri: “È ora di guardarci allo specchio e prenderci le nostre responsabilità”

Le parole del flanker azzurro a Talking Rugby Union, spaziando dalla nazionale al Benetton

Sebastian Negri Italia Galles Sei Nazioni 2021

Sebastian Negri in Italia-Galles, Sei Nazioni 2021 – ph. Sebastiano Pessina

Il flanker dell’Italia e del Benetton Sebastian Negri è uno dei sette giocatori anglofoni che collaborano con il portale inglese Talking Rugby Union, offrendo dettagli e punti di vista dall’interno del rugby giocato.

Nella sua ultima rubrica, Negri ha avuto l’opportunità di tornare sul Sei Nazioni appena concluso e di guardare avanti alle sfide del suo Benetton in Challenge Cup e nella Rainbow Cup.

“Penso che abbiamo performato bene contro l’Inghilterra e a tratti nella partita contro il Galles, ma se guardiamo a tutto l’arco del Sei Nazioni siamo davvero delusi di noi stessi – ha scritto il numero 6 azzurro in uno dei passaggi salienti del suo contributo – È ora di guardarci allo specchio e prenderci le nostre responsabilità, lavorare su ciò che non ha funzionato e ritrovarci.”

“Qualcuno potrebbe non essere d’accordo, ma penso ancora che abbiamo un gruppo molto giovane di giocatori che hanno dimostrato cosa possono fare e credo ancora che il percorso che stiamo facendo sia entusiasmante. So quanto sia difficile crederlo visti i risultati, ma dobbiamo sforzarci di tenere ciò che c’è di positivo e non preoccuparci troppo di quello che dicono gli altri, concentrarci sulle cose che possiamo controllare.”

All’interno di un gruppo con poca esperienza, che ha perso alcuni dei suoi principali leader tecnici e morali prima del Torneo, Sebastian Negri si è trovato a dover essere un punto di riferimento per la squadra. Alla fine del Sei Nazioni è stato uno dei giocatori che ha portato più palloni in assoluto (64) e il quarto migliore per avanzamento dopo il contatto (classifica guidata da Johan Meyer).

Un ruolo che egli stesso riconosce: “Sappiamo che si parla di noi, che c’è quel rumore di fondo. Dopo un torneo così è normale risentire di nuovo la solfa sul ‘perché l’Italia è ancora nel Sei Nazioni?’. Non è facile continuare a essere positivi, ma è mio compito come uno dei ragazzi più esperti del gruppo di essere di supporto e d’aiuto a questi giovani. Tocca a me ad alcuni altri farli andare avanti. Dobbiamo rimanere uniti e mostrare alla gente perché meritiamo di stare nel Sei Nazioni.”

Negri poi si dimostra entusiasta di essere di nuovo a Treviso, con l’obiettivo di sconfiggere Agen e approdare ai quarti di finale della Challenge Cup, là dove nessuna squadra italiana è mai arrivata.

Un pensiero finale è rivolto a Ian McKinley: “Sono stato molto fortunato a giocare con lui e qui è diventato uno dei miei migliori amici. Gli auguro il meglio nel futuro: qualsiasi strada percorrerà sono sicuro che avrà successo, perché Ian McKinley è un mito.”

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italrugby: gli Azzurri restano senza sponsor di maglia

Il main sponsor della nazionale esercitando il diritto di recesso ha scelto di non rinnovare il contratto con FIR

22 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Paolo Garbisi è nella lista dei 4 giovani mediani d’apertura più interessanti a livello mondiale

L'azzurro è in un sondaggio indotto da World Rugby assieme ad altri tre prospetti di altissimo livello

20 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La “querelle” sul trasferimento di Paolo Garbisi a Montpellier

La ricostruzione della vicenda che ha visto il mediano di apertura azzurro approdare a Montpellier per il prossimo TOP 14

17 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’Italia ha (ri)contattato Louis Lynagh

A dirlo è stato il papà Michael che svela anche i retroscena della cosa

29 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Maxime Mbandà: fra le Zebre e l’Italia, due “nuovi” capitoli della sua carriera

Il terza linea non vede l'ora aggiungere nuove pagine al suo personalissimo libro ovale

24 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: i convocati per la “prima” della nuova era Kieran Crowley, al via da domani

Nemmeno il tempo di rifiatare per il capo allenatore neozelandese, dopo il successo in Rainbow Cup. Comincia il suo percorso in azzurro

20 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale