Rugby Championship in sede unica: un’ipotesi che potrebbe tornare in voga anche nel futuro

Andy Marinos non ha escluso la possibilità di riproporre quanto visto in questo inedito 2020

Rugby Championship

Rugby Championship – ph. Sebastiano Pessina

Lo scorso fine settimana, con il pareggio tra Argentina ed Australia, ed il contestuale trionfo finale della Nuova Zelanda, si è concluso l’inedito Tri Nations 2020 – torneo privo del Sudafrica campione del Mondo, che ha rinunciato -, disputatosi interamente in Australia, per rispondere alle due sfide poste in essere dalle note problematiche sanitarie.

Un’edizione che resterà nella storia, tra partite memorabili, come il primo successo dei Pumas sui tuttineri, e polemiche furiose, montate sul caso Matera, che sembrava destinata ad essere l’unica, tuttavia, a disputarsi con questo formato così particolare, con tutte le partite andate in scena un singolo stato, anche perché, nelle scorse settimane, è stato ufficializzato che – con la presenza del Sudafrica, nonostante le recenti voci persistenti sullo sbarco degli Springboks nell’emisfero nord – il torneo manterrà la stessa struttura sino al 2030, con le squadre che – per ridurre al minimo gli spostamenti, disputeranno dei minitour, con l’intento di ottimizzare tempi e spese.

In un passaggio del comunicato stampa a consuntivo della competizione 2020, però, Andy Marinos, CEO di Sanzaar, ha lasciato aperta una piccola porticina anche alla possibilità di riutilizzare tale format, che si è dimostrato, in queste settimane, piuttosto valido.

Leggi anche: World Rugby Ranking, la classifica mondiale definitiva per il 2020

“Un aspetto positivo di questa competizione è stata la consapevolezza raggiunta da parte di tutte le Union che, se dovesse essere nuovamente necessario negli anni a venire, il format centralizzato del torneo è più che una possibilità fattibile, con l’intrigante prospettiva di turni con doppio incontro nello stesso impianto, uno dietro l’altro: un enorme vantaggio per i fan locali e per il pubblico generico di tutte e 4 le nazioni coinvolte”, ha dichiarato Marinos.

Chissà, dunque, che nei prossimi anni non si possa tornare ad assistere a un’edizione di questo tipo, simile per diversi aspetti ad un mini mondiale.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Due del Benetton e tante altre novità nell’Argentina per il Championship

Dentro anche Marcos Moneta e altri giocatori visti alle Olimpiadi, oltre a tanti di quelli che lo scorso autunno batterono gli All Blacks

30 Luglio 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

La Bledisloe Cup e il Rugby Championship hanno qualche problema

Il governo neozelandese ha sospeso per 8 settimane il corridoio libero da quarantena con l'Australia

23 Luglio 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

La decisione di World Rugby sul rosso a Koroibete

World Rugby ha deciso di graziare il giocatore dei Wallabies, dopo il rosso ricevuto contro la Francia nell'ultimo dei tre test match

20 Luglio 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Il Giappone bussa alla porta del Rugby Championship

Andy Marinos, CEO di Rugby Australia: "Vogliamo valutare il loro ingresso confrontandoci con loro nei prossimi anni"

30 Giugno 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship 2021: ecco il calendario, si parte ad agosto

Torna il Sudafrica, si giocheranno 12 partite in sole tre nazioni. Pronte anche le date per le tre sfide della Bledisloe Cup

21 Maggio 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship