Autumn Nations Cup, le Fiji tornano in campo: la formazione stellare (tra i trequarti) contro la Georgia

Le scelte di Vern Cotter per la gara di Murrayfield

Fiji

Fiji – Autumn Nations Cup ph. Sebastiano Pessina

Dopo un mese travagliato, con i rinvii delle sfide contro Francia, Italia e Scozia, per le ormai note questioni sanitarie, le Fiji – superata definitivamente la crisi in seno alla propria rosa di giocatori – possono finalmente tornare in campo, con straordinaria carica e desiderio, contro la Georgia, sabato 5 dicembre.

Leggi anche: Rugby in diretta, il palinsesto tv e streaming del weekend dal 4 al 6 dicembre

“Abbiamo vissuto una situazione difficile. Momenti che ti fanno crescere come squadra e come individui: abbiamo avuto tempo per pensare e riflettere. I giocatori, tuttavia, sono super focalizzati sul tornare in campo, le problematiche affrontate non hanno scalfito il loro desiderio e la loro concentrazione rispetto al rugby”, ha spiegato Vern Cotter, capo allenatore del team, a due giorni dal ritorno in campo dei suoi, sabato a Murrayfield, al cospetto dei caucasici, nella finale per il quinto posto dell’Autumn Nations Cup.

Le Fiji, dunque, torneranno in campo con una formazione di assoluto rilievo, soprattutto per quanto concerne la superba linea di trequarti, mix eccellente di forza, classe ed esperienza ad altissimo livello, e enorme linfa vitale proveniente dai tanti esordienti, nove in tutto, tra titolari e panchina (i flanker Johnny Dyer e Mesulame Kunavula together, e la seconda linea Temo Mayanavanua dal 1′, mentre Tevita Ikanivere, Haereiti Hatet, Samuela Tawake, Chris Minimbi, Manueli Ratuniyarawa and Simione Kuruvoli saranno a disposizione in panchina). In mediana la coppia Lomani-Vola Vola, con Botia e Radradra in mezzo al campo, ed un triangolo allargato lussuoso, con Nadolo e Tuisova, veterani con innumerevoli battaglie sulle spalle alle ali, e Murimurivalu all’estremo.

La formazione delle Fiji per la sfida di finale contro la Georgia – Autumn Nations Cup

1. Peni Ravai
2. Samuel Matavesi
3. Mesake Doge
4. Tevita Ratuva
5. Temo Mayanavanu
6. Johnny Dyer
7. Mesulame Kunavula
8. Albert Tuisue
9. Frank Lomani
10. Ben Volavola
11. Nemani Nadolo
12. Levani Botia
13. Semi Radradra
14. Josua Tuisova
15. Kini Murimurivalu

A disposizione:
16. Tevita Ikanivere
17. Haereiti Hetet
18. Samuela Tawake
19. Chris Minimbi
20. Manueli Ratuniyarawa
21. Simione Kuruvoli
22. Seru Vularika
23. Waisea Nayacalevu

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

British & Irish Lions: una nuova ipotesi. La serie contro il Sudafrica può disputarsi in Australia?

Un'idea suggestiva che potrebbe incontrare anche il gradimento delle parti

2 Febbraio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Dai British & Irish Lions 2009 ai British & Irish Lions 2021: il punto di vista di Peter de Villiers

Non solo ricordi legati alle partite, ma anche a tutto l'indotto portato dalla selezione d'oltremanica

26 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Rassie Erasmus: “Pur di giocare contro i Lions siamo disposti a qualsiasi cosa”

Il responsabile tecnico degli Springboks esprime il suo punto di vista sulla vicenda

18 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

British & Irish Lions: petizione popolare, con richiesta di rinvio del tour al 2022

I tifosi si schierano dalla parte della storia itinerante della selezione, senza dimenticare l'indotto turistico sudafricano

13 Gennaio 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Joel Stransky: “Cancellare il tour dei Lions sarebbe un disastro”

Lo storico numero 10 degli Springboks vede un futuro nero per l'atteso scontro tra Sudafrica e Lions

item-thumbnail

British & Irish Lions: e se il Tour del 2021 contro il Sudafrica si disputasse “in casa”?

La clamorosa ipotesi è al vaglio: da valutare ci sono incastri economici, logistici, sanitari, finanziari e tecnici