Pro14: In casa Benetton Rugby serve una svolta

Amerino Zatta e Antonio Pavanello spronano la squadra, partita male nel Pro14: contro gli Ospreys non si può sbagliare

Benetton Rugby - Kieran Crowley

Benetton Rugby – Kieran Crowley ph. Ettore Griffoni

Non è certo un bel momento quello del Benetton Rugby, che nelle prime quattro gare disputate (ci sono comunque due sfide rinviate) del Pro14 ha raccolto solamente un punto e langue in fondo alla classifica. Dopo aver affrontato le corazzate Leinster e Ulster, i Leoni sono caduti contro due avversarie alla portata come Scarlets e Cardiff Blues, denotando di dover ancora lavorare molto per concretizzare e finalizzare il gioco creato. I tanti errori commessi sono tra le cause, assieme all’indisciplina, del difficile avvio di stagione: ne hanno parlato ai quotidiani sia Amerino Zatta che Antonio Pavanello.

Leggi anche: Le tre statistiche chiave nella partita persa dai Leoni contro Cardiff

Il Presidente del Benetton Rugby è intervenuto sulle colonne della Tribuna, sottolineando come: “La squadra non abbia ancora quella impostazione, quella disciplina indispensabile per vincere: qui se non sei disciplinato ti puniscono subito. Inutile recriminare, quando si perde c’è solo una cosa da fare, il mea culpa. Mi auspico che questo momento passi velocemente, bisogna ritrovare un po’ di ordine per far capire che il valore di questa squadra è ben altro. E inaccettabile, al di là delle chiacchiere, che in quattro partite sia arrivato appena un punto. I fatti sono questi, al di là del valore di chi abbiamo affrontato”. Per Zatta ora la risposta deve arrivare dall’interno della squadra, senza che intervenga la società alzando la voce. Chiaro di come la partita del prossimo turno contro gli Ospreys assuma grande rilevanza nella stagione trevigiana.

Leggi anche: Risultati, calendario e classifica del Pro14

Dal Gazzettino invece ha parlato il direttore sportivo del Benetton Rugby Antonio Pavanello, sottolineando come contro Cardiff si sia vista la mancanza di “un piano B” per fronteggiare l’avversario, cosa che invece nel passato aveva portato a successi importanti. Il suo commento sul difficile inizio di stagione: “Pensavamo di poter raccogliere qualcosa di più, comunque dobbiamo prendere atto della situazione e cercare di migliorare. Il tempo per recuperare non manca, abbiamo giocato appena 4 partite, l’importante è voltare pagina”. Nelle ultime due gare sono stati segnati solo otto punti dai Leoni, come risolvere? “Dovremo curare la precisione e i dettagli, in certi momenti forse mettiamo troppa frenesia nelle nostre azioni, dovremo anche un po’ rivedere il nostro piano di gioco”. Domenica alle 14.45 a Swansea i Leoni si giocano un bel pezzo del loro immediato futuro, con l’obiettivo che non può che essere quello di vincere.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Benetton, Pettinelli: “I nuovi arrivi portano aria fresca. Abbiamo cambiato qualcosa in difesa”

Continua il lavoro pre-stagione dei Leoni. Il terza linea: "C'è tanto entusiasmo in squadra"

item-thumbnail

Benetton, Bortolami: “Se Ioane torna, bene, altrimenti faremo a meno di lui”

Il capo allenatore dei Leoni è stato chiaro: "Per me vige il concetto di squadra, non del singolo"

item-thumbnail

Benetton, Zatta: “Abbiamo obiettivi importanti. La Challenge? Non esistono squadre facili”

Il presidente introduce la stagione 2022-23: "Puntiamo a giocarci le nostre carte"

item-thumbnail

United Rugby Championship: le date e gli orari delle partite del Benetton

Tutte le informazioni su quando giocheranno i Leoni nel prossimo campionato

item-thumbnail

Benetton Rugby, Sam Hidalgo-Clyne: “Voglio portare il mio contributo proponendo un gioco rapido e istintivo”

Il mediano di mischia ha raccontato le sue prime impressioni con indosso la maglia biancoverde

item-thumbnail

Benetton-Ioane, la rabbia di Zatta: “Non ha rispettato i patti”, si rischiano le vie legali

Il presidente: "Prima Garbisi, poi Gustard. Non possiamo rimetterci ogni volta"