Italia, Abraham Steyn: “Contro l’Irlanda errori carissimi. Ora pensiamo all’Inghilterra”

Il terza linea azzurro è fiducioso che il lavoro fatto a livello fisico permetterà agli azzurri di crescere, evitando situazioni come quelle di Dublino

Abraham Steyn carica la linea irlandese a Dublino - Ph. OnRugby.it

Abraham Steyn carica la linea irlandese a Dublino – Ph. OnRugby.it

Nell’ultimo incontro virtuale con la stampa è intervenuto Abraham Steyn, terza linea della Nazionale azzurra e del Benetton Treviso, reduce dall’aver giocato tutti gli 80 minuti della sfida di Dublino, e ovviamente al lavoro coi compagni in vista dell’Inghilterra.

Leggi anche: Marius Goosen fa il punto dopo l’Irlanda e in vista del match con gli inglesi

La discussione è partita dai punti d’incontro e dall’enorme facilità con la quale l’Irlanda riusciva a imporsi. Steyn ha detto come “Loro siano stati bravi in fase di studio e preparazione della partita, mettendoci sotto grande pressione nei punti di contatto: riuscivano a impedirci di creare qualsivoglia struttura di gioco. Avevano una difesa presente che saliva fortissimo, non c’è stato molto da fare. Non siamo riusciti a sistemarci durante la gara settimana scorsa, ma stiamo lavorando duro per non vivere più situazioni come quella”. Il terza linea azzurro ha poi guardato avanti, con un’Inghilterra che ha caratteristiche di gioco simili rispetto a quelle degli irlandesi, dunque l’Italia sarà costretta a girare pagina il prima possibile, riuscendo a esprimere più efficacia e fisicità sui punti d’incontro.

Guarda anche le schede di OnRugby dedicate a tutti gli azzurri

Si è poi parlato del lavoro che la Nazionale sta facendo con Quentin Kruger, il nuovo preparatore atletico degli azzurri, che ha già lavorato con Franco Smith ai Cheetas: “Penso che stia andando molto bene con lui, anche se ovviamente non si può vedere subito l’effetto. Insieme abbiamo visto come i dati e i risultati dei test siano molto positivi, dobbiamo essere capaci di trasferirli in partita, oltre che di aumentarli ancora di più”. Sul fatto di giocare terza ala o terza centro come posizione preferita, Steyn ha sottolineato come per lui non conti il numero sulla maglia, ma la possibilità di dare il suo contributo alla squadra. Infine si è chiesto a Steyn come la sconfitta di Dublino avesse influito sulla mente del gruppo, e se lo stesso sia stato capace di voltare pagina in fretta: “Immediatamente dopo la gara si, certo, è stata dura ripensarci. Poi comunque siamo tornati subito a Roma e abbiamo analizzato la gara, scovando comunque anche delle cose positive. Voglio anche sottolineare come per lunghi tratti la squadra abbia difeso bene, poi gli errori commessi ci siano costati carissimo”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italrugby: gli Azzurri restano senza sponsor di maglia

Il main sponsor della nazionale esercitando il diritto di recesso ha scelto di non rinnovare il contratto con FIR

22 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Paolo Garbisi è nella lista dei 4 giovani mediani d’apertura più interessanti a livello mondiale

L'azzurro è in un sondaggio indotto da World Rugby assieme ad altri tre prospetti di altissimo livello

20 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La “querelle” sul trasferimento di Paolo Garbisi a Montpellier

La ricostruzione della vicenda che ha visto il mediano di apertura azzurro approdare a Montpellier per il prossimo TOP 14

17 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’Italia ha (ri)contattato Louis Lynagh

A dirlo è stato il papà Michael che svela anche i retroscena della cosa

29 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Maxime Mbandà: fra le Zebre e l’Italia, due “nuovi” capitoli della sua carriera

Il terza linea non vede l'ora aggiungere nuove pagine al suo personalissimo libro ovale

24 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: i convocati per la “prima” della nuova era Kieran Crowley, al via da domani

Nemmeno il tempo di rifiatare per il capo allenatore neozelandese, dopo il successo in Rainbow Cup. Comincia il suo percorso in azzurro

20 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale