Sei Nazioni 2020, Italia: una settimana per ritrovare il bandolo della matassa

Per sbrogliarlo poi la strada è ancora lunga, ma da Dublino gli Azzurri escono con più dubbi che certezze

Italia

Italia v Irlanda – ph. Sebastiano Pessina

E’ difficile mettere in prospettiva la sconfitta dell’Italia a Dublino, la peggior prestazione degli Azzurri sotto Franco Smith in una partita dove è andato quasi tutto storto, fatte salve forse le due estemporanee segnature di Edoardo Padovani e Paolo Garbisi, prima meta al Sei Nazioni di un giocatore nato negli anni Duemila.

L’Italia ha mostrato più lacune di quelle dei mesi di febbraio e marzo: i problemi nel punto d’incontro, già emersi nelle prime tre partite del Torneo, si sono ripresentati in maniera ancora netta complice anche l’interpretazione più stringente delle regole al breakdown. Solo a metà tempo i turnover nel punto d’incontro concessi dagli Azzurri erano già 8, una cifra che già risulterebbe eccessiva sugli ottanta minuti.

L’Irlanda si è chiaramente preparata per interpretare al meglio il giro di vite regolamentare, con Farrell che ha schierato alcuni tra i giocatori più competenti a rubare possessi: Will Connors è stato man of the match al debutto, coadiuvato da un ottimo Beirne, ma tutti gli avanti irlandesi si sono premurati di rendere infernale la vita all’insufficiente capacità azzurra di posizionare efficacemente il pallone da parte del portatore e di rendere innocue le minacce attraverso il lavoro dei sostegni.

Quando il possesso è stato mantenuto, sono subentrati altri due aspetti opposti per natura del problema ma con lo stesso effetto: errori in piccoli dettagli fondamentali, viene in mente la rimessa laterale in attacco dove il blocco di salto non ruota per proteggere il saltatore, Cannone, che a sua volta rimane alto e consente a Porter di mettergli le mani su un pallone vinto bene; confusione nel movimento generale in attacco, generato un po’ dal mancato avanzamento palla in mano, un po’ da una frenesia che ha annebbiato le menti di molti Azzurri.

Leggi anche: Sei Nazioni 2020, gli highlights di Irlanda v Italia

Anche nelle altre fasi di gioco è difficile trovare qualcosa di positivo: il gioco tattico al piede è stato incomprensibile, il sistema difensivo inficiato dagli errori al placcaggio, scarsa qualità del possesso ottenuto dai lanci del gioco.

Una settimana ci separa da un’altra partita durissima, un altro incontro dove arriva un avversario più di una spanna superiore, con molto più minutaggio agonistico nelle gambe e con l’urgenza di giocare per fare più punti possibili.

I miracoli non esistono. La priorità dovrà essere ritrovare un senso nello scontro fisico, per produrre palloni avanzanti e vedere un gioco offensivo meno caotico. A Dublino l’Italia è parsa andare sopra ritmo anche quando non era necessario, cercare di utilizzare rapidamente anche i palloni lenti, con il risultato di far giocare i nostri avanti con tutta la pressione della linea difensiva addosso.

Giocare con dei pod maggiormente lanciati e con un briciolo in più di incertezza su quale sarà il ricevitore del pallone potrebbero essere due punti dai quali ripartire. Un passo alla volta, con l’obiettivo e la speranza di riuscire ad essere maggiormente competitivi a novembre, quando si farà sentire la necessità di fare risultato.

Lorenzo Calamai

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Autumn Nations Cup: la formazione della Francia per Edimburgo

Fabien Galthié opera una serie di cambiamenti rispetto all'ultima partita, oramai tre settimane fa

20 Novembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: cancellate le partite rimanenti

Il torneo si è così chiuso nella notte di Parma, con il successo dell'Inghilterra

10 Novembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Galles: si dimette il tecnico della difesa Byron Hayward

Alla vigilia della Autumn Nations Cup, qualcosa inizia a scricchiolare nella gestione Pivac?

8 Novembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: si ponderano ipotesi di spostamento del torneo

La necessità di riaprire gli stadi al pubblico è il principio che guida le discussioni sul tema al momento

6 Novembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Antoine Dupont eletto miglior giocatore del Torneo

Il mediano di mischia della Francia è il primo transalpino ad aggiudicarsi il titolo. Emily Scarratt miglior giocatrice.

6 Novembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni, Italia-Inghilterra: al via il rimborso dei biglietti

Scatta oggi la procedura che consentirà ai possessori dei tagliandi di avere diverse possibilità in vista del futuro

3 Novembre 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni