In Francia c’è maretta tra la Federazione e la LNR

Da una parte gli interessi del rugby internazionale dall’altra quelli dei club

Bernarde Laporte

Bernard Laporte: la Federazione e la LNR ai ferri corti per il calendario internazionale – ph. World Rugby

L’autunno dei Test Match incombe e in Francia la situazione tra la Federazione e la LNR non è, per usare un eufemismo, delle migliori.

I club del Top14 infatti si sono detti insoddisfatti di come si è configurato il calendario relativo ai recuperi del Sei Nazioni 2020 e all’Autumn Nations Cup, che di fatto priverà le squadre di tanti dei loro giocatori per un periodo di quasi due mesi.

Alle parole sono seguiti i fatti con una mozione presentata al Consiglio di Stato Francese, dove però la LNR si è dovuta scontrare con le necessità del rugby internazionale; che la FFR rappresentava in quel momento.

Nonostante l’arrivo della sentenza, il dissapore è comunque rimasto perchè, al netto delle cinque partite in programma, c’è stata un’ulteriore goccia che ha fatto traboccare il vaso: la scelta di disputare un warm-up Test Match sabato 24 ottobre contro il Galles.

Leggi anche: Test Match, il calendario del super autunno internazionale 2020

Le società sono insorte minacciando di non rendere disponibili i propri giocatori. La Federazione allora ha risposto appellandosi alla regola 9 del prontuario messo a disposizione da World Rugby per quest’anno, dove si disponeva l’apertura e la chiusura delle finestre internazionali fra il 19 ottobre e il 5 dicembre 2020. Di contro i club hanno fatto sapere che per l’organizzazione di questa sfida non ufficiale contro il Galles, visto che non rientra in nessuna delle competizioni sopra indicate, la FFR avrebbe avuto bisogno dell’autorizzazione dei club, cosa che non è mai stata nè richiesta nè discussa.

Una vera e propria confusione che in questo momento sta interessando anche il Galles stesso, tanto che a Wayne Pivac, a disposizione dei giornalisti locali negli scorsi giorni, è stata fatta una domanda sulla possibilità di giocare la sfida e lui ha così risposto: “Siamo fiduciosi sul fatto che si possa disputare, ma ovviamente stiamo preparando anche un Piano B, una soluzione interna qualora non si dovesse giocare. Detto questo, vi ribadisco comunque che noi ci stiamo preparando per affrontare i Bleus ed è su questo che ci concentreremo nei prossimi giorni”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Summer Series 2024: i 37 convocati della Scozia

Gregor Townsend affronta il tour nelle Americhe con 10 esordienti

item-thumbnail

Una leggenda del rugby nello staff dell’Inghilterra

Un'ex star internazionale collaborerà con Borthwick prima delle Summer Series

item-thumbnail

Sudafrica: una defezione importante per il primo test estivo con il Galles

Mancherà una pedina di assoluto livello tra i trequarti, rimpiazzata da un giocatore emergente in mischia

item-thumbnail

Francia: Matthieu Jalibert rischia di saltare i test match delle Summer Series

Fabien Galthié potrebbe dover fare a meno del mediano a cui ha affidato la regia della squadra nella scorsa Coppa del Mondo

item-thumbnail

Summer Series 2024: i convocati dell’Inghilterra per i test match estivi

Sono 36 i giocatori selezionati da coach Borthwick per la sfida al Giappone e il doppio impegno con gli All Blacks