In Francia c’è maretta tra la Federazione e la LNR

Da una parte gli interessi del rugby internazionale dall’altra quelli dei club

Bernarde Laporte

Bernard Laporte: la Federazione e la LNR ai ferri corti per il calendario internazionale – ph. World Rugby

L’autunno dei Test Match incombe e in Francia la situazione tra la Federazione e la LNR non è, per usare un eufemismo, delle migliori.

I club del Top14 infatti si sono detti insoddisfatti di come si è configurato il calendario relativo ai recuperi del Sei Nazioni 2020 e all’Autumn Nations Cup, che di fatto priverà le squadre di tanti dei loro giocatori per un periodo di quasi due mesi.

Alle parole sono seguiti i fatti con una mozione presentata al Consiglio di Stato Francese, dove però la LNR si è dovuta scontrare con le necessità del rugby internazionale; che la FFR rappresentava in quel momento.

Nonostante l’arrivo della sentenza, il dissapore è comunque rimasto perchè, al netto delle cinque partite in programma, c’è stata un’ulteriore goccia che ha fatto traboccare il vaso: la scelta di disputare un warm-up Test Match sabato 24 ottobre contro il Galles.

Leggi anche: Test Match, il calendario del super autunno internazionale 2020

Le società sono insorte minacciando di non rendere disponibili i propri giocatori. La Federazione allora ha risposto appellandosi alla regola 9 del prontuario messo a disposizione da World Rugby per quest’anno, dove si disponeva l’apertura e la chiusura delle finestre internazionali fra il 19 ottobre e il 5 dicembre 2020. Di contro i club hanno fatto sapere che per l’organizzazione di questa sfida non ufficiale contro il Galles, visto che non rientra in nessuna delle competizioni sopra indicate, la FFR avrebbe avuto bisogno dell’autorizzazione dei club, cosa che non è mai stata nè richiesta nè discussa.

Una vera e propria confusione che in questo momento sta interessando anche il Galles stesso, tanto che a Wayne Pivac, a disposizione dei giornalisti locali negli scorsi giorni, è stata fatta una domanda sulla possibilità di giocare la sfida e lui ha così risposto: “Siamo fiduciosi sul fatto che si possa disputare, ma ovviamente stiamo preparando anche un Piano B, una soluzione interna qualora non si dovesse giocare. Detto questo, vi ribadisco comunque che noi ci stiamo preparando per affrontare i Bleus ed è su questo che ci concentreremo nei prossimi giorni”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Os Du Randt torna sul campo per allenare la mischia della Russia

Il leggendario pilone sudafricano si rimette in discussione per provare a rialzare la Russia dopo un periodo di risultati poveri

item-thumbnail

Dopo tre anni, nel 2022 l’Argentina tornerà a giocare in patria: ecco l’avversaria di luglio

I Pumas sfideranno la Scozia in una serie di tre test match, uno dei quali sarà disputato in una città che mai aveva visto la Nazionale

28 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Dick Muir è il nuovo head coach della Russia

Ex assistente degli Springboks e head coach degli Sharks proverà a risollevare il movimento dalla crisi che sta attraversando

24 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Eddie Jones sorprende tutti: “Rassie Erasmus? Aveva ragione sugli arbitri, ma è mancato il rispetto”

Il tecnico dell'Inghilterra ha analizzato quello che è successo con il Director of Rugby degli Springboks

22 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Gli higlights di Paesi-Bassi Spagna. Giocatore iberico in fin di vita per un incidente dopo la partita

Vittoria a due facce per la Spagna, che chiude il torneo in quarta posizione ma è molto preoccupata per uno dei suoi equiparati

21 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match