Bledisloe Cup: pazzo pari (16-16) tra All Blacks e Australia

A tempo rosso, i Wallabies prendono il palo con Hodge da oltre metà campo, gli All Blacks arrivano a un metro ma sciupano tutto

Bledisloe Cup

Bledisloe Cup – All Blacks v Australia (Photo by Marty MELVILLE / AFP)

Nuova Zelanda ed Australia non giocavano praticamente da un anno, dalle rispettive eliminazioni al mondiale nipponico. Il team di Foster mancava da una gara casalinga addirittura da oltre 400 giorni. Tutto sommato, però, in una ‘tortiera’ di Wellington gremita da 31mila spettatori, All Blacks e Wallabies hanno dato vita ad uno spettacolo di ottimo livello, quasi come se nel frattempo non ci fosse mai stata una tale, lunghissima ed inedita interruzione.

Leggi anche: World Rugby Ranking, la classifica mondiale aggiornata

Ne è uscita una partita pazza, un pareggio 16-16, che a tempo scaduto ha vacillato un paio di volte, con entrambe le compagini che hanno avuto la clamorosa occasione di vincere. L’Australia all’83’, con la punizione da oltre 60 metri di Reece Hodge, che ha sbattuto sul palo, mentre gli All Blacks, all’87’, si sono portati, palla in mano, a ridosso della linea di meta avversaria, con un multifase oltre la linea dei 5 metri – perché non usare il drop? Ce lo eravamo già chiesti anche lo scorso anno -, svanito malamente per un pallone perso in avanti.

L’avvio, di marca All Blacks, porta alla marcatura pesante di Jordie Barrett, nei primi 10′, attivato all’ala dallo splendido movimento di Damian McKenzie e dalle belle mani di Goodhue e Frizzell in trasmissione. Tuttineri che – brillanti in touche, soprattutto in difesa, ma meno dominanti delle attese con i primi 5 uomini, sia in chiuso che nel gioco aperto – vanno sull’8-0 al 25′, quando al termine di una serie di pick’n’go in zona rossa, l’arbitro concede un penalty per fuorigioco australiano a tre metri dalla linea di meta, su cui torna quando Savea va oltre, ma viene tenuto alto. Jordie Barrett va a segno e porta i suoi oltre break, ma poco dopo (30′), O’Connor risponde con la stessa moneta, fissando l’8-3 con un semplice penalty dentro i 22 rivali.

I padroni di casa potrebbero andare alla pausa lunga avanti di 10, visto che su una palla persa di Fainga’a, Cane, J. Barrett e Mo’unga sono eccezionali nel ribaltare il fronte, con mani stupende e corse super efficaci, per attivare Rieko Ioane sul lato sinistro, che indisturbato va a schiacciare l’ovale oltre la linea di meta, ma incredibilmente lo perde all’atto della pressione sul terreno.

I locali si rifanno in avvio di ripresa, quando su una splendida esecuzione in prima fase da rimessa laterale, Codie Taylor prende l’esterno di un disorientato Fainga’a, eseguendo uno splendido passaggio per la corsa all’ala di Bridge, il quale premia il sostegno di Aaron Smith, che vola in meta per il 13-3 (44′).

Strappo decisivo? Manco a dirlo, perché gli australiani, con straordinaria forza, ed altrettanta classe, restano nel match e pareggiano, sul 13, al 63′, prima grazie alla meta alla bandierina di Koroibete, innescato da un superbo O’Connor, che naviga sapientemente, all’altezza dei 22 m avversari, e poi con Filipo Daugunu, a segno poco dopo l’ora di gioco, abile a capitalizzare il superbo assist di un Nic White ispiratissimo. Poi, ecco il finale thriller – dopo il botta e risposta di piazzati nell’ultima decina di minuti, con Barrett che risponde ad O’Connor -, in cui entrambe le compagini sognano lecitamente di vincerla, arrivando, non solo in maniera figurata, ad un centimetro dal successo.

Domenica si replica ad Auckland, per gara2 della Bledisloe Cup.

Il tabellino di Nuova Zelanda v Australia – Bledisloe Cup

Nuova Zelanda: 15 Damian McKenzie, 14 Jordie Barrett, 13 Rieko Ioane, 12 Jack Goodhue, 11 George Bridge, 10 Richie Mo’unga, 9 Aaron Smith, 8 Ardie Savea, 7 Sam Cane (c), 6 Shannon Frizell, 5 Sam Whitelock, 4 Patrick Tuipulotu, 3 Ofa Tu’ungafasi, 2 Codie Taylor, 1 Joe Moody
A disposizione: 16 Dane Coles, 17 Karl Tu’inukuafe, 18 Nepo Laulala, 19 Tupou Vaai, 20 Hoskins Sotutu, 21 TJ Perenara, 22 Anton Lienert-Brown, 23 Caleb Clarke

Marcatori Nuova Zelanda

mete: Jordie Barrett (9′), Aaron Smith (44′)
punizioni: Jordie Barrett (27′, 79′)

Australia: 15 Tom Banks, 14 Filipo Daugunu, 13 Hunter Paisami, 12 Matt Toomua, 11 Marika Koroibete, 10 James O’Connor, 9 Nic White, 8 Pete Samu, 7 Michael Hooper (c), 6 Harry Wilson, 5 Matt Philip, 4 Lukhan Salakaia-Loto, 3 Taniela Tupou, 2 Folau Fainga’a, 1 James Slipper
A disposizione: 16 Jordan Uelese, 17 Scott Sio, 18 Allan Alaalatoa, 19 Rob Simmons, 20 Rob Valetini, 21 Jake Gordon, 22 Noah Lolesio, 23 Reece Hodge

Marcatori Australia

mete: Marika Koroibete (52′), Filipo Daugunu (63′)
punizioni: James O’Connor (30′, 74′)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

La formazione del Sudafrica per il secondo test con i Lions

Tre cambi nella formazione che affronterà i Lions nel secondo match della serie, due nuovi innesti anche in panchina

item-thumbnail

Lions: tre cambi nella formazione di Warren Gatland per gara 2

Le scelte dell'ex Galles, per una sfida che può già decidere la serie

item-thumbnail

Quade Cooper si unisce al raduno dell’Australia

L'apertura si unisce al gruppo di Dave Rennie, in teoria come "training player", ma sarà comunque a disposizione in caso di necessità

item-thumbnail

Warren Gatland: “Bello vedere i ragazzi rientrare così in partita. Mi aspetto un Sudafrica più forte”

Il commento dell'head coach dei Lions dopo gara 1, nelle sue colonne sul sito dei Lions

item-thumbnail

All Blacks attesi a breve in USA, per un test match estremamente remunerativo

Potrebbe allungarsi la lista degli impegni dell'anno 2021 per i 'tuttineri'

item-thumbnail

Video: gli highlights della vittoria dei Lions in gara 1 contro il Sudafrica

Decisiva la furente rimonta nella ripresa

25 Luglio 2021 Foto e video