In UK, messo in pausa il piano per il ritorno dei fan negli impianti sportivi

Si stava lavorando per riaprire gli stadi ad ottobre, ma il peggioramento della situazione ha bloccato il tutto

Premiership

Twickenham – ph. Sebastiano Pessina

Nel Regno Unito, l’intenzione – ad agosto – era quella di riaprire gli stadi, quantomeno con una capienza di un certo peso, a partire dal primo ottobre – dopo una serie di eventi “pilota”, con un numero ridotto di presenti sulle tribune (2700 persone) -, permettendo così ai fan di tutti gli sport di tornare a seguire, supportare e tifare la propria squadra dal vivo, ed alle compagini di ritrovare un’importante voce nella colonna delle entrate, in un periodo estremamente complesso dal punto di vista economico.

Leggi anche: I giocatori dell’Inghilterra hanno accettato una riduzione salariale del 25%

Il piano, che era già stato ridimensionato lo scorso settembre, con la capienza per le partite test ridotta a 1000 spettatori, ed il primo ministro Boris Johnson che aveva già lasciato intendere la necessità di rivedere le intenzioni originarie, è stato definitivamente bloccato.

A determinare lo stop – anche degli eventi pilota -, ovviamente, il peggioramento della situazione legata al noto virus, con lo stato di allerta per la trasmissione del suddetto che è recentemente tornato a livello 4 (“rischio di diffusione alto, o esponenzialmente in crescita”), e nuove misure di contenimento attese, nelle prossime ore, da Londra, dove sarebbe in programma una conferenza stampa ad hoc, tenuta da Johnson.

“Stavamo lavorando ad un programma specifico per il ritorno di un certo numero di persone negli stadi. Non sarebbe stato il caso, ad ogni modo, di avere stadi pieni di gente. Per ora, però, dobbiamo mettere in pausa questo progetto, restando sempre pronti, per rimetterci in moto in tal senso, non appena le circostanze renderanno possibile l’opportunità di portare più fan dentro le strutture”, ha spiegato Michael Gove, rappresentante del consiglio dei ministri, a BBC Breakfast.

Una notizia di grande impatto per tutti i club della piramide ovale in UK, e per le stesse federazioni britanniche, in primis quella inglese – la cui situazione economica è messa a dura prova dall’emergenza -, la cui speranza di riportare un numero importante – seppur contingentato – di tifosi sugli spalti di Twickenham e Murrayfield, tra test con i Barbarian, Six Nations e Autumn Nations Cup, nei prossimi mesi, sta vacillando pesantemente.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
TAG:
item-thumbnail

Premiership: Exeter batte i Wasps 19-13 in finale e bissa il trionfo in Champions Cup

Stagione trionfale per il team del Devon. Quasi un'ora in campo per Matteo Minozzi

25 Ottobre 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Lawrence Dallaglio lancia i Wasps in vista della finale di Premiership

L'ex grande giocatore inglese incoraggia la sua vecchia squadra che pomeriggio cercherà di fermare Exeter: servirà un'impresa

24 Ottobre 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Stephen Varney rimane in Premiership, rinnova con il Gloucester

Il mediano di mischia giocherà ancora per il club che lo ha cresciuto e formato

23 Ottobre 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: le formazioni per la finale fra Exeter e Wasps

Minozzi e i Wasps hanno ricevuto il via libera: affronteranno Exeter per il titolo di campione d'Inghilterra

23 Ottobre 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Adesso è ufficiale: la finale di Premiership sarà Wasps-Exeter

Sabato la squadra di Minozzi giocherà per il titolo inglese, e per vendicare l'amara sconfitta del 2017 all'extratime

21 Ottobre 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Wasps: quattro nuovi positivi. Finale di Premiership sempre più a rischio?

Un avvicinamento tribolato alla sfida con i Chiefs

19 Ottobre 2020 Emisfero Nord / Premiership