Georgia: spara a un giocatore, arrestato il vicepresidente della federazione

Merab Beselia ha ferito ad una gamba l’ex capitano della nazionale Sevens Ramaz Kharazishvili

COMMENTI DEI LETTORI
  1. mic.vit 17 Settembre 2020, 17:05

    ah…sarà bello rileggere i tabloid inglesi ed il loro sogno di vacanze georgiane nei weekend del 6n…

  2. kinky 17 Settembre 2020, 17:07

    Un ottimo biglietto da visita!

  3. djebel 17 Settembre 2020, 17:19

    Wow… 6N ciaone! Saremo pure scarsi come le pere cotte, ma per lo meno non abbiamo un pres che spara alla gente.

  4. Ventu 17 Settembre 2020, 17:59

    Poi si lamentano che la gente non vuole andare in georgia a giocare…
    Lo stato georgiano non ha neanche il controllo su tutto il loro territorio, questa è giusto una ciliegina sulla torta

  5. madmax 17 Settembre 2020, 18:52

    Dispiace per i giocatori ed il pubblico, meriterebbero di meglio.
    evidenzia ancora una volta come l’ultima del Tier 1 sia almeno due spanne sopra la prima del Tier 2, come ampiezza del movimento, stabilità finanziaria, profondità delle squadre e investimento a medio termine (nel lungo, come diceva Woody Allen, siamo tutti morti…)

    • RigolettoMSC 17 Settembre 2020, 22:47

      La citazione non è di Allen ma di Keynes.
      J.M. Keynes, per la precisione… 🙂

  6. olly69 17 Settembre 2020, 20:58

    Vedremo qs autunno se e di quanto l’ultima del Tier 1 é superiore di due spanne all’ultima del Tier 2. Sulla carta non c’è storia. Se un alto esponente della loro federazione tira fuori la pistola e si mette a sparare a un (ex)giocatore, tendo a pensare che lì ci sia un casino inannerrabile. Poi sul campo vedremo (lo scontro tra le due quarte dei gironi sará con tutta probabilità Italia-Georgia). L’Italia non ha alibi. L’ho già scritto: Il movimento italiano é di un’altro pianeta. Se così non sarà sul campo, qualcuno dovrà riflettere e mi auguro che si apra un dibattito serio alla luce del sole.

    • olly69 17 Settembre 2020, 21:10

      Scusate il refuso. Correggo: “ se e di quanto l’ultima del Tier 1 é superiore ALLA PRIMA del Tier 2“

    • Mich 18 Settembre 2020, 11:06

      Ciao Olly, soprappongo la mia posizione a ciò che scrivi. Ogni volta che si parla di Georgia io mi espongo e sostengo, a ragione secondo me, che ogni polemica e tentativo di accostamento sono inutili. L’Italia è supportata da un movimento ben diverso, e presenta in campo una qualità al di fuori della portata della Georgia. Un’eventuale sconfitta dei nostri, o anche una vittoria sofferta, dovrebbe necessariamente aprire un’analisi interna. Dubito che accadrà, vorrei ricordare che noi siamo quelli che credemmo di aver fatto il salto di qualità perchè battemmo il SA, guardandoci bene dall’ammettere che del SA quella squadra non aveva nulla, come del resto dimostrarono i risultati di una settimana dopo.

      • Hrothepert 18 Settembre 2020, 20:18

        @mich, ma noi siamo anche quelli che, sempre aFirenze, dimostrarono la differenza di gioco che c’ è tra noi e i georgiani!!!!

        • Mich 21 Settembre 2020, 09:56

          Certo, non c’è bisogno di usare 4 punti esclamativi, tendenza grammaticalmente e semanticamente non corretta. Sono fra quelli che non hanno dubbi sul gap fra noi e la Georgia, e l’ho detto in diversi ambienti fra i quali la mia replica al commento di Olly, replica alla quale, a tua volta, hai replicato.

  7. Parvus 18 Settembre 2020, 06:56

    Ramaz Kharazishvili, il giocatore gambizzato da Beselia, è stato fra i 32 rappresentanti di club georgiani che hanno protestato contro l’organismo di governo del rugby nel paese, accusando il presidente ad interim Giorgi Gorgaslidze di aver sabotato la creazione di una task force che aiutasse le società ad affrontare i problemi legati al coronavirus.

    La protesta si inquadra in un più generale malcontento legato alla mala gestione dei fondi statali destinati al rugby e alla mancanza di nuove elezioni in federazione, previste per gennaio e rimandate fino ad oggi a causa di dissidi interni.

    L’aggressione a Kharazishvili prosegue la triste storia di violenze all’interno dello sport georgiano: nel gennaio 2019 il lottatore Zurab Datunashvili, campione europeo, venne aggredito dal presidente della sua federazione Gega Gegeshidze; nel maggio 2018 l’ex presidente della federazione judo Lomer Zhorzholiani usò un’arma da fuoco nei confronti di diversi judoka che protestavano contra l’amministrazione sportiva.

    l’articolo recita bene tutto. si capisce lontano mille meglia che prima dovrebbero (i georgiani) presentare le credenziali di essere un paese democraticamente felice , stabile ed equilibrato, e poi pensare a proporsi come effettiva nuova istanza del rugby europeo…….
    da noi si dice…. ara in che stati! (guarda in che stato che stai! non ti vergogni??)

  8. Mich 18 Settembre 2020, 10:41

    Ragazzi buongiorno, qui i commenti si sprecano davvero.
    Innanzitutto, per quel che può valere, vorrei esprimere solidarietà a Kharazishvili. L’accaduto, per quanto apre per noi spiragli goliardici e desideri di rivedicazione al limite del comico, di fatto rappresenta un dramma che scoperchia l’effettiva situazione in certi Stati.
    E’ evidente adesso, come per molti di noi lo era già, che indipendentemente dall’Italia, la Georgia non ha, e gli auguro sinceramente di averla presto, una stabilità tale da poter portare lustro e valore aggiunto ad un torneo che, lo ricordiamo, è privato.
    La Georgia, rugbysticamente parlando, in definitiva, non mi preoccupa, sia per la qualità del gioco espresso sia per lo stadio, usando un eufemismo, prematuro dell’assetto sportivo ma, prima ancora, socio-politico.
    Detto ciò, qui siamo in presenza di un reato per futili motivi. La cosa assume rilevanza per noi perchè si parla di rugby, Georgia, sport ed altre parole chiave che ci toccano, ma vorrei segnalare che qualche giorno fa, in Italia, il mondo delle MMA (che io ho avuto il piacere di praticare in gioventù) è stato scosso dall’accostamento all’omicio di Willy, nei pressi di Colleferro. Vero, li non c’erano presidenti e vicepresidenti federali che sparavano addosso ai propri atleti, quindi l’aspetto per noi grottesco è da escludere; le dianmiche sono state altre e ben più gravi, e l’episodio ha evidenziato, facendo seguito a tanti altri, come anche il nostro tessuto sociale si stia sfilacciando, e come la violenza gratuita stia dilagando, complice forse anche i social e la visibilità sul web.

    • Hrothepert 18 Settembre 2020, 11:38

      @Mich, i delinquenti ci sono in ogni dove e lì non ci piove, poi in certi luoghi, oltre a esserci i delinquenti, c’ è anche un tessuto culturalmente più fertile per certi comportamenti e sia l’ episodio georgiano, che quello da te riportato ne sono esempi lampanti.

  9. 100DROP 18 Settembre 2020, 11:35

    Che ambientino… Mi sembra che abbiano tutte le carte in regola per sostituirci nel prossimo 6 Nazioni.

Lascia un commento

item-thumbnail

Greenpeace contro gli All Blacks: critiche per il nuovo sponsor

La federazione neozelandese ha annunciato un accordo di partnership con la multinazionale petrolchimica Ineos

28 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Perché il rugby italiano è così com’è

I fattori che determinano forza e ampiezza di un movimento, sono tanti e complessi. Abbiamo provato ad analizzarli

27 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Leggende metropolitane del rugby italiano: i contributi del CONI

Una rubrica per sfatare i falsi miti che circolano nel web ovale

26 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Rassie Erasmus e il presunto profilo falso

Il Director of Rugby del Sudafrica ha aizzato la polemica sui social dopo alcuni episodi avvenuti nel match di Sabato, usando anche metodi poco ortodo...

26 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Il fair play social di Rassie Erasmus

Dopo le risposte a tono delle scorse settimane

25 Luglio 2021 Terzo tempo
item-thumbnail

Dove si vedono le Olimpiadi in tv e streaming?

Copertura integrale per i due tornei di rugby 7s su Discovery, 200 ore complessive sulla RAI

23 Luglio 2021 Terzo tempo