Benetton, Crowley: “Alzata l’intensità, felice per la reazione. Favretto eccezionale”

L’head coach neozelandese ha parlato della vittoria dei leoni sulle colonne del ‘Gazzettino’

Kieran Crowley

Kieran Crowley – ph. Sebastiano Pessina

Gli avanti vincono le partite, i trequarti determinano con che margine. Un vecchio adagio ovale che si è confermato più che mai valido anche nel doppio derby agostano di Pro14, tra Benetton e Zebre, con entrambe le partite disputate su suolo italiano dominate dalla squadra al top con gli otto uomini davanti.

“Abbiamo aumentato l’intensità rispetto alla scorsa partita e alzato il livello del nostro gioco sotto vari aspetti, in più i dati su possesso e territorio sono molto positivi. Gli avanti hanno disputato un grande match, in più nel complesso abbiamo offerto un’ottima prova a livello disciplinare. Sono felice che i ragazzi abbiano reagito in questo modo dopo la delusione dello scorso weekend. Era importante per noi chiudere la stagione con una vittoria”, ha commentato, in tal senso, al ‘Gazzettino‘, l’head coach neozelandese – che oggi festeggia il 59esimo compleanno -, prima di concentrarsi su un altro aspetto di fondamentale importanza in vista della prossima annata, come la profondità della rosa a disposizione, emerso con toni positivi nel doppio confronto con i multicolor.

Leggi anche: Zebre, Bradley: “Miglioramenti in difesa. Molta più pressione di Treviso rispetto a Monigo

Turnover 

Come aveva spiegato a più riprese Antonio Pavanello, DS dei Leoni, questo doppio turno agostano avrebbe rappresentato un’occasione importante per testare lo stato di forma e la qualità di ogni singolo atleta in rosa, abile ed arruolabile attualmente. Un concetto condiviso dallo stesso Crowley, soddisfatto per quanto visto, da questo punto di vista, tra Treviso e Parma.

“Per noi è fondamentale avere una rosa profonda. E’ importante che anche i giovani si facciano trovare pronti, e l’unico modo per loro di esserlo è quello di scendere in campo. Lucchesi, Garbisi mi hanno dato ottime indicazioni”, ha dettagliato Crowley, spendendo anche delle parole dolci per il giovanissimo Favretto. “Ha disputato una partita eccezionale”, ha concluso Crowley.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

URC Awards: il Benetton Rugby è il club più innovativo della stagione 2023/24

Il club biancoverde è stato premiato per gli ottimi risultati raggiunti fuori dal campo

item-thumbnail

Marco Bortolami racconta i rapporti con Quesada, il mercato del Benetton e la difficoltà di “tagliare” i giocatori

Il tecnico dei biancoverdi nella seconda parte dell'intervista rilasciata a OnRugby: "Lasciar andare via o tagliare dei ragazzi che stimi è dolorissim...

item-thumbnail

Bortolami: “Benetton, stagione da 8. Il successo più bello è la crescita di Izekor, Spagnolo, Marin e gli altri”

Nella prima parte della lunga intervista rilasciata a OnRugby il tecnico traccia un bilancio della stagione: "I Bulls ci hanno fatto i complimenti. La...

item-thumbnail

Benetton, Pavanello: “Miglior torneo celtico di sempre. I Bulls? Ho più rimpianti per Gloucester”

Il direttore generale dei biancoverdi: "A Pretoria la squadra ha dato tutto. Il mercato? Un altro paio di arrivi e saremo a posto"

item-thumbnail

URC: Alessandro Izekor conquista un prestigioso premio individuale

Il flanker del Benetton Rugby e della Nazionale si è messo in luce accumulando percentuali difensive rilevanti

item-thumbnail

URC: il Benetton sfiora l’impresa. A Pretoria vincono i Bulls 30-23

Non basta un secondo tempo positivo per entrare in semifinale. Per Treviso in meta Ratave, Albornoz e Fekitoa