Sebastian Negri è pronto a tornare in campo

Il flanker del Benetton Rugby non vede l’ora di risentire il sapore della battaglia sul campo

Sebastian Negri

Sebastian Negri in azione ph. Massimiliano Carnabuci

Sebastian Negri sta mordendo il freno: il terza linea del Benetton Rugby e della nazionale non vede l’ora di tornare in campo per rimettersi prima la maglia biancoverde e poi quella azzurra.

In questi giorni di allenamento e di avvicinamento al doppio derby che vedrà i veneti opporsi alle Zebre Rugby, l’avanti ha parlato ai canali ufficiali del suo club rivelando le sensazioni che in questo momento sta provando e come vede le due partite contro la franchigia di Parma.

“Penso che tutti noi siamo carichi. Contro le Zebre – afferma Sebastian Negri – saranno due battaglie molto intense, noi ragazzi stiamo lavorando molto duramente. Da quando il lockdown è finito ci stiamo allenando con grande energia, concentrazione e sì, come ho detto siamo super contenti di tornare in campo e indossare nuovamente la maglia del Benetton Rugby”.

Un derby dalla doppia valenza: Pro14 e Italrugby. “Sicuramente il derby è molto importante anche in ottica nazionale. Ma è ancora più importante che noi giocatori del Benetton Rugby ci concentriamo sul nostro ruolo in campo, all’ottenere un buon risultato come squadra. Focalizzarci su quei piccoli dettagli e impossessarci della partita su ogni battaglia individuale. Penso che se performiamo come un team, come una squadra, prendendoci cura di noi stessi, togliendoci la polvere di dosso e concentrandoci sulle due supersfide, finiremo bene la stagione”.

Leggi anche, Pro14: date, orari e dirette tv della ripartenza

Poi vira sull’analisi tattica: “Quando giochi un derby ci sono tante fasi chiave, a cominciare dal gioco al piede che deve essere impeccabile, oltre al dover eseguire alla perfezione il piano di gioco; i derby – prosegue il terza linea – ti impongono di avere anche il giusto approccio mentale. Queste partite sono sempre combattute e penso che se noi lo faremo bene, mantenendo i corretti aspetti standard del nostro gioco, potremo portare a casa il risultato”.

Infine una conclusione sul suo reparto specifico e su come si sta evolvendo la concorrenza in squadra:Penso che tutti i permit players arrivati al Benetton Rugby siano stati fantastici sin dall’inizio. Non solo ottimi giocatori e grandi talenti, ma anche belle persone fuori dal campo, per me questo è ancora più importante; lavorano duro. Specialmente nel mio ruolo c’è tanta competizione, però è solo un aspetto positivo per il Benetton Rugby e pure per la nazionale italiana. Ciò porta a tenere alti gli standard, a lavorare duro, sentire il fiato dei ragazzi più giovani sul tuo collo ti porta a dare un contributo maggiore. Quindi è una cosa positiva, non solo per il Benetton ma anche per la nazionale, ci sono tanti giovani giocatori in rampa di lancio ed è eccitante far parte di ciò”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Il Benetton sfiderà una nazionale dell’est in amichevole?

Potrebbe assumere contorni decisamente internazionali il pre-campionato dei Leoni, che intanto continuano a lavorare a Treviso

item-thumbnail

Benetton, Andrea Masi: «Rosa competitiva, bisogna lavorare duro»

Il nuovo allenatore dell'attacco racconta il suo inizio con il Benetton in vista di una stagione molto impegnativa

item-thumbnail

Lorenzo Cannone a OnRugby: “Voglio ritagliarmi spazio”

Tra il Sei Nazioni appena terminato e il futuro al Benetton: Lorenzo Cannone si racconta a OnRugby

item-thumbnail

Benetton Rugby: sono due i capitani per la stagione 2021/22

Una fascia in coabitazione per i biancoverdi che affidano il ruolo a un trequarti e a un avanti

item-thumbnail

L’entusiasmo di Leonardo Marin, il nuovo Azzurrino del Benetton

A soli 19 anni il numero 10 della nazionale under 20 va a ingrossare le fila delle aperture a disposizione di Marco Bortolami, mentre sembrava destina...

item-thumbnail

Benetton, Tomas Albornoz: “Questa è una grande squadra”

Il numero 10 argentino si racconta, descrivendo il suo gioco e parlando di cosa è stato importante per scegliere l'Italia