World Rugby ha posticipato l’entrata in vigore delle nuove norme sull’eleggibilità

Si passerà dai 3 ai 5 anni di residenza per essere convocati solo al termine del 2021

Benetton Rugby

World Rugby ha prolungato la regola sull’eleggibilità: Iliesa Ratuva Tavuyara potrebbe essere azzurro nel 2021 – ph. Ettore Griffoni

World Rugby ha deciso di posticipare l’entrata in vigore delle nuove norme sull’eleggibilità di giocatori. Nel maggio del 2017 la federazione internazionale aveva deciso di cambiare la durata del periodo di residenza necessario per raggiungere lo status di equiparato da 3 a 5 anni.

La data in cui tale cambiamento avrebbe dovuto avere luogo era stata fissata per il 31 dicembre 2020. Ergo, tutti i giocatori che avessero modificato la propria residenza entro il 31 dicembre 2017 e avessero soddisfatto tutti gli altri requisiti, avrebbero potuto essere equiparabili. Due esempi sono Monty Ioane e Hame Faiva, entrambi arrivati in Italia nell’autunno del 2017 e quindi azzurrabili allo scadere dei 3 anni di residenza.

Ora World Rugby ha deciso di spostare la deadline di un anno, al 31 dicembre 2021. La motivazione addotta dalla federazione internazionale è l’eccezionale situazione venutasi a creare a causa della pandemia. Sarà quindi possibile equiparare tutti quei giocatori che hanno assunto la residenza nel paese entro il 2018.

Chi ne trae vantaggio

A beneficiarne immediatamente potrebbe essere la Scozia, che potrà così convocare tra le propria fila il forte pilone di Edinburgh Pierre Schoeman. Sudafricano, ex under 20 Springboks, il prima linea avrebbe dovuto attendere fino al 2023, essendo arrivato nella capitale scozzese nell’estate del 2018. Questa modifica lo renderà invece eleggibile per la nazionale del Cardo nel 2021, dopo il Sei Nazioni.

Schoeman si è già in passato detto intenzionato a raggiungere il palcoscenico internazionale con la Scozia, indipendentemente da quanto tempo dovesse attendere per guadagnare l’eleggibilità.

Anche il Giappone potrebbe immediatamente sfruttare la posticipazione della riforma: Jamie Joseph andrà in ritiro fra alcune settimane con una squadra di oltre 50 giocatori per preparare il torneo a 8 squadre di novembre, portando alcuni giocatori in via di equiparazione.

In Italia

Lo spostamento della data limite coinvolge tre giocatori che diventerebbero potenzialmente eleggibili per l’Italia a 2021 inoltrato, esattamente come Schoeman.

Si tratta del Leone Ratuva Tavuyara e delle Zebre Joshua Renton e Jamie Elliott. I tre non sono stati catturati da nessuna altra nazionale e hanno iniziato la loro residenza in Italia al termine dell’estate 2018. Se fossero interessati a rappresentare l’Italia, potrebbero essere a disposizione dello staff azzurro, che a quel punto valuterà se poi includerli nel gruppo della nazionale.

Discorso diverso per Dewaldt Duvenage. Il mediano di mischia gioca a Treviso dal 2018, ma avendo rappresentato il Sudafrica A, la seconda rappresentativa degli Springboks, è eleggibile solo per il proprio paese di nascita.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Cinque anni fa il miracolo di Brighton, quando il Giappone sconfisse il Sudafrica

La partita più incredibile nella storia dei Mondiali di rugby

19 Settembre 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: posticipati i sorteggi della fase a gironi

Rinviato il momento della formazione delle pool per la prima fase del torneo iridato

8 Settembre 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Inghilterra: si ritira Nolli Waterman, stella degli ultimi tre lustri ovali

Scarpini al chiodo a 35 anni, proseguirà le carriere parallele da allenatrice e commentatrice

6 Settembre 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Scott Robertson nello staff di Gatland per il tour dei Lions in Sudafrica?

I due ne starebbero parlando. L'innesto di Razor aggiungerebbe ulteriori spunti all'evento ovale più atteso del 2021

22 Agosto 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rugby World Cup: un’unica selezione per tutti i mondiali fino al 2031

Le sedi delle edizioni 2027 e 2031 del torneo maschile e quelle 2024 e 2028 di quello femminile saranno scelte a maggio 2022

13 Agosto 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Intervista alla fuoriclasse inglese Danielle Waterman, tra forte legame con l’Italia e movimento femminile

La ragazza britannica sarà protagonista di una 6 giorni di lavoro a Lignano, attorno a metà agosto