Calendario globale: si decide il 30 giugno. Test Match e Lions verso ottobre/novembre 2021

Il punto sulle discussioni in atto per la tanto attesa revisione planetaria

british & irish lions rugby o'brien

ph. INPHO/Dan Sheridan

Mentre in Nuova Zelanda il rugby ha ripreso la sua attività di campo, World Rugby e tutte le federazioni che fanno parte dell’organizzazione internazionale a capo di Ovalia hanno iniziato in maniera sempre più convinta a giocare un’altra “futura” partita: quella che riguarda la revisione del calendario globale.

In una nota diffusa proprio da WR sul suo sito ufficiale, si fa presente che in occasione del World Rugby Professional Game Forum tenutosi è iniziato lo scambio di idee a tutti i livelli: dal rugby internazionale a quello riguardante i club e le loro competizioni.

L’intento, inteso anche e soprattutto come necessità a livello finanziario, è quello di trovare un compromesso che consenta a tutti di portare a termine le proprie manifestazioni (Champions Cup, Challenge Cup, Sei Nazioni e Rugby Championship).

Una decisione in ogni caso sull’annata 2020, ammettendo che non si possa trovare una soluzione che soddisfi le esigenze di tutti, pur pensando di giocare una prima tranche di partite internazionali nel mese di ottobre e contemporaneamente consentire ai club di portare avanti il loro calendario, è prevista per il 30 giugno quando il Consiglio di World Rugby sarà chiamato a votare dopo un consulto col Comitato esecutivo di World Rugby.

In ottica 2021 invece, pensando al benessere dei giocatori e al Tour dei British & Irish Lions in Sudafrica – che potrebbe svolgersi in concomitanza con le Olimpiadi di Tokyo (perdendo così di appeal) – è possibile che la finestra internazionale di luglio non venga disputata venendo “sostituita” anch’essa da un nuovo ciclo fra ottobre e novembre dell’anno prossimo, nel quale la selezione d’Oltremanica (come anticipato da Onrugby) andrebbe ad affrontare gli Springboks.

World Rugby, The Six Nations, SANZAAR, International Rugby Players, Lions britannici e irlandesi, EPCR, PRO 14, LNR, PRL, Top League e sindacati del Comitato di gioco professionale: Argentina, Australia, Inghilterra, Figi, Francia, Giappone, Irlanda, Italia, Nuova Zelanda, Scozia, Sudafrica e Galles.

Giova ricordare infine, che le parti presenti al World Rugby Professional Game Forum erano: World Rugby, il Board del Sei Nazioni, SANZAAR, l’International Rugby Players, il Board dei British &  Irish Lions, L’EPCR, il PRO 14, la LNR, La PRL, il Top League e le Federazioni di Argentina, Australia, Inghilterra, Fiji, Francia, Giappone, Irlanda, Italia, Nuova Zelanda, Scozia, Sudafrica e Galles.

E’attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Kurtley Beale: “Ho giocato con i migliori al mondo: Finn Russell è tra loro”

L'estremo del Racing con uno spassionato consiglio a Warren Gatland: portare in Sudafrica il numero 10 scozzese

16 Aprile 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

L’omaggio di World Rugby a Massimo Cuttitta

Ovalia ricorda una delle sue leggende rievocando una storica meta del pilone azzurro

13 Aprile 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

British & Irish Lions: Gatland si porta la Scozia nello staff?

La stampa d'Oltremanica batte il tamburo: Gregor Townsend e Steve Tandy per affiancare l'head coach

12 Aprile 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2023: i primi dati ufficiali sulla vendita dei biglietti

Il Comitato Organizzatore si ritiene soddisfatto di quanto fatto fin qui

7 Aprile 2021 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

Nuovo sponsor di maglia (francese) per gli All Blacks?

L'accordo per la maglia tutta nera scadrà alla fine del 2021, quindi si libererà lo spazio più prestigioso per tutti i pubblicitari di ovalia...

6 Aprile 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

World Rugby Ranking: come si riparte con la classifica mondiale femminile?

Le azzurre si mantengono al terzo posto tra le europee