Dan Carter: da giocatore più pagato di Ovalia al minimo salariale

L’ex All Black giocherà il prossimo Super Rugby Aotearoa con i Blues a condizioni economiche ben diverse rispetto a quelle del passato, per amore del gioco e della famiglia

ph. Sebastiano Pessina

Negli ultimi anni, dopo la straordinaria cavalcata vincente al Mondiale inglese nel 2015, Dan Carter  – lasciata l’amata Christchurch e trasferitosi overseas – è stato a lungo in vetta alla classifica dei giocatori più pagati nel mondo di Ovalia, sia nel corso dell’esperienza francese al Racing 92 (nel triennio ’15-’18), che nella remunerativa avventura giapponese con i Kobelco Steelers, conclusasi negli scorsi mesi dopo la cancellazione della stagione nipponica in risposta all’emergenza sanitaria.

Leggi anche: I 10 rugbisti più pagati nel 2020

La chiusura di un rapporto, quello al team di Kobe, che sembrava poter far presagire ad un addio ai campi da rugby, ma il fuoriclasse due volte campione del mondo con la maglia dei tuttineri, in realtà, ha stupito ancora una volta tutti. Dan Carter, infatti, ha deciso – a 38 anni – di tornare a calcare i rettangoli verdi del suo paese, anche se con una squadra rivale dei suoi amati Crusaders, i Blues di Auckland (con cui ha firmato ufficialmente nella giornata di ieri), e stando alle sue recenti dichiarazioni, in un podcast in compagnia di Jonny Sexton (“Oggi le carriere dei rugbisti possono andare oltre la 40ina”), ha intenzione di farlo ancora a lungo.

Almeno per quanto concerne questo Super Rugby Aotearoa (al via sabato 13 giugno, in diretta su Sky Sport anche in Italia), però, in forte controtendenza con il recente passato, l’ex All Black avrà uno stipendio su standard lontanissimi da quelli a cui era abituato nel Sol Levante. In qualità di Injury Cover, infatti, riceverà uno compenso settimanale di 1800 dollari settimanali (circa 1030 euro), al minimo salariale. Incredibile, per un campione del suo calibro, ma vero. Straordinariamente vero.

“In questa quarantena ho capito due cose: quanto mi piace stare bene con la mia famiglia, e quanto mi manca il rugby”, ha spiegato Carter, che ha umilmente accettato un simile “declassamento” economico pur di stare più vicino ai propri cari ed al tempo stesso tornare ad abbracciare l’attività che più di ogni altro lo far sta bene, scongiurando contestualmente anche la triste possibilità di un addio forzato – senza un degno finale agonistico – segnato dall’emergenza sanitaria.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Super Rugby AU: i Brumbies sconfiggono i Reds e vincono il titolo

Il team di Canberra si impone 28-23 e torna a vincere un titolo dopo 16 anni

19 Settembre 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby AU: le formazioni della finale Brumbies-Reds

Ultimo atto del torneo tutto australiano: sfida ad alta tensione a Canberra. Tanti temi d'interesse e tanti futuri Wallabies in campo

17 Settembre 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Sudafrica: torna il rugby anche in terra Springboks

Amichevoli fra le franchigie, trials per la Nazionale e un nuovo torneo con sette squadre che ci dice qualcosa anche sul Pro14

16 Settembre 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby Australiano: cinismo, accuratezza e Reds, Rebles k.o. 25-13 (highlights)

La squadra del Queensland affronterà i Brumbies sabato prossimo

12 Settembre 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Il contorto tabellone dei playoff del Super Rugby Australiano

La post season prenderà il via il prossimo weekend

5 Settembre 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby AU: i Rebels in semifinale dopo una vittoria all’ultimo istante

Western Force fa sudare la squadra di Melbourne. Nella sfida tra Reds e Brumbies vincono i primi in un match senza sussulti

5 Settembre 2020 Emisfero Sud / Super Rugby