I 10 giocatori più pagati del mondo

Parliamo in termini di salario annuale, senza calcolare altri eventuali introiti. Fuori dalla top 10, ma dentro i primi venti giocatori c’è anche Sergio Parisse.

rugby Soldi

ph. Ueslei Marcelino/Action Images

Il mondo della palla ovale sta affrontando da alcuni anni un’impennata degli stipendi dei giocatori, con conseguenze come l’aumento delle spese che mettono in difficoltà i club, un modello di sostenibilità da rivedere, una concentrazione del talento mondiale nei campionati inglese e francese, la difficoltà di competere per le squadre dell’Emisfero Sud.

Girano, però, poche cifre per cui sia davvero possibile farsi un’idea di chi sono i giocatori con lo stipendio più alto al mondo e dove giochino.

Nello spulciare la classifica dei 10 giocatori più pagati al mondo, allora, scopriamo che nelle primissime posizioni troviamo due giocatori oramai a fine di una carriera più che illustre, che stanno percorrendo il viale del tramonto in Giappone.

Prima del recente licenziamento, la prima posizione era occupata da Israel Folau, la cui rescissione del contratto con Rugby Australia ha significato la sparizione dalla presente classifica. Il suo stipendio si aggirava intorno a 1.270.000 euro.

Due squadre di Premiership sono presenti rispettivamente con due giocatori, mentre nella top 10 c’è a sorpresa un solo giocatore di stanza in Francia. Il Pro14 vanta una singola presenza. Spoiler: è un giocatore irlandese molto importante.

Fuori dalla top 10, ma dentro i primi venti giocatori più pagati al mondo c’è anche Sergio Parisse. Il suo passaggio al Tolone gli è valso un piccolo aumento, che lo porterà ad ottenere circa 548.000 euro nella prossima stagione.

La top 10 degli stipendi 

1 – Daniel Carter, circa 1,2 milioni di euro
L’ex numero 10 degli All Blacks ha portato i Kobelco Steelers alla vittoria della Top League giapponese lo scorso anno. Per andare in Giappone, Carter ha dovuto tagliarsi lo stipendio di più di 300.000 euro all’anno rispetto a quanto guadagnava al Racing 92, squadra che lo avrebbe riaccolto quest’anno per un ultimo giro di giostra se ragioni mediche non avessero bloccato il trasferimento.

2 – Matt Giteau, circa 1,2 milioni di euro
La cifra che i Suntory Sungoliath spendono per il 36enne australiano li ha ripagati con un recente titolo giapponese. Rispetto ai tempi di Tolone, Giteau ha incrementato il suo salario andando a giocare nel Sol Levante.

3 – Charles Piutau, circa 1,1 milioni di euro
Corrisponde a 1 milione di sterline esatte lo stipendio dell’estremo neozelandese di Bristol, prelevato a peso d’oro dall’Ulster. La firma del contratto da capogiro, il più importante della storia della Premiership, è stato circondato dalle polemiche, con i Bears accusati di incentivare l’inflazione degli stipendi nel rugby europeo.

4 – Maro Itoje, circa 835.000 euro e 5 – Owen Farrell, circa 835.000 euro 
Il duo dei Saracens ha ottenuto il salario migliore del club Campione d’Inghilterra e d’Europa, e sono anche i primi giocatori della top 10 a giocare per la propria nazionale. Pare che Owen Farrell abbia quasi raddoppiato il proprio stipendio al momento del rinnovo del contratto ottenuto qualche mese fa.

6 – Aaron Cruden, circa 758.000 euro
Ecco il primo giocatore di stanza in Francia a comparire nella lista. Il suo contratto di tre anni per Montpellier avrebbe dovuto essere l’investimento che avrebbe portato il club sul tetto di Francia, ma il rendimento dell’ex All Black è stato deludente, anche a causa dei numerosi infortuni che lo hanno tormentato.

7 – Ayumu Goromaru, circa 725.000 euro
Vi ricordate l’estremo giapponese eroe della Rugby World Cup 2015? Dopo essere stato coperto d’oro a Tolone, dove per una stagione è diventato il giocatore più pagato del mondo, è tornato in Giappone, dove è ancora un mito. Oggi gioca negli Yamaha Jubilo.

8 – Steven Luatua, circa 725.000 euro
L’ex terza linea degli All Blacks ha accettato di lasciare la Nuova Zelanda e la maglia della nazionale per andare a Bristol quando ancora la squadra militava nel Championship, la seconda serie inglese. Una scelta comunque ben remunerata.

9 – Dan Biggar, circa 668.000 euro
Il mediano di apertura gallese ha monetizzato la seconda fase della propria carriera emigrando in Inghilterra, dove ha avuto una grande stagione con i Northampton Saints. Questo gli è forse costato qualche presenza in meno in nazionale, ma lo ha reso il giocatore gallese più pagato al mondo.

10 – Johnny Sexton, circa 600.000 euro
Ricordate quando Sexton venne soprannominato Johnny Cash per il suo stipendio da capogiro al Racing 92, nell’anno in cui decise di cercare fortuna in Francia? Ecco, sono passati sei anni ed oggi la federazione irlandese e il Leinster si occupano di coccolare il proprio numero 10 con una cifra all’incirca identica a quella dei tempi di Parigi.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: epica giapponese

La meta più bella e intensa della fase a gironi della Rugby World Cup 2019 è stata di Keita Inagaki, durante Giappone-Scozia

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: Magia nera

Gli All Blacks collezionano una sfilza di gesti tecnici abbacinanti per segnare l'ultima meta dell'incontro con la Namibia

16 Ottobre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: il dominio tecnico delle Fiji

Abbiamo scelto le tre mete più belle della fase a gironi. Questa di Frank Lomani contro la Georgia è sul gradino più basso del podio

15 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby in diretta: il palinsesto tv e streaming del weekend dall’11/10 al 13/10

Tanta Rugby World Cup e la terza giornata di Pro14 nel menù ovale del weekend

11 Ottobre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

Slow Motion #56: follie a Bayonne

Con due giocate pazzesche in una manciata di secondi, i baschi hanno messo segno la meta della settimana contro Agen

8 Ottobre 2019 Terzo tempo
item-thumbnail

European OnRugby Ranking: balzo in avanti di Clermont, Benetton in sedicesima piazza

Perdono terreno anche le Zebre, mentre i Cheetahs salgono di dieci posizioni

1 Ottobre 2019 Terzo tempo