Juan Imhoff: “Che tristezza enorme essere ancora fuori dai Pumas”

L’ala del Racing 92 è l’escluso più illustre dalla lista di Mario Ledesma. Una storia che va avanti da 5 anni

ph. Sebastiano Pessina

Alla fine della scorsa settimana, Mario Ledesma ha ufficializzato la lista dei 59 giocatori che verranno monitorati e presi in considerazione per gli impegni internazionali dell’Argentina. Nell’elenco non mancano i nomi di giocatori di stanza in Europa, anche di profili più volte esclusi dalle considerazioni dello staff tecnico dei Pumas nel recente passato, come Pato Fernandez. Manca, però, quello di Juan Imhoff, uno dei più brillanti talenti che il movimento rugbistico argentino abbia prodotto negli ultimi dieci anni. Una scelta che il giocatore, in un’intervista rilasciata a La Nacion, fatica a digerire.

“Quando ho visto la lista mi è presa una tristezza enorme. Si è sommata a quella per la situazione attuale e mi ha catturato in maniera particolare. Un dolore grande – ha affermato l’ala del Racing 92 – Ho cercato di capire perché sono rimasto fuori dai migliori. Mi batto ogni giorno per guadagnarmi un’opportunità. Mi sono fatto un sacco di domande, sui reali perché sia rimasto fuori dalla lista.”

L’ultima partita giocata da Imhoff con la nazionale albiceleste è stata la semifinale persa contro l’Australia alla Rugby World Cup 2015. Dopo quell’edizione, l’Argentina ha deciso di mettere in atto una politica di selezione di soli atleti militanti in patria. Regola che si è allentata solamente nelle settimane precedenti la scorsa edizione della coppa del mondo, ma Imhoff non è mai stato considerato. Anche adesso che, a guardare la lista dei 59, pare che nessuna norma sia in vigore, il trequarti non figura fra i piani di Ledesma.

“Mario [Ledesma] mi ha chiamato il giorno dopo l’annuncio della lista per spiegarmi la situazione dal suo punto di vista. Vediamo due cose diverse: lui guarda il quadro del 2023 e io mi vedo fuori dai migliori 60 senza averavuto l’opportunità di guadagnarmi un posto.”

“Gli ho detto che le mie uniche intenzioni erano di dare quello che posso al rugby argentino, metterci la faccia e ottenere l’opportunità di competere per un posto. Mi ha risposto che capisce, ma che deve puntare al più largo contesto del progetto per il mondiale del 2023.”

Il giocatore di Rosario ha 32 anni, ed è in effetti probabile che, giunto il mondiale francese, non sia più nelle condizioni di rappresentare al meglio il proprio paese. Tuttavia non esclude di poter fare del bene al gruppo Pumas: “Quando ho parlato con Mario [Ledesma] gli ho raccontato un aneddoto personale della preparazione del mondiale 2011. In quella squadra c’era Lucas Borges, che aveva una storia con la nazionale che parlava per sé. Io ero molto giovane e l’apporto che diede alla mia carriera la sua vicinanza, mostrandomi il cammino attraverso l’umiltà, il lavoro, senza mai darsi per vinto né per l’età, né per la stanchezza, né per il suo stato fisico. Cose che mi hanno segnato per la vita. Quello che voglio è contribuire come posso al rugby argentino, sia giocando che non giocando. Però questo lo decide un’altra persona.”

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

I Pumas lavorano già per la RWC 2023

Mario Ledesma ha stilato una lista di 59 giocatori per far parte del nuovo ciclo mondiale della nazionale argentina

24 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Michael Cheika: “Avrei dovuto lasciare i Wallabies prima”

In un'intervista al Times l'ex coach dell'Australia ha detto che avrebbe dovuto lasciare la nave già nel 2018

24 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

All Blacks: Scott Barrett firma fino al 2023

Il seconda linea ha siglato il rinnovo con la federazione neozelandese, giocherà ancora con i Crusaders

19 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Australia ha un nuovo CEO ad interim

Rob Clarke subentrerà, momentaneamente, a Raelene Castle

6 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Australia: Raelene Castle si è dimessa

Lascia il ruolo di CEO della federazione australiana dopo due anni e sei mesi

23 Aprile 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Ufficiale: Ian Foster è il nuovo allenatore degli All Blacks

Dopo otto anni al fianco di Hansen, l'ex assistente tecnico diventa l'head coach della Nuova Zelanda. Contratto di due anni

11 Dicembre 2019 Emisfero Sud / Rugby Championship