Il Sei Nazioni non si tocca, parola del CEO dell’Irlanda

“Dobbiamo preservare ciò che abbiamo. Niente miglioramenti con la Georgia al posto dell’Italia”, ha spiegato al Podcast ‘Off the Ball’

Sei Nazioni 2020

Sei Nazioni 2020 (ph. Sebastiano Pessina)

Intervenuto al PodcastOff The Ball’, Philippe Browne, il CEO di Irish Rugby, ha fornito diversi spunti, ripresi anche dal Times, affrontando temi di grande interesse relativamente all’attuale struttura del Sei Nazioni ed ai modelli a cui ispirarsi per garantire una stabilità economica di un certo tipo alle federazioni coinvolte – tornando su alcuni degli aspetti che abbiamo analizzato la scorsa settimana su OnRugby -, con una chiosa anche sulla presenza azzurra nel torneo.

Rifiuto della Nations Cup, lo scorso anno

World Rugby ha provato a convincere le Union del Sei Nazioni ad accettare la nascita della Nations Championship, la nuova competizione globale, che avrebbe comportato, nella formula ‘originaria’, la presenza di promozioni e retrocessioni. Proposta e meccanismo rifiutati, anche perché avrebbe portato il torneo più prestigioso di Ovalia – una competizione privata – lontano dai fulgidi esempi di tornei dalle medesime caratteristiche partecipative in giro per il mondo.

Non a caso, nonostante lo sviluppo della Nations Cup – questo il nuovo nome ufficioso – sia uno dei punti del programma di Bill Beaumont, il rieletto presidente inglese di World Rugby, nella prima conferenza stampa del suo secondo mandato, ha precisato come, in ogni caso, il Sei Nazioni non verrà modificato, a prescindere dal lancio o meno del nuovo torneo.

Certezza dell’investimento ed importanza a 360 gradi dei fondi raccolti dall’alto livello

Browne guarda come modello alle leghe private degli sport americani e a quanto accade in Australia con le Aussie Rules, lega del calcio australiano, lo sport più popolare nel paese. “L’NFL, l’NBA e AFL sono le competizioni professionali di maggior successo, sono tutti tornei chiusi, privi del meccanismo di promozione/retrocessione. Così puoi investire realmente sulle tue strutture tecniche, sulle infrastrutture e sui tuoi giocatori.”.

“Riuscire a sviluppare uno sport professionistico, invece, in una situazione in cui è difficile investire adeguatamente per paura della retrocessione, diventa oltremodo complicato. Davvero, non ha molto senso”, ha chiarito il CEO dei verdi, entrando poi nel dettaglio della situazione della federazione dell’Isola di Smeraldo.

“Se l’Irlanda dovesse retrocedere in un torneo da affrontare, per esempio, contro Germania, Spagna, Georgia e Russia, tra le altre, la realtà è che dovrebbe immediatamente eliminare due delle proprie franchigie professionistiche per l’impatto che ciò avrebbe sulle finanze federali. Dobbiamo preservare ciò che abbiamo: al momento la parola chiave del nostro sport è sopravvivenza”, ha proseguito Browne.

Esclusi miglioramenti per la presenza della Georgia

Anche perché all’orizzonte non si vedono compagini in grado di reggere l’impatto con il torneo. “Si sente spesso parlare della Georgia, come della selezione che dovrebbe subentrare nel Sei Nazioni. Ma l’Italia ha battuto la Georgia più volte. Non credo si avrebbero grandi miglioramenti con l’ingresso della Georgia”, ha sentenziato Browne.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni, Laporte: “CVC acquisirà il 14,5% del Torneo”

Il vicepresidente di World Rugby ha reso nota l'operazione durante l'assemblea generale della federazione francese

item-thumbnail

Conor O’Shea: “Per poco Danny Care non scoprì i piani per la Fox”

L'ex tecnico azzurro racconta il piccolo, curioso retroscena che coinvolge Ugo Monye e un barbiere di Londra

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: John Jeffrey nuovo presidente federale

Lo Squalo Bianco nominato per il momento ad interim. Intanto Dave Rennie lascia Glasgow con un mese di anticipo

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Sei Nazioni: il XV ideale scelto da Andrea Masi

L'ex giocatore azzurro ha composto la sua formazione, dove non mancano alcuni compagni di squadra

25 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Il board del Sei Nazioni prende posizione sulla possibilità di un “4 Nazioni” senza Italia e Francia in autunno

Definite "inaccurate speculazioni" le voci giornalistiche circolate nelle scorse ore in UK

18 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni