British & Irish Lions: chi sarà il capitano del tour in Sudafrica? In lizza 5 giocatori

Una scelta logica, la sorpresa o il nuovo che avanza?

British & Irish Lions

British & Irish Lions (Photo by MICHAEL BRADLEY / AFP)

Al teorico inizio delle operazioni dei British & Irish Lions per il tour 2021 in Sudafrica manca poco meno di un anno e, con il pallone da rugby al momento fermo, nelle terre d’Oltremanica impazza in queste ore il “toto-capitano” per la selezione più antica e prestigiosa di tutta Ovalia.

La patata bollente è in mano a Warren Gatland, che guiderà i “rossi” per la terza volta consecutiva (dopo aver battuto l’Australia e aver pareggiato contro gli All Blacks, ndr), il quale sembra aver ridotto a 5 nomi la rosa dei possibili skipper. Andiamo a vedere quali sono

Alun Wyn Jones: la scelta logica
Il gallese proseguirebbe nella “linea dinastica” di leadership tracciata da Sam Warburton avendo una totale empatia con lo stesso Gatland, data da dieci anni di esperienza con lo stesso allenatore nella nazionale dei Dragoni.
Owen Farrell: l’uomo abituato alle responsabilità
Nel mondo del rugby è un personaggio controverso: uno così o lo ami o lo odi (sportivamente parlando). Di certo il  valore dell’apertura inglese è assoluto ed è uno che, venendo temprato dalla guida di Eddie Jones, ha imparato a navigare nel mare in tempesta reggendo la pressione anche in momenti difficili.
Stuart Hogg: potrebbe essere il suo momento
L’estremo scozzese potrebbe, anche a livello di “politica interna” fra Unions, mettere d’accordo un po’ tutti. Ha esperienza e quella di essere scelto come capitano sarebbe l’occasione per provare definitivamente a consacrarsi a livello internazionale.
Maro Itjoe: il “nuovo” che avanza
L’avanti inglese non ha di certo bisogno di presentazioni. Certo, per uno che non ha mai fatto il capitano a livello internazionale questa nomina potrebbe essere anche un boomerang, anche se il classe 1994 ha dimostrato di avere grandi attributi e in ottica futura “la fascia” almeno a livello interno – per quanto riguarda la Rappresentativa della Rosa – sarà quasi senz’altro sua.
James Ryan: la sorpresa…ma non troppo
Forse non sarebbe atteso come gli altri quattro, ma il seconda linea irlandese ha sicuramente l’anima del capitano e del vincente. Chissà che non possa essere lui il nome scelto da Warren Gatland, anche se al momento il suo profilo potrebbe essere più adatto per qualche midweek test contro le franchigie locali.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Greig Laidlaw: “La Scozia può vincere il Sei Nazioni nei prossimi due o tre anni”

Il mediano di mischia lancia la sua profezia per il futuro

item-thumbnail

British & Irish Lions: fra il pareggio con gli All Blacks e l’incertezza degli Springboks

La selezione d'Oltremanica ricorda lo storico match provando a proiettarsi verso l'anno prossimo

item-thumbnail

E se Hoskins Sotutu giocasse con l’Inghilterra?

Scopriamo perchè e come il fenomeno dei Blues potrebbe vestire la maglia numero 8 della squadra di Eddie Jones

item-thumbnail

“Non canterò più Swing Low, Sweet Chariot “, lo dice il CEO della Federazione Inglese

In Inghilterra continua a far discutere il canto dei tifosi della Nazionale della Rosa

item-thumbnail

Francia: Galthié svela alcuni retroscena del ritiro internazionale di Jefferson Poirot

Il ct della nazionale transalpina offre un punto di vista diverso alla vicenda

item-thumbnail

Eddie Jones lancia l’allarme: “Il rugby? Sta diventando troppo simile al football americano”

Il coach dell'Inghilterra analizza l'evoluzione del gioco negli ultimi vent'anni