16 anni fa, “la mano di Rob Howley” per quella leggendaria meta nella finale di Heineken Cup

Uno dei momenti più incredibili nella storia della massima competizione europea

Rob Howley – AFP PHOTO/FRANK FIFE (Photo by Franck FIFE and – / AFP)

Nel corso della lunga e gloriosa carriera, tra campo (con Galles, British and Irish Lions e Wasps, tra le altre) e panchina (da capo allenatore ha vinto il Sei Nazioni 2013 alla guida dei dragoni, con Warren Gatland impegnato sul fronte Lions), di Rob Howley – cinquantenne gallese giunto ad un passo dal divenire il CT azzurro lo scorso anno, prima che una squalifica per aver infranto il regolamento di WR per quanto concerne le scommesse lo fermasse per 18 mesi – sono stati diversi gli attimi e le partite ovali da ricordare.

Leggi anche: Cosa fanno oggi gli azzurri del XV ideale dell’epoca Sei Nazioni?

Nessuno, però, è minimamente paragonabile, in termini di impatto emozionale ed iconicità del momento, a quello in cui, negli attimi finali della finale di Heinken Cup 2004, “la mano di Howley” – quasi come quella di Maradona a Messico ’86 – entra negli annali della massima competizione continentale per club.

Il pomeriggio del 23 maggio di 16 anni fa, in un Twickenham gremito quasi in ogni ordine di posto London Wasps e Tolosa si affrontano nella finale della Coppa Europa. Una partita tiratissima, il cui tabellino, al 77′, dopo il terzo piazzato a segno nella partita di Elissalde recita 20-20. Sembra tutto, ma proprio tutto apparecchiato per i tempi supplementari, ancor più quando Howley, mediano di mischia del team britannico, raccoglie un calcio avversario a ridosso della linea dei 10 metri, in attacco, ed esegue un grubber lungo l’out di sinistra del campo.

Una soluzione sicuramente insidiosa, con l’ovale, che rotola a ridosso della linea che delimita il campo perpendicolarmente alla linea di meta, ma che non regala mai realmente la sensazione di poter cambiare l’esito della partita, anche perché il pallone sembra in assoluto controllo di Clement Poitrenaud, estremo della nazionale francese, il quale attende sonnacchiosamente che giunga in area per annullare, in apparente tranquillità.

Atteggiamento fatale, perché dal nulla, alle sue spalle, sbuca come una piovra proprio Howley, che crede sino all’ultimo istante utile nella possibilità di poter bruciare l’avversario, inventandosi una delle mete più incredibili nella storia del torneo, ancor più se considerato il contesto in cui viene realizzata, con le lancette dell’orologio di una finale, con punteggio in assoluta parità, che stanno scorrendo inesorabilmente verso l’80’.

Cinque punti, corroborati dai due della trasformazione di Van Gisbergen che valgono il 27-20 conclusivo e consentono ai Wasps, allenati da Warren Gatland – personaggio che si ritroverà più volte, negli anni a fianco di Howley -, di vincere la prima Coppa Europa della loro storia (concederanno il bis nel 2007), archiviandola, verosimilmente, nel modo migliore possibile.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

La formazione di Tolosa per la finale di Champions contro Leinster

Un XV stellare per la sfida di Londra. Kinghorn batte Ramos per la maglia numero 15, mediana classica Dupont-Ntamack

24 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: la formazione del Leinster per la finale contro Tolosa

Gli irlandesi vogliono tornare sul trono continentale

24 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions e Challenge Cup: sede, calendario, orari e arbitri delle finali europee

Tutto il programma delle finali Gloucester-Sharks e, soprattutto, Leinster-Tolosa

21 Maggio 2024 Coppe Europee / Challenge Cup
item-thumbnail

Leinster verso la finale di Champions, Cullen: “Siamo un’altra squadra rispetto alle finali perse con La Rochelle”

Per la terza volta consecutiva la franchigia irlandese arriva all'ultimo atto, e secondo il tecnico stavolta può finire diversamente

20 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup, Thomas Ramos lancia Tolosa: “Siamo una squadra a cui piace fare la storia”

Inizia la settimana di avvicinamento all'attesissima finale di Londra fra le due squadre più titolate di sempre

20 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Anomalia rugby: nessun premio in denaro per chi vince la Champions Cup

Una soluzione che non è stata imposta dall'EPCR ma decisa dagli stessi club

7 Maggio 2024 Coppe Europee / Champions Cup