Conor O’Shea: “Ian McKinley diventerà un ottimo allenatore”

Nella prima puntata del “The Eddie Jones coaching podcast”, l’ex CT azzurro ha sfiorato anche temi legati all’Italia

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Sandokan 11 Maggio 2020, 02:51

    Alle volte sarebbe bastato fare i cambi al momento giusto…

    • massimiliano 11 Maggio 2020, 12:25

      Eh sì…o scegliere una panca che offrisse alternative corrette. E invece si appella alla cultura, al momentum, al papocchium. Forse certe cose raegluo se se le risparmiava, visto che ne ha combinate un tot e poi è scappato a gambe levate.

  2. Parvus 11 Maggio 2020, 10:51

    in parte hai ragone sando kan!
    ma non è solo questa la causa di tante sconfitte!!!

    • Sandokan 12 Maggio 2020, 06:45

      Sicuramente no, ma problemi simili li hanno avuti anche altri allenatori, eppure qualche risultato in più lo hanno comunque ottenuto… pensa ai mega problemi della nazionale femminile, eppure se avessimo fatto i loro risultati nel 6 Nazioni, a questo punto saremmo su un altro pianeta.
      Nessuno vuole nascondere i (molti) problemi, ma il compito dell’allenatore e’ di ottenere il meglio possibile con quello che si ha a disposizione.

  3. Parvus 11 Maggio 2020, 11:18

    comunque uno come conor o’shea lo avrei promosso a livello superiore dando spazio anche a smith come allenatore in campo, ma veramente non mi sarei privato di uno come lui! altresì avrei poi messo vicino al conor, tecnici e funzionari fir italiani perché avrebbero imparato tanto….. questo anche con franco…….! abbiamo bisogno di acquisire competenze per arrivare all’alto livello…, non dobbiamo perdere queste persone che vanno ad avvantaggiare per quello che faranno o per quello che possono fare il rugby inglese.

  4. Parvus 11 Maggio 2020, 11:19

    scusate è partito il post…

    insomma manca la cultura di creare una vera federazione.

  5. Interza 11 Maggio 2020, 20:11

    Jones e O’Shea è proprio il caso di dirlo, il Gatto e la Volpe !
    O’Shea credo sia stato il tecnico di campo peggiore di tutti i tempi per l’Italia. Non lo dico io, lo dicono i risultati e l’inconsistenza della sua tattica e di Catt. E certo sentire lui parlare della motivazione nell’intervallo deve essere anche comico.
    Senza contare che si è appoggiato alla motivazione italica della famiglia e ha lasciato la Nazionale praticamente prima del mondiale. Un gran motivatore non c’è dubbio. E le colpe del suo fallimento, perchè di questo si tratta, sono tutte sue, smettiamola di parlare di federazione, mancata programmazione o di essere fuori ruolo. Lui è un professionista e ha accettato di firmare per fare il tecnico. Ha fallito, si faccia un esame di coscienza. Non è il momentum di parlare a vanvera. E speriamo non porti jella al buon McKinley da cui può certamente imparare tante cose sulla vita e come si sta al mondo.

Lascia un commento

item-thumbnail

Bingham Cup Roma 2024: presentata l’XI edizione del torneo LGBTQIA+

Dal 23 al 26 maggio quattro giorni di partite nella Capitale per il campionato di rugby amatoriale inclusivo

17 Maggio 2024 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Il pensiero del pilone Ben Tameifuna sulle modifiche al regolamento

La prima linea del Bordeaux-Begles sostiene la "causa" della mischia

16 Maggio 2024 Rugby Mondiale
item-thumbnail

World Rugby rende effettive 3 modifiche al regolamento da luglio

Modificato il fuorigioco in gioco aperto, eliminata l'opzione "mischia" su calcio libero e bandito il "Crocodile roll". Annunciate anche sei ulteriori...

10 Maggio 2024 Rugby Mondiale
item-thumbnail

World Rugby semplifica e chiarisce le regole intorno al cartellino rosso

Il governo mondiale ovale si concentra sulle sanzioni lasciando la porta aperta all'espulsioni a tempo

10 Maggio 2024 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Gianluca Gnecchi arbitrerà alle Olimpiadi di Parigi 2024

L'arbitro italiano è stato incluso nel gruppo di direttori di gara per il torneo Sevens a cinque cerchi

9 Maggio 2024 Rugby Mondiale
item-thumbnail

HSBC SVNS 2024: sorteggiati le pool del gran finale di Madrid

Ultimo atto per le migliori 16 squadre al mondo nella capitale spagnola