Pro14: settimane decisive per provare a ripartire, tra fiducia ed oggettivi ostacoli

In ogni caso, si tratterebbe di un finale “ridotto”

ph. Matteo Mangiarotti – OnRugby

Le sorti della stagione ’19/’20 del Pro14 – torneo stoppato dopo la 13esima giornata (Benetton e Zebre, invece, ne hanno disputate solamente 12), ad 8 turni dal termine della regular season – verranno stabilite nelle prossime settimane, con una decisione definitiva, in un senso (prosecuzione, con il completamento del campionato e l’assegnazione del titolo) o nell’altro (chiusura), che dovrà arrivare necessariamente, al più tardi, entro la fine del mese corrente, con aggiornamenti importanti, tuttavia, attesi già la prossima settimana.

Dalla riunione in videoconferenza del board celtico, andata in scena nella giornata di giovedì – presenti per l’Italia i due membri Antonio Pavanello e Fabio Gaetaniello -, è emerso come, nonostante vi sia piena percezione della complessità della situazione attuale nei territori del torneo, ci sia ancora volontà piuttosto diffusa ed altrettanta fiducia nel provare a ripartire e scrivere una fine sul campo alla stagione (seppur con una forma rivoluzionata) nei mesi di luglio, agosto e settembre (sia per salvaguardare interessi economici di peso, sia per dare una dignità sportiva all’annata, assegnando il titolo), considerando quasi certa, ormai, la cancellazione dei tour estivi internazionali nell’Emisfero Sud. Un desiderio che, però, dipenderà ovviamente anche e soprattutto dalle direttive governative dei paesi coinvolti nel torneo. Un ostacolo impervio, alla luce di un panorama di partecipanti al Pro14 oltremodo frastagliato (4 i governi coinvolti: UK, Italia, Repubblica d’Irlanda e Sudafrica).

Leggi anche: Le direttive della FIR sull’ultima circolare esplicativa del Ministero dell’Interno e la ripresa degli allenamenti individuali del Benetton

Formula eventuale

“Stiamo ancora esaminando più scenari potenzialmente adatti per chiudere la stagione di Pro14, se le varie direttive governative lo consentiranno, al più tardi tra la fine dell’estate e l’inizio del’autunno. Sicuramente, se ci si dovesse riuscire, il torneo si concluderà con una forma ridotta. Aspettiamo che l’esecutivo ci dica cosa sarà possibile fare. Ma tutto, in ogni caso, dipenderà da come evolveranno le varie restrizioni sui territori coinvolti”, ha dichiarato John McKay, COO di Scottish Rugby e membro del board del Pro14.

Si riuscisse a ripartire, dunque, si andrebbe verso una formula “accorciata”, verosimilmente anche in modo piuttosto importante, con la necessità (peraltro, per certi versi, virtuosa, visto che restano le partite più attese e seguite della competizione) di puntare con forza – almeno per quanto concerne la stagione regolare – sui derby nazionali (i quali, però, presentano un grosso limite, in termini di sfide proponibili, per Italia, Scozia e Sudafrica, che partecipano al torneo con due franchigie), più facili da portare avanti, con entrambe le squadre coinvolte in un match soggette a medesime direttive governative. In attesa, invece, di trovare la quadratura del cerchio su come gestire gli eventuali playoff.

Leggi anche: Due rinnovi importanti in casa Zebre

Questione contrattuale

Per gli atleti in scadenza, il contratto terminerà regolarmente il 30 giugno prossimo. Chi ha già un accordo formalizzato, per la prossima stagione, si accaserà con la nuova formazione dal 1 luglio. Non ci saranno deroghe/proroghe di sorta dei rapporti contrattuali, per allinearli ad un’eventuale stagione allungata.

Per chi dovesse ritirarsi a fine annata agonistica, invece, ci potrebbe essere la possibilità di lavorare ad un accordo particolare con i club, per rimanere concretamente a disposizione del team anche in estate, ed avere l’opportunità di andare incontro ad un addio, sul campo, più “dignitoso”.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Zebre, Paolo Pescetto: “C’è competitività nel ruolo d’apertura. Vorrei acquisire leadership e ritmo”

L'ambientamento, gli obiettivi per il futuro e gli idoli di infanzia: il trequarti parla a cuore aperto

1 Luglio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, “il ritorno” di Dewaldt Duvenage: “Non vedo l’ora di ricominciare. Treviso è casa mia”

Il mediano di mischia sudafricano spiega quello che ha vissuto in questi mesi e racconta l'amore per l'Italia

30 Giugno 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

“I Dragons? L’opzione più intrigante”, parola di Nick Tompkins

Dai Saracens alla franchigia gallese, con un'inusuale tipologia di contratto per conservare la maglia della nazionale

30 Giugno 2020 Pro 14
item-thumbnail

Come funziona con i Permit Player delle Zebre Rugby?

Le differenze pratiche e semantiche rispetto ai Leoni

30 Giugno 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Benetton, Gianmarco Lucchesi: “Punto a migliorarmi. Cercherò di rubare i segreti del mestiere ai miei colleghi”

L'azzurrino ha parlato ai microfoni di Ben TV, tra percorso personale e prossima stagione

29 Giugno 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Leinster: James Lowe firma un triennale ed il suo futuro è sempre più verde

Il formidabile trequarti neozelandese è già eleggibile per la nazionale dell'Isola di Smeraldo

29 Giugno 2020 Pro 14