Ci vogliono 167 persone per giocare un test match a porte chiuse

World Rugby ha pubblicato le proprie linee guida per il ritorno in campo, con dovizia di particolari e non pochi ostacoli

Rugby World Cup 2019 (ph. Sebastiano Pessina)

E’ ora di pensare ad un ritorno in campo: World Rugby ha pubblicato nella mattinata di mercoledì un documento contenente le linee guida per una ripresa dell’attività agonistica. Com’è facile prevedere, gli ostacoli sono molteplici, il primo dei quali è il numero di persone da tutelare nel momento in cui si scende in campo: per una test match a porte chiuse, prevede la federazione internazionale, servono 167 persone. Lavoratori da tutelare con ogni sorta di precauzioni.

Le linee guida di World Rugby sono uno strumento per le federazioni nazionali creato con il supporto degli staff medici e sanitari delle stesse, mirate a predisporre un metodo per poter riprendere l’attività. Ogni union dovrà poi singolarmente seguire le disposizioni e le normative del proprio paese, compresa la possibilità di disputare gli incontri a porte aperte o meno.

Le indicazioni seguono fedelmente quanto previsto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e suddividono in tre diverse fasi la possibilità per le squadre di ritornare ad allenarsi: ci sarà un primo momento di sessioni in piccoli gruppi, poi la possibilità di passare a sessioni collettive senza contatto, per poi finire con una fase di allenamento completo con contatto. World Rugby si ripromette di aggiornare con continuità il proprio documento facendo seguito all’evoluzione del contesto, rendendo sempre più completo l’elenco di condizioni necessarie per la preparazione delle sedi e per lo svolgimento di allenamenti e competizioni.

“World Rugby, in piena collaborazione con Federazioni e giocatori, ha lavorato dietro le quinte per assicurare che tutto sia pronto per un sicuro e veloce ritorno al gioco non appena appropriato – ha detto il presidente Bill Beaumont – Ciò include la rimodulazione del calendario, l’indirizzamento verso le migliori pratiche di allenamento, arbitraggio, risorse online come webinars ed app e, ovviamente, una road-map per il ritorno all’allenamento e alla competizione”.

Nel documento, alla voce ritorno alla competizione, si legge: “Quando le norme sul distanziamento sociale saranno ridotte per permettere un contatto ravvicinato e permetteranno assembramenti fino a 250 persone, sarà possibile tornare in campo, ma non sarà permesso agli spettatori di assistere.”

Seguono una serie di raccomandazioni da osservare per le squadre in trasferta, per entrambe le contendenti ad un incontro nel loro comportamento dentro lo stadio, la preparazione dello stesso per ospitare una gara. Una serie di ostacoli, insomma, che fanno intuire quanto la strada sia ancora lunga e quanto una eventuale ripresa delle attività sarà comunque condizionata dagli eventi degli ultimi mesi.

A tutto ciò si unisce la difficoltà della quantità minima di persone necessarie per disputare un incontro professionistico secondo la federazione internazionale. Ovviamente, più alto è il numero del personale coinvolto, più complesse sono le misure di sicurezza da prendere. Una delle appendici al documento stabilisce in 167 individui il numero minimo necessario, comprensivo di: squadre (58 atleti), ufficiali di gara (12 fra arbitri, citing commissioner, addetti alle statistiche, cronometristi), staff tecnici e sanitari (almeno un medico e un fisioterapista per squadra, 7 fra allenatori e assistenti), crew televisiva (più di 40 persone fra stampa e tecnici), addetti alla sicurezza e raccattapalle (11 in tutto), staff medico indipendente (12 fra paramedici e addetti all’HIA), personale amministrativo e addetti alla logistica degli stadi (20 persone circa).

E’ una strada lunga: c’è una luce in fondo al tunnel, ma è ancora appena un puntino.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

5 talenti che avremmo potuto vedere al mondiale Under 20

Scelti fra coloro che non abbiamo già visto nello stralcio di Sei Nazioni under 20 contro gli azzurrini

29 Giugno 2020 Rugby Mondiale / JR Rugby World Cup
item-thumbnail

Matt Giteau a Los Angeles?

Per i media australiani è fatta: un anno in più per il centurione australiano che aveva annunciato il ritiro a fine stagione

28 Giugno 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: tutte le cifre del più grande evento sportivo dell’anno scorso

Una Coppa del Mondo vinta soprattutto fuori dal campo. Impatto eccezionale del turismo

24 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Test match: Giappone, Fiji e Sei Nazioni, come potrebbe essere il prossimo novembre

E come invece dovrebbe funzionare il calendario internazionale da approvare entro agosto

24 Giugno 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Rassie Erasmus ha lottato silenziosamente per la propria salute durante la Rugby World Cup

L'ex Munster non ha voluto che i media distogliessero l'attenzione dalla squadra, mantenendo privata la faccenda

21 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Non ci sarà un’ultima partita per Francois Louw

Si chiude oggi la straordinaria carriera del flanker sudafricano

20 Giugno 2020 Rugby Mondiale