World Rugby: le elezioni del 12 maggio sul filo del rasoio

E il voto decisivo per l’elezione del nuovo presidente potrebbe essere proprio quello della federazione figiana

Wordl Rugby Agustín Pichot e Bill Beaumont

World Rugby – Agustín Pichot e Bill Beaumont

La lotta per la presidenza di World Rugby fra Bill Beaumont e Agustin Pichot sembra davvero in bilico. Secondo quanto riportato dal New Zealand Herald, le previsioni di voto per l’uno o l’altro candidato vanno verso l’equilibrio. L’ago della bilancia potrebbe essere la decisione della federazione figiana, passata dal sostegno incondizionato a Beaumont a una posizione incognita nel corso delle ultime 48 ore.

Un passo indietro: domenica il Times pubblica una serie di accuse di discriminazione nei confronti di Francis Kean, membro del consiglio di World Rugby in rappresentanza della Fiji Rugby Union e candidato ad un posto nel comitato esecutivo. Un personaggio ambiguo, con una fedina penale non esattamente limpida. World Rugby annuncia immediatamente di aver avviato un’indagine sui fatti, tanto che già martedì Kean, anticipando eventuali spiacevoli sviluppi, si è dimesso dalla sua carica.

La candidatura al comitato esecutivo è stata ritirata, ma la Fiji Rugby Union non ha potuto rimpiazzare il proprio delegato con un nuovo nome, in quanto scaduti i termini per la presentazione. Un accadimento dal quale discendono due conseguenze: la prima è quella di lasciare sette candidati al comitato esecutivo, tanti quanti i posti a disposizione, per cui non ci sarà bisogno di nessuna votazione; la seconda è di diminuire drasticamente la possibile influenza della federazione figiana sulle prossime decisioni della federazione internazionale, riducendo così notevolmente il potere di advocacy della FRU sui temi più cari, come ad esempio gli incassi dei test internazionali giocati nell’emisfero nord.

Ora, il voto delle Fiji appare di nuovo in ballo. Il nuovo delegato, il CEO John O’Connor, potrebbe ricevere mandato di abbandonare il campo di Beaumont per passare a sostenere Pichot. Con il primo, le Fiji si allineerebbero con le altre federazioni delle isole del Pacifico per sostenere la causa di una possibilità di doppia eleggibilità per i giocatori di discendenza isolana, misura che il presidente uscente avrebbe promesso di propugnare. Con una inversione a U e il sostegno a Pichot, le Fiji raggiungerebbero le altre principali federazioni dell’emisfero sud, guadagnando rilevanza e, sostanzialmente, passando ad essere considerata una squadra tier 1.

Più, insomma, di una questione di opportunità nel sostenere un candidato come Francis Kean, la candidatura di Bill Beaumont potrebbe uscire indebolita da questa situazione per via di un ricalcolo di interessi proprio da parte della Fiji Rugby Union.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Gli Stati Uniti all’assalto della Rugby World Cup

Candidatura per i mondiali maschili del 2027 o del 2031 e per i femminili del 2029

21 Ottobre 2021 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Mondiale femminile 2022: completato il girone dell’Italia, ecco la terza avversaria

Ecco il calendario completo delle azzurre nella Rugby World Cup femminile del prossimo anno in Nuova Zelanda

20 Ottobre 2021 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Test Match: novembre di fuoco per Clara Munarini

Anche altri 7 italiani impegnati nell'autunno internazionale a vario titolo

16 Ottobre 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

World Rugby approva la regola: i leggins potranno essere utilizzati anche in campo maschile

La federazione internazionale tutela così i giocatori dal rischio di abrasioni e altri impatti

13 Ottobre 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

“Il rugby sui campi in sintetico? Sembra quasi un altro sport”

La dichiarazione di un tecnico che per molti sta diventando un grido d'allarme

11 Ottobre 2021 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Quali sono le dieci squadre che hanno sempre partecipato alla Rugby World Cup?

L'elenco completo e "un'insospettabile assente"

11 Ottobre 2021 Rugby Mondiale / Rugby World Cup