Storia di una grande carriera. Alessandro Zanni si racconta a Onrugby

Una lunga chiacchierata che ripercorre quindici anni di uno dei talenti più fulgidi del rugby italiano

Alessandro Zanni Italrugby

Alessandro Zanni durante Italia-Fiji del 2005 – ph. S. Pessina

Lavoro, rispetto, vocazione: potrebbero essere questi i primi tre termini che vengono in mente pensando alla carriera di Alessandro Zanni, centurione azzurro e colonna da 11 anni della mischia di Treviso. Nato a Udine il 31 gennaio 1984, Alessandro ha scoperto il rugby nella sua città arrivando a debuttare in Serie A, quindi nel 2005 nel giro di pochi mesi arriva la chiamata di Calvisano, all’epoca Campione d’Italia in carica, e il debutto in Nazionale. Col passare degli anni, e delle partite, la sua aura cresce sempre di più, e al pari di pochi altri Zanni riesce ad attraversare tre lustri di rugby italiano, rimanendone praticamente sempre al vertice. Perché praticamente? Solo gli infortuni sono riusciti a fermarlo, ma dopo ogni stop il friulano è stato sempre in grado di tornare in campo, riguadagnandosi il rispetto e l’attenzione di tutti. 119 presenze con l’Italia, due Scudetti vinti (2008 e 2010), una marea di battaglie e di prestazioni decisive: in pochi come lui sanno veramente esprimere i valori del rugby.

Alessandro Zanni, il tuo inizio di carriera è stato fulminante. Dopo una stagione a Udine in Serie A, nel 2005 approdi a Calvisano, dove rimarrai fino al 2009. Che ricordi hai di quel periodo e quanto è stato importante entrare in un gruppo composto da giocatori esperti come, De Carli, Vaccari, Griffen, Perugini e Zaffiri, ma anche da tanti giovani emergenti come Castrogiovanni, Ghiraldini, Nitoglia e Cittadini?

“Avevo 21 anni, e com’è normale per un giovane vivevo tutto con grande entusiasmo. In quella squadra c’erano delle personalità molto forti come quelle che hai citato, giocatori che avevano scritto pagine importanti sia del Calvisano sia della Nazionale. Penso che il mix che c’era tra senatori e giovani affamati di ribalta come noi, si amalgamò perfettamente: loro ci hanno insegnato tanto sia dentro che fuori dal campo, ritengo sia stato decisivo per la mia crescita avere avuto modelli come quelli coi quali confrontarmi ogni giorno. Quel Calvisano aveva vinto lo Scudetto l’anno precedente (25-20 su Treviso), c’era una mentalità vincente ed eravamo in un contesto dove si lavorava molto bene con i giovani. Questo anche perché con Andrea Cavinato, allenatore di allora, avevamo fatto esperienza nelle nazionali under, dunque penso sia stato il contesto migliore dove potevo andare in quel periodo”.

A pochi mesi dal tuo arrivo in giallonero hai subito avuto modo di entrare nel giro azzurro. Debutto da subentrato contro Tonga a Prato (al posto di Parisse al 22esimo del secondo tempo) il 12 novembre 2005, ancora dalla panchina contro l’Argentina una settimana dopo e infine titolare contro le Fiji a Monza nell’ultima partita dei test novembrini. Come hai vissuto quel tuo primo mese in azzurro e l’esordio con quella che poi per altre 116 volte sarebbe stata la tua seconda pelle?

“Innanzitutto dico che non ho mai preso così tanto freddo come nella partita con le Fiji sotto la neve, fu un match incredibile. In quella Nazionale trovai un gruppo che si stava rinnovando, con diversi dei miei compagni di club. Nel 2005 era da poco arrivato Pierre Berbizier come commissario tecnico, e dopo il tour estivo a novembre volle provare a inserire dei volti nuovi nel giro azzurro tra i quali rientravo anche io. Sin da subito mi sono sentito inserito nel gruppo che aveva al suo interno diversi senatori ma anche giocatori che poi sarebbero stati fondamentali nelle successive stagioni in azzurro: da Parisse a Castrogiovanni, fino a Masi”.

Pensi che sia diverso l’atteggiamento dei giocatori azzurri oggi rispetto ai tempi del tuo esordio quando hai affiancato i campioni poco fa citati?

“Più che un atteggiamento diverso, direi che è il rugby ad essere cambiato. I giocatori sono sempre più evoluti, rispetto a 15 anni fa è mutato moltissimo questo sport, che è stato portato all’esasperazione: l’alto livello ti chiede di essere al 100% dal punto di vista fisico, tecnico e mentale, per 80 minuti. Oggi in Nazionale ci sono giocatori nuovi che ritengo abbiano tante qualità, purtroppo quello che ci sta mancando maggiormente nell’ultimo periodo sono i risultati. Dico questo perché, negli allenamenti per preparare gli ultimi due Sei Nazioni, lo spirito è il medesimo che c’era prima, la voglia e la cattiveria agonistica non mancano di certo”.

A proposito del recente passato, nel nuovo gruppo azzurro chi vedi come potenziale leader del futuro?

“Penso che i prossimi esempi in Nazionale possano essere ragazzi come Federico Ruzza, Sebastian Negri e Jake Polledri. Tre giocatori che hanno enormi potenzialità e un atteggiamento molto importante”.

Passiamo al futuro prossimo: la nostra Under 20 sta mettendo insieme buoni risultati ormai da qualche stagione tra Sei Nazioni e Mondiale di categoria. Cosa pensi della loro crescita?

“Ho seguito le loro partite e sono convinto che, chi arriverà alla Nazionale maggiore, potrà fare bene. Li vedo molto pronti per il loro livello, se avranno il giusto processo di crescita potranno diventare importantissimi nel nostro futuro. Questo ci dice che la base del rugby italiano si è allargata: rispetto a quando io avevo 20 anni ci sono moltissimi giocatori di livello in più, significa che è stato fatto un buon lavoro nella loro formazione e i risultati sono lì a testimonianza di quello che sto dicendo. Il problema, se così vogliamo definirlo, è quello del passaggio che ora dovranno fare, che è uno dei più duri nel mondo del rugby, cioè affacciarsi al mondo professionista e performare anche qui ad alto livello. Sono comunque fiducioso, le due franchigie stanno inserendo diversi volti nuovi e la direzione presa sembra essere quella giusta”.

Dal punto di vista tecnico invece, come è cambiato il rugby dal 2005 ad oggi in generale e nello specifico nel tuo ruolo (o forse dovremmo parlare di tuoi ruoli visto che da terza linea se poi diventato seconda)?

“La differenza principale credo che stia nel fatto che oggi tutti i giocatori, in qualsiasi ruolo, hanno delle competenze specifiche di buon livello, cosa che non succedeva 15 anni fa ad esempio. Dai piloni all’estremo la specializzazione è aumentata in maniera esponenziale, così come la preparazione fisica, che è il secondo aspetto chiave per provare a capire i mutamenti. Nel rugby di oggi si cerca di aumentare sempre di più il tempo nel quale la palla è in gioco, e anche pochi minuti fanno grande differenza perché chiedono una consistenza sempre maggiore, senza la quale non si può che affondare”.

Tra l’altro il Pro14 nel quale siete impegnati voi di Treviso e le Zebre è il campionato europeo col maggior tempo di gioco effettivo (come ha sottolineato anche Andrea Masi nell’ultima puntata della sua rubrica qui su OnRugy) . Un bello stress test contro avversari di caratura internazionale.

“Questo è un altro passaggio fondamentale nella crescita del nostro rugby. Si va verso quella direzione e dunque dobbiamo essere pronti a crescere nel rendimento in campo. È una differenza importantissima e molto rilevante rispetto al vecchio Super 10 o all’attuale Eccellenza, e questo è uno dei motivi per i quali ritengo importante la nostra presenza nell’attuale Pro14. Ogni settimana c’è la possibilità di confrontarsi con l’alto livello, una chance che non va mai sprecata ma della quale bisogna sempre approfittare”.

Domani pubblicheremo la seconda parte dell’intervista con Alessandro Zanni.

Qui sotto qualche immagine di Zanni nel periodo di Calvisano: in azione durante un match contro Viadana, in una pausa durante gli allenamenti con tra gli altri Persico, Cittadini e Ghiraldini (di spalle) e infine durante un placcaggio su Parisse nel match di Heineken Cup 2006 con lo Stade Francais. Qualche foto anche delle sue prime partite in azzurro: l’abbraccio con Scannavacca dopo la prima meta in Nazionale nel match col Canada a Fontanafredda e due immagini della vittoriosa partita con il Galles del Sei Nazioni 2007.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022, Italia: il calendario degli azzurri, con luoghi, date e orari

Due soli impegni casalinghi contro Inghilterra e Scozia

25 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022: in vendita i biglietti per le partite casalinghe dell’Italia

Gli azzurri ospiteranno all'Olimpico Inghilterra e Scozia, rispettivamente alla seconda e alla quarta giornata del torneo

25 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia-Uruguay, un amaro ritorno alla vittoria

Una vittoria è una vittoria, ma è doveroso costruire qualcosa di più nel minor tempo possibile

21 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’Italia vince a Parma. Uruguay sconfitto 17-10

Al Lanfranchi decidono le mete dei debuttanti Pierre Bruno e Hame Faiva

20 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia-Uruguay, Crowley: “Teniamoci solo la vittoria. Serve lavorare molto sul breakdown”

L'head coach azzurro e il capitano Michele Lamaro sono intervenuti in conferenza stampa dopo la vittoria sui Teros

20 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia-Uruguay: gli azzurri devono tornare al successo

Vittoria che manca dal Mondiale 2019, e che rappresenta l'obiettivo contro i Teros

20 Novembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale