Qual è il miglior posto nel World Rugby Ranking mai raggiunto da ogni nazionale di vertice?

In 5 hanno toccato il primo posto. 41 team sono entrati almeno nella top30

Sebastiano Pessina ph.

Il World Rugby Ranking, da sempre, divide la platea ovale, sin dal tardo 2003, quando venne inaugurato nel post Mondiale australiano, con l’Inghilterra campionessa iridata in vetta alla graduatoria.

A chi lo considera uno strumento estremamente utile per misurare la forza di una squadra (viene utilizzato, peraltro, per stabilire le fasce del sorteggio della Rugby World Cup), infatti, fa da contraltare chi lo vede come un mero strumento matematico, impreciso e volubile, non in grado di considerare realmente tutte le variabili in gioco per stabilire in modo inappuntabile le gerarchie reali di Ovalia.

La classifica mondiale, tuttavia, rimane il metodo più rapido e, per certi versi anche quello più preciso, per poter scattare una fotografia puntuale e qualitativa al momento di ogni singola compagine nazionale.

Leggi anche: La classifica Mondiale prima dello stop forzato

Qual è la miglior posizione del world rugby ranking da ogni nazionale mai entrata nelle prime 30 del mondo?

Ben 5 squadre hanno occupato il posto numero 1: l’Inghilterra, prima regina storica, la Nuova Zelanda, per anni leader, ed i campioni mondiali in carica del Sudafrica, con stint piuttosto lunghi, Galles ed Irlanda, invece, per poche settimane la scorsa estate.

Alemeno sul podio ci sono state in tutto 8 formazioni, con Francia ed Australia giunte sino in seconda piazza, a più riprese, e l’Argentina, salita in terza dopo il Mondiale francese del 2007. In 14, compresa l’Italia (al  suo meglio numero 8), hanno stazionato almeno in top 10. In 24, invece, hanno raggiunto la top 20.

La miglior posizione raggiunta da ogni nazionale entra almeno una volta nelle prime 30 del World Rugby Ranking

Posizione 1: Inghilterra, Nuova Zelanda, Sudafrica, Galles, Irlanda

Posizione 2: Francia, Australia

Posizione 3: Argentina

Posizione 5: Scozia

Posizione 7: Giappone, Samoa

Posizione 8: Italia, Fiji

Posizione 9: Tonga

Posizione 11: Canada, Georgia

Posizione 12: USA

Posizione 13: Romania

Posizione 14: Uruguay

Posizione 16: Spagna, Portogallo, Russia

Posizione 18: Namibia

Posizione 19: Marocco

Posizione 21: Hong Kong, Corea del Sud

Posizione 22: Germania, Belgio, Kenya

Posizione 23: Cile, Paesi Bassi

Posizione 24: Ucraina, Brasile

Posizione 25: Zimbabwe, Moldova, Kazakhstan

Posizione 26: Polonia

Posizione 27: Repubblica Ceca

Posizione 28: Svizzera

Posizione 29: Tunisia, Paraguay

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

World Rugby: meeting a metà giugno per decidere il destino dei calendari

Due le probabili opzioni sul tavolo, nessuna delle quali prevede l'inizio della prossima stagione prima del 2021

31 Maggio 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

OnRugby Relive: Inghilterra v Galles, Rugby World Cup 2015

A Twickenham il delitto perfetto ad opera di Dan Biggar e soci, commento speciale di Tom Shanklin e David Flatman

29 Maggio 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Bernard Laporte: “Contiamo di avere il pubblico a settembre”

Il Presidente della FFR ha parlato di armonizzazione dei calendari citando le parole di Richie McCaw

29 Maggio 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

Il Mundialito 2021 è già stato smentito: si pensa a Francia 2023

L'obiettivo è focalizzarsi sulla definizione del nuovo calendario globale

28 Maggio 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

“Gli All Blacks avvelenati nel ’95? Assolutamente non è vero!”

L'allora CEO dei sudafricani dice la sua su uno dei più grandi misteri di ovalia, accaduto prima della finalissima

28 Maggio 2020 Rugby Mondiale
item-thumbnail

25 anni fa, l’esordio straordinario di Lomu in Coppa del Mondo

Il fuoriclasse in nero fece parecchio male all'Irlanda

27 Maggio 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup