Michael Cheika insoddisfatto dei suoi risultati con l’Australia

L’ex allenatore dei Wallabies fa un recap dei suoi cinque anni vissuti alla guida della nazionale, tra alti e bassi

ph. Sebastiano Pessina

A pochi mesi dalla sua ultima partita da head coach della Nazionale australiana, Michael Cheika parla con l’emittente Fox League fa il suo personale riassunto di quanto vissuto con i Wallabies, non esitando a definire negativa dal punto di vista dei risultati quest’esperienza. “Non posso essere soddisfatto, non siamo riusciti a riprenderci la Bledisloe Cup o a vincere il Mondiale. Questo mi fa male, io so quello che vogliono i tifosi e non siamo stati in grado di regalare loro un grande sogno”. E si che la sua avventura era partita bene, visto che dopo l’assunzione ad ottobre 2014 (quando ancora era a capo dei Warathas) era riuscito a vincere subito il Rugby Championship dell’anno seguente e ad arrivare in finale ai Mondiali, venendo poi battuto a Twickenham dalla Nuova Zelanda. È però poi mancata la crescita nei quattro anni successivi, a partire dallo 0-3 subito dall’Inghilterra nei test estivi del 2016.

Leggi anche: Michael Cheika non è più l’allenatore dell’Australia

“Allenare la nazionale australiana è molto diverso dal farlo in club. Non sei un semplice reclutatore, sei un selezionatore e rappresenti tutta la Nazione. Se vinci sono tutti soddisfatti ed entusiasti, ma ogni sconfitta pesa molto più di quanto dovrebbe”. Secondo Chieka, una delle cause dei problemi avuti dai Wallabies negli anni sono state le prestazioni ottenute dalle squadre aussies nel Super Rugby: “La Nazionale è comunque il risultato della preparazione che si fa nel torneo dell’Emisfero Sud, e lo abbiamo pagato. Ci sono stati poi anche altri problemi fuori dal campo, come l’esclusione della franchigia di Western Force o i giocatori che andavano a giocare in Europa, insomma non è stato facile”. Un aspetto secondo lui non è mai mancato tra i suoi ragazzi: “Il fatto che ogni volta che siamo stati insieme abbiamo dato il massimo delle nostre potenzialità. Sono il primo a sapere di non essere perfetto e di non avere sempre fatto la scelta giusta, ma come sono state dure alcune sconfitte porto un grande ricordo delle belle vittorie ottenute insieme, e in particolare voglio citare quella contro gli All Blacks a Perth” (47-26 dello scorso 10 agosto).

Al momento Cheika è senza squadra, col suo contratto che non è stato rinnovato dopo il Mondiale, che ha visto gli australiani battuti 40-16 dall’Inghilterra nei quarti di finale. Il prossimo coach dei wallabies sarà Dave Rennie, già operativo per riportare in alto gli aussies.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

In Australia si torna in campo il prossimo 3 luglio?

La Federazione aussies è pronta alla riorganizzazione, ma pensa anche al gioco. Quasi tutto pronto per il Super Rugby in salsa domestica

31 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Juan Imhoff: “Che tristezza enorme essere ancora fuori dai Pumas”

L'ala del Racing 92 è l'escluso più illustre dalla lista di Mario Ledesma. Una storia che va avanti da 5 anni

30 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Samu Kerevi: “Il 2019 è stato straziante”

Il centro australiano ha sottolineato le difficoltà della scorsa stagione, parlando anche del suo futuro al momento lontano dalla Nazionale

29 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Brodie Retallick non giocherà nel Super Rugby Aotearoa, ha declinato l’offerta dei Chiefs

Il seconda linea ha detto no all'offerta della squadra guidata da Warren Gatland

28 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Il miglior XV neozelandese con sangue samoano nelle vene

All Blacks provenienti da famiglie samoane: una squadra mostruosa. Cullen, Umaga, Nonu, Savea, Kaino e molti altri...

28 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Super Rugby Aotearoa: il “Golden Point” per evitare i pareggi?

In Nuova Zelanda si sta ragionando sulla possibilità di introdurre una nuova norma nel torneo inedito alle porte

27 Maggio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby