Stipendi dei giocatori? Dane Coles e Jack Nowell invitano tutti all’ipotesi del taglio

Uno dei leader degli All Blacks e il veterano inglese esprimono il loro punto di vista avvicinando proprietari e tesserati

dane coles all blacks

ph. Sebastiano Pessina

In tutta Ovalia uno degli argomenti di maggiore attualità, stante il blocco dei campionati in tutto il mondo, è quello relativo agli stipendi dei giocatori e ai possibili tagli che molti di loro potrebbero subire. Dopo alcune giornate di silenzio per lasciare spazio ai proprietari dei club, oggi a parlare dai due emisferi sono stati il tallonatore degli All Blacks Dane Coles e l’utility back dell’Inghilterra Jack Nowell.

Cosi si è espresso l’avanti: “E’ inevitabile, vedendo quello che sta succedendo in Nuova Zelanda, una riduzione del nostro salario – ha affermato al New Zealand Herald – i giocatori, ma questa è solo una mia opinione (che però da quanto riportano i media locali è molto influente, visto il carisma e l’esperienza di Coles), devono preparasi a questo scenario. Nessuno di noi vuole mettere in difficoltà la Federazione e di conseguenza questo sport nel paese. Mi auguro che tutti facciano la loro parte.
Il campionato nazionale? Tutti abbiamo sempre voglia di fare qualcosa, ma senza l’ok del governo non possiamo prenderci alcun rischio, anche perchè stiamo parlando della salute delle persone. Vedendo l’evoluzione della situazione – conclude – non credo torneremo a riunirci e a giocare molto presto, ma lo reputo giusto: non dimentichiamoci che al momento c’è qualcosa di molto più importante di cui occuparci che non sia il rugby”.

Dall’Inghilterra, invece ecco il trequarti: “Al momento non sappiamo quale sarà la soluzione – esordisce Nowell – e che tipo di soluzione Exeter (club a cui è legato contrattualmente, ndr) ci proporrà, ma è chiaro che dobbiamo essere realistici e pensare che la Premiership non ha le finanze della Premier League di calcio; quindi ci aspettiamo un taglio degli stipendi, anche se a qualcuno non farà piacere.
Quando tutto questo sarà finito, vogliamo avere una squadra di rugby di cui tornare a fare parte. Personalmente mi trovo qui da quando avevo 16 anni e ovviamente sosterrò il club. Vorrei, vogliamo, che al termine del problema ci siano dei club attivi e una Lega che possa garantirci di giocare.
Sul futuro? Non possiamo escludere nulla, al momento è stato tutto rinviato e non dobbiamo nasconderci l’ipotesi che la stagione possa essere finita qui. E’ arrivato il momento di mettere il rugby in prospettiva rispetto alla vita, non credete?”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Tolosa mette insieme la seconda linea più alta della storia del rugby

Mercato sempre caldo in Francia, con Bayonne che annuncia l'arrivo di un fumantino talento australiano proveniente dalla NRL

31 Maggio 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Major League Rugby: Los Angeles avrà la sua franchigia nel 2021 (ma è tutto un po’ strano)

Si chiamerà LA Giltinis, in onore di un cocktail commercializzato dall'azienda proprietaria, la stessa della squadra di Austin

29 Maggio 2020 Emisfero Nord
item-thumbnail

Nel Top 14 ci si muove per fronteggiare la crisi

Tre squadre hanno comunicato che nella prossima stagione ci saranno tagli importanti a giocatori e staff tecnico

28 Maggio 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

I Saracens battono un colpo, e che colpo (!) anche in entrata

Nonostante la retrocessione in Championship, i londinesi piazzano un colpo di rilievo in mediana

27 Maggio 2020 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Il Top 14 del 2010: l’indimenticabile prima volta di Clermont

Dopo una serie lunghissima di finali perse finalmente il paradiso per la squadra di Gonzalo Canale

24 Maggio 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

“Due match a porte chiuse e falliremo”

I Presidenti delle squadre di Top 14 lanciano un grido d'allarme. Impensabile per loro non giocare con i tifosi sugli spalti

23 Maggio 2020 Emisfero Nord