Galles-Scozia un rinvio che provoca grandi malumori

Le tempistiche della decisione (di buon senso) della WRU fanno arrabbiare gli appassionati scozzesi

galles scozia rinviata sei nazioni 2020

Sei Nazioni 2020, Galles-Scozia rinviata – Ph. S. Pessina

La decisione della Federazione Gallese di rinviare all’ultimo momento Galles-Scozia, unica partita della quinta giornata del Sei Nazioni 2020 rimasta in programma fino a ieri, ha provocato tra i tifosi scozzesi un certo malumore, per usare un eufemismo.
Dopo aver infatti ribadito anche nella mattina di venerdì che la partita si sarebbe giocata la WRU nel primo pomeriggio ha pubblicato un breve comunicato dove annunciava il dietrofront sostenendo che, dopo aver mantenuto aperto un dialogo costante con il governo gallese e il board del Torneo, aveva preso la decisione di rinviare Galles-Scozia “nel migliore interesse di sostenitori, giocatori e personale” in linea con misure adottate in tutto il Regno Unito e da tutte principali leghe sportive.

Insomma un parziale tentativo di scarico di responsabilità, che sta in quel “dialogo con Governo e Board”, ma sopratutto una giustificazione abbastanza ridicola quella del “migliore interesse dei sostenitori” viste le tempistiche con cui è arrivata la decisione. Perché, se certamente si evita che oggi ci siano oltre 70.000 persone all’interno del  Principality, non si è tenuto in considerazione che buona parte dei numerosissimi appassionati scozzesi – che alcuni (sovra)stimano in addirittura 20.000 – sono già a Cardiff da ieri e di certo avranno qualche difficolta a non affollare le strade e i locali della capitale gallese nel weekend. Senza considerare l’aspetto economico, che di certo davanti un’emergenza sanitaria passa in secondo piano, ma che sicuramente sa di doppia beffa per chi è partito dalla Scozia.

Come riporta Wallesonline i tifosi scozzesi intercettati nelle strade di Cardiff definiscono le tempistiche della decisione come uno scherzo, nel migliore dei casi, o forse più giustamente come “ridicole” visto che “ci stiamo già mescolando tutti nei pub e quindi che senso ha annullarla ora?”. Come dargli torto?

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile: 26 atlete per un raduno di preparazione, dal 12 al 14 marzo

Assenti le ragazze impegnate nei playoff dell'élite 1, massimo campionato francese

item-thumbnail

Sei Nazioni 2021, Francia: la nazionale finisce sotto inchiesta del Ministero dello Sport

Oltralpe scoppia il caos, mentre si pensa a come poter terminare il torneo

item-thumbnail

Sei Nazioni 2021, Galles-Inghilterra: Pascal Gauzere ha ammesso di aver sbagliato sulle mete gallesi

Il fischietto francese Pascal Gauzere ha analizzato, insieme ai suoi superiori, quello che è successo nel primo tempo della sfida di Cardiff

item-thumbnail

Sei Nazioni 2021: la meta di Meyer è in lizza come “Try of the Round”

La corsa vincente del terza linea è nella short-list delle migliori mete dell'ultimo turno del torneo

item-thumbnail

Alun Wyn Jones e la Triple Crown: l’ennesimo gesto nobile di una leggenda ovale

Il capitano dei Dragoni si è reso protagonista di un comportamento di grande esempio per tutti

item-thumbnail

Irlanda: chi è Craig Casey, che strappa lodi a Sexton e stava tra le braccia di Stringer

Il giovane mediano di mischia ha impressionato nei 18 minuti giocati: respira rugby fin dall'infanzia