Pro14: l’agrodolce sapore del fine settimana italiano

La sconfitta del Benetton preoccupa, ma non tutto è perduto. La vittoria delle Zebre deve aprire le porte a una continuità di rendimento

COMMENTI DEI LETTORI
  1. Mr Ian 6 Gennaio 2020, 10:26

    Mi è sembrato di rivivere Scozia Italia dell ultimo 6N, con Treviso incapace di difendere sulle linee di corsa degli scozzesi e con la frenesia di ricalciare tutti i possessi.
    Questa sconfitta servirà da lezione per gli uomini di Crowley ma anche in ottica nazionale, il gioco di Glasgow è quello che si vede tra le fila degli Highlanders.
    Molto bella la vittoria delle Zebre, soprattutto per la fisicità che hanno messo nel gioco, avanzamento costante, palloni veloci e soprattutto tanta attenzione in difesa. Renton-Canna quando sono mentalmente connessi sono una buona coppia di mediani.
    Licata è dall inizio del campionato che è il miglior italiano in campo, in un momento come questo dove l Italia deve costruire qualcosa per il prossimo futuro, per me lui sarebbe il nostro 8 indiscusso. Con Steyn spostato a 6 e Negri a fare da back up. Proprio Negri è da un pò di tempo che non mi impressiona più, prestazioni regolari ma niente di entusiasmante…

  2. cammy 6 Gennaio 2020, 10:51

    Benetton che rispetto lo scorso anno ha perso un paio di partite alla sua portata.. quella di sabato nn lo era.. cmq sia durante il 6n sn poche le squadre ad avere un rooster competitivo come quello di Treviso.. dipenderà molto da chi avrai nel calendario in quel periodo e quando ci saranno le coppe..

  3. pippuzzo 6 Gennaio 2020, 10:58

    Per me nelle due di Challenge le zebre dovranno gestire gli uomini in chiave azzurra e cercare di vedere anche un po’ i permit e le terze e quarte scelte. Questo secondo obiettivo è fondamentale. O capisci cosa hai in mano anche a livello caratteriale o dalla mediocrità della squadra e dei singoli non ti solleverai mai. Ci sono giocatori che vanno valutati sul campo a questo livello o rivalutati. Rimpelli, Ceciliani, Tenga, Nocera, Ortis, Krumov, Bianchi, Masselli, Biondelli, Bruno, Vaccari dovranno trovare minuti di gioco. Lascio fuori Morì e Brugnara (che servirebbero) perché impegnati a Calvisano. Probabilmente qualcuno non è inserito in lista per la Challenge, probabilmente qualcuno è ancora infortunato, ma nel complesso questi dovranno trovare spazio in una formazione che preservi i giocatori essenziali per la nazionale. I numeri per schierare squadre accettabili inserendo quei giocatori e usando molto limitatamente gli azzurrabili ci sono. Lovotti che sta lentamente tornando in forma dovrebbe spartire il tempo con Rimpelli, Fabiani e Manfredi e Ceciliani potrebbero preservare Bigi e Zilocchi dovrebbe riposarsi con spazio agli altri 3 destri. Krumov e Biagi e Ortis, con Kearney sono sufficienti in seconda e potrebbero far riposare la miglior seconda, Nagle, per il prosieguo di Pro14 e Sisi anche lui in lentissima ripresa. In terza nonostante gli squalificati puoi ruotare abbastanza giocatori, inserendo Masselli, eventualmente Bianchi, se in lista, e dando un turno di riposo a Licata e Meyer che sono quelli che hanno giocato di più. A 9 devono continuare così mentre a 10 Biondelli lo dovrai vedere come Bruno e Vaccari. A Treviso ne hanno da vedere, e ne hanno anche più da utilizzare con parsimonia. È bastato un serio infortunio per costringere Crowley a spostare Traore a destra, a usare Zani a tallonatore ecc.. le scelte di mercato in prima linea sono state pessime. I giocatori avanti con gli anni, salvo Sgarbi, sono deparecidos tra infermeria e condizione scadente. Se qualcuno è disponibile bisognerà vederlo giocare. Nelle limitatezze autoimposte in prima linea spero di vedere Traore titolare, Riccioni con non più di 50 minuti a partita, Makjelara titolare almeno una volta. Cannone titolare. Trussardi nei 23, Sperandio e Sarto nei 23. Salvo la colpevolmente scarna prima linea di giocatori ce ne sono per far riposare chi deve riposare e far giocare chi ha bisogno di giocare.

    • Marte_ 6 Gennaio 2020, 12:02

      Concordo. Bradley ha già dichiarato che saranno due partite importanti per testare chi ha giocato meno. Crowley non l’ho sentito ma visto che ci sono 0 possibilità di passare spero che faccia turnare almeno gli azzurri

  4. mic.vit 6 Gennaio 2020, 15:27

    questa possibilità di rientrare di Treviso non la vedo affatto…sottovalutato l’infiacchimento dovuto alle supersfide di champions non vedo nelle corde della odierna squadra nessun filotto capace di colmare gap di punti e prestazioni con le prime tre…il 6 nazioni detrminerà anche un notevole travaso di giocatori importanti, mentre le dirette avversarie del periodo soffriranno meno questa circostanza…secondo me a metà marzo non ci sarà neppure più il barlume di speranza…
    le Zebre continueranno con la loro tipica altalena…non vorrei essere ripetitivo, da inizio anno ancora non l’ho detto 🙂 …ma non abbiamo un movimento tale da supportare due franchigie di livello…quindi fin quando la situazione rimarrà questa, accontentiamoci di qualche vittoria di peso e bella prestazione…

  5. bangkok 6 Gennaio 2020, 20:22

    Treviso in piena emergenza nel ruolo centri avrebbe un p.p. come Riera…..in difesa non è sicuramente di un Tavuyara adattato ed in attacco non mi sembra poi così male. Strano che lo staff non ne abbia avuto considerazione.

    • bangkok 6 Gennaio 2020, 20:23

      ….non è sicuramente PEGGIO di un….

    • massimiliano 6 Gennaio 2020, 20:57

      Sinceramente la gestione dei permit non l’ho molto capita. Ok qualcuno in prima linea non ha convinto, ma se togli ai ragazzi la fiducia e’ finita. Su Riera pienamente d’accordo, uno dei migliori nelle prime uscite, scomparso poi con Petrozzi, e questo è un peccato. Canali sta facendo bene in top12 e non risulta più tra gli invitati…boh. E di giovani centri ce ne sarebbero anche altri da provare, come Moscardi. Sicuramente loro sanno quel che fanno, non discuto, ma sicuramente noi esterni abbiamo di che chiacchierare.

  6. try 6 Gennaio 2020, 21:48

    Bhe io credo che prima abbiano precedenza chi è in rosa per il fatto che sono più affidabili. A dx Mancini Parri a mio avviso deve lavorare sul fisico. Lo vedo fisicamente più un sx che un dx. Alongi probabilmente dovrà ancora lavorare. Tempo ne ha. A sx ci sarà Quaglio e poi servirà un po’ (non capisco perché non abbiano tenuto brugnara).
    Tallonatore spero venga recuperato baravalle, nonostante apprezzato il sacrificio e la determinazione di makelara.
    Seconde sono il reparto con più alternative. Terze vedremo chi rimane, ma ci sarebbero Halafihi, Manu, Barbini e speriamo Lamaro. Poi il pp Manni
    Mediana la meno toccata. Alternative c’è ne sono.
    3/4 anche qui si può fare affidamento su Sgarbi, Brex, il pp Riera, alle ali ioane, ratuva, Esposito e ad estremo sperandio.

    • massimiliano 6 Gennaio 2020, 23:05

      …ad estremo solo Sperandio. Il 15 è il mio cruccio maggiore

Lascia un commento

item-thumbnail

Alberto Sgarbi: “Lavoro duro e mentalità vincente: con Treviso puntiamo in alto”

Il centro trevigiano, simbolo del Benetton come nessun altro, parla a pochi giorni dal via del prossimo Pro14

25 Settembre 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton Rugby, Ratuva Tavuyara: “Onorato dell’apprezzamento dei tifosi”

Il trequarti dei Leoni non vede l'ora di tornare in campo per la stagione 2020/2021

22 Settembre 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton, Favretto: “Gap fisico non indifferente tra me e gli altri in Pro14. Voglio migliorare”

Il seconda linea classe '01 dei Leoni ha commentato il suo momento positivo ai microfoni di BEN tv

18 Settembre 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Pro14: Benetton e FIR raggiungono l’accordo per la licenza

Leoni nel torneo celtico almeno fino al 2024, maggiorato il contributo federale. Gavazzi: "La nostra collaborazione ha mosso importanti passi avanti"

17 Settembre 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Benetton: Dewaldt Duvenage nuovo capitano

Il sudafricano eredita i gradi da Alberto Sgarbi. Formato un gruppo di leadership di giovani e meno giovani

16 Settembre 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Alessandro Zanni: “In questo nuovo ruolo sto cambiando mentalità”

Dal campo allo staff: la nuova vita ovale della leggenda dei Leoni e della nazionale

15 Settembre 2020 Pro 14 / Benetton Rugby