Dopo Zebre-Brive: le parole di Michael Bradley e Giulio Bisegni

Focus sulla brutta parte finale di partita, ma anche soddisfazione per la seconda vittoria consecutiva in casa ducale

ph. Massimiliano Carnabuci

Michael Bradley e Giulio Bisegni sono intervenuti in conferenza stampa dopo Zebre-Brive di Challenge Cup per commentare la seconda vittoria consecutiva dei ducali, ottenuta davanti ai circa 2000 spettatori del San Michele, a Calvisano. Il primo a parlare è stato il laziale, confermato come capitano per il terzo match di fila, che si è soffermato anche sulle difficoltà nella gestione del match nel finale, quando i francesi hanno sfiorato una clamorosa e impronosticabile (fino al 65′ circa) rimonta.

B”Il nostro feedback principale deve essere il primo tempo, dove abbiamo tenuto sotto controllo l’avversario sia in possesso sia in territorio. Non è successo nel secondo tempo, con quel finale un po’ al cardiopalma. Mentalmente dobbiamo stare sempre sul pezzo. C’è stata una mancanza di concentrazione nel secondo tempo e loro sono stati in grado di riaprire la partita, sfruttando anche i cambi”.

“Sappiamo che le squadre francesi sono molto fisiche e amano giocare sulla continuità diretta – ha continuato Bisegni – Sapevamo di dover mettere bene pressione e di farli correre, utilizzando anche il gioco al piede”.

“Nel primo tempo abbiamo vinto la partita e abbiamo conquistato i cinque punti – ha detto Bradley – Abbiamo avuto qualche opportunità di aumentare questo vantaggio nel secondo tempo. Non l’abbiamo fatto, ma in genere in tutte queste partite il momentum cambia sempre. Abbiamo cominciato a concedere loro qualche occasione e le hanno sfruttate. Ci sta prendere una meta, ma dopo abbiamo subito troppi falli, un giallo e poi un’altra meta: abbiamo perso il nostro momentum, mentre Brive ha preso confidenza. Dobbiamo imparare a gestire queste situazioni sul campo”.

“Abbiamo ottenuto due vittorie, magari ce ne sarà una terza ” – ha continuato sorridendo Bradley, interrotto poi da Bisegni che gli suggerisce: “Magari anche quattro”, riferendosi al derby pre-natalizio contro il Benetton. “Wait, wait, wait…”, è la risposta di Bradley, divertito dal siparietto. “Guardiamo alle prossime partite sicuramente con fiducia, ed è molto positivo per noi”.

A Bisegni poi è stato chiesto un commento sull’accoglienza ricevuta a Calvisano, dopo il cambio di location nei giorni precedenti alla sfida a causa dell’impraticabilità del campo al Lanfranchi. “È una città che risponde benissimo a questi eventi, perché vive di questo. Il tifo è stato lo stesso che abbiamo in genere a Parma. Qui c’è una tradizione più radicata rispetto a Parma, il fatto che sia una cittadina piccola per dimensioni ha influito nella risposta a questa partita”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Zebre: Michael Bradley vuole ripartire con un successo in Pro14

L'allenatore delle Zebre spiega quello che vorrebbe vedere dalla sua squadra a due settimane dal rientro in campo

7 Agosto 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Jacopo Trulla: il futuro fra Zebre e Italia

Ambizioni, esperienze e ruolo sul campo: il trequarti ambisce a un deciso salto di qualità

6 Agosto 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby, probabili e possibili nella formazione ’20/’21: i trequarti

Casilio, Rizzi, D'Onofrio: il loro salto di qualità cruciale per il rilancio delle ambizioni ducali presenti e future

26 Luglio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby, probabili e possibili nella formazione ’20/’21: il pack

Gli avanti della franchigia emiliana sotto la lente di ingrandimento, in vista della prossima stagione

25 Luglio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Antonio Rizzi: “Per me arriva un anno chiave. Voglio mostrare le mie capacità”

L'azzurro fa il bilancio sui suoi primi mesi alle Zebre Rugby

24 Luglio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby: la rizzollatura del Lanfranchi è stata completata

Lo ha annunciato la franchigia emiliana con un video sui suoi social

21 Luglio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby