La nuova vita francese di Edoardo Gori

Abbiamo parlato con il numero 9 dell’addio con Treviso, del sorprendente approdo a Colomiers e della sua vita fuori dal campo

COMMENTI DEI LETTORI
  1. try 6 Dicembre 2019, 10:02

    Vai Ugo. Continua così.
    Un grosso in bocca al lupo per tutto!

  2. massimiliano 6 Dicembre 2019, 10:10

    complimenti a Gori per l’intelligenza e maturità delle sue parole. Interessante l’accenno a Brunel, quindi non è un misantropo menefreghista…
    In bocca al lupo Ugo, per la carriera sportiva e per quella successiva.

  3. Dusty 6 Dicembre 2019, 10:12

    belli questi articoli che offrono la possibilità di scoprire cose interessanti, per esempio che Brunel non si è dimenticato dell’Italia e degli uomini che ha conosciuto ed evidentemente apprezzato. Bello anche leggere come i rapporti personali (Endrizzi, Smith, O’She …) sono alla base del rugby e vanno oltre le scelte tecniche che uno è chiamato a fare. Bello e un po’ triste leggere di migliaia di spettatori che seguono la propria squadra in seconda serie. Insomma credo che Ugo abbia proprio fatto una buona scelta. Auguri

  4. mamo 6 Dicembre 2019, 10:42

    L’ho visto e dopo averlo visto la prima volta tendo a seguirlo (EurosportPlayer).
    Un altro giocatore rispetto agli ultimi 2/3 anni a Treviso, bravissimo.
    A questo punto credo che possa insinuare qualche sano dubbio a Smith per il 6N.

    • mamo 6 Dicembre 2019, 10:47

      Aggiungo che il Pro D2 lo seguivo molto distrattamente mentre ora mi sta appassionando forse anche per il fatto che sono diventato un tifoso (ma è ovvio) del Colomiers.
      Gran bel livello, proprio belle partite.

      • mamo 7 Dicembre 2019, 07:46

        Confermo tutto.
        Anche ieri sera, titolare, gran bella partita.
        Da una velocità al gioco che mi fa venire la bile pensando al vigile urbano degli ultimi anni alla Benetton. Anche al piede, soprattutto in un’occasione difensiva, ottimo.
        E a Smith, se continua così, al posto di dubbi nasceranno certezze.

  5. pippuzzo 6 Dicembre 2019, 10:46

    Bella intervista, è piacevole leggere che un ex nazionale ha voglia di rimettersi in gioco andando nella durissima e super competitiva palude del proD2. Scelta che dovrebbero fare anche altri. Non solo i non più giovanissimi, ma anche i giovani, magari quelli che dopo 2-3 anni dall’esperienza under 20 non sono riusciti a trovare spazio nelle 2 squadre di pro14. Se penso ai giocatori dell’under di 2 anni fa ce ne sono almeno 4 o 5 che farebbero bene a cambiare aria se non dovesse arrivare un posto in rosa alla fine di questo campionato.

  6. Stru 6 Dicembre 2019, 10:59

    Sono piacevolmente stupito dalla maturità di Gori..
    Come giocatore non mi è mai piaciuto fino in fondo, l’ho sempre reputato troppo lento nell’usare i palloni, ma sono felice per lui per il suo percorso in Francia.
    Tutta l’intervista, dalla chiusura del rapporto con la Benetton, al ringraziamento ad Endrizzi, al giudizio sull’operato del Coach che lo ha di fatto estromesso dalla nazionale, è davvero sincero ed equilibrato. Il rugby Italiano non deve perdere persone di questo tipo. Spero che una volta terminato il suo percorso di studi Gori riesca a fare esperienza ed a metterla a disposizione del movimento.

  7. fabiogenova 6 Dicembre 2019, 14:52

    C’è stato un periodo in cui il gioco di Gori si è oggettivamente un po’ involuto; le cause possono essere diverse e quello che le conosce meglio probabilmente è lui stesso. Leggere questa intervista, però, fa particolarmente piacere. Maturo, partecipe, entusiasta, con una finestra aperta verso il futuro. Gli faccio mille auguri.

  8. albe 6 Dicembre 2019, 15:05

    Complimenti a Gori, bellissimo leggere come si sia rimesso in gioco e molto contento del fatto che gli abbia permesso di riprendere l’entusiasmo. Bravo!
    Due considerazioni a margine:
    – Forse questo tipo di esperienze potrebbero far bene anche a qualche altro giocatore italiano che non è più o non ancora al top o a qualcuno   « intrappolato » in top 12.
    – Fa piacere leggere di come Brunel gli abbia dato una mano… se non sbaglio quando il baffo lascio’ la panchina azzurra Troiani scrisse un post molto bello per ringraziarlo. Brunel avrà anche avuto molti difetti ma forse, facendo 1+1, ne sa più di quanto si creda….

  9. Sandokan 6 Dicembre 2019, 15:19

    In ProD2, in societa’ non di vertice, ci sono allo stadio sempre 8-10 mila persone… e noi, col pubblico che abbiamo in Italia, facciamo anche gli schizzinosi se vinciamo “solo” contro Canada e Namibia, mentre il Sudafrica ci asfalta ai mondiali…

  10. jacoponitti 6 Dicembre 2019, 17:09

    Persone come Gori sono una fortuna per un movimento rugbistico come il nostro.
    E pensare a quanti stupidi insulti si è preso da alcuni pseudo tifosi per la crisi di gioco in cui era entrato.
    Forza Ugo!

    • Bimbubam 6 Dicembre 2019, 17:53

      Non lo so, io ho l’impressione che molti dei “detrattori” di Gori (e anche io glie ne ho dette tante) più che altro ce l’avessero con lui perché negli ultimi anni era involuto tanto. E lo sa anche lui. Il punto non è che sia o meno un bel giocatore, quanto che forse a questo punto sarebbe stato meglio si fosse mosso un anno o due prima. Ovvio che ora che sappiamo quanto sia stata rocambolesca la chiamata a Colomiers, forse non ne aveva possibilità

  11. Sandokan 7 Dicembre 2019, 15:59

    Anche nel mio caso le circostanze che mi hanno portato a conoscere la ragazza che sarebbe poi diventata mia moglie dipendono in parte da un infortunio.
    Non tutto il male viene per nuocere.

Lascia un commento

item-thumbnail

Il governo francese sta pensando di vietare gli eventi sportivi in notturna

Il motivo sarebbe legato alla necessità di risparmiare più energia in inverno, e potrebbe essere un grosso cambiamento per il Top 14

27 Luglio 2022 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Sergio Parisse tra i “nonni” del Top 14 2022/2023

L'italiano sarà uno dei giocatori più anziani del prossimo campionato francese

27 Luglio 2022 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Giovanni Sante firma con Montpellier fino al 2025

Il mediano di apertura dell'under 20 giocherà con i campioni di Francia per i prossimi 3 anni

24 Luglio 2022 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top 14: si ritira Wesley Fofana

Il centro della Francia, 48 caps tra il 2012 e il 2019, lascia il rugby dopo che gli infortuni ne hanno perseguitato il finale di carriera

19 Luglio 2022 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

La stampa francese incorona Paolo Garbisi come uno dei migliori debuttanti del Top14

L'azzurro scelto da Rugbyrama come uno dei cinque migliori debuttanti nel difficilissimo torneo francese

15 Luglio 2022 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top14: il calendario completo della prossima stagione del torneo francese

Come sempre percorso durissimo per tutti: si parte il 3 settembre e si va avanti quasi senza soste fino alla metà del giugno 2023

9 Luglio 2022 Emisfero Nord / Top 14