Rugby World Cup 2019: Cheika gioca d’azzardo per i quarti di finale

Dentro a sorpresa il 19enne Jordan Petaia con la maglia numero 13, fuori James O’Connor

ph. Sebastiano Pessina

Michael Cheika spara un colpo imprevedibile: nel XV dell’Australia per il quarto di finale di sabato mattina contro l’Inghilterra a Oita c’è Jordan Petaia con la maglia numero 13.

Ha esordito solamente due settimane fa, ha due caps all’attivo come ala e sempre contro squadre di seconda fascia. Ha 19 anni e 218 giorni: è il primo giocatore nato in questo secolo a giocare un quarto di finale di Rugby World Cup, e il secondo più giovane in assoluto a disputarne uno, battuto solo da George North, che nel 2011 giocò contro l’Irlanda a 19 anni e 177 giorni.

E’ la prima volta che gioca in nazionale al fianco di Samu Kerevi, nella diciassettesima coppia di centri selezionata da Cheika dopo la Rugby World Cup 2015. Come numero 13 ha giocato 4 volte da titolare in Super Rugby, solo una al fianco di Kerevi.

Si tratta di un giovane dal futuro scintillante, una promessa di livello generazionale, ma nessuno si sarebbe aspettato che Cheika potesse gettarlo nella vasca degli squali in questo momento. Nel ritiro australiano si dice che lo staff avrebbe voluto sperimentare prima il giovane Petaia, ma che gli acciacchi che ne hanno tormentato il 2019 lo hanno finora impedito. Ed eccoci al redde rationem, il quarto di finale contro l’Inghilterra.

Leggi anche: il XV di Eddie Jones per i quarti di finale

Per selezionarlo come titolare, Cheika ha deciso di lasciare in panchina James O’Connor. Tra le altre scelte operate dal tecnico c’è quella di Will Genia titolare in luogo di Nic White, finora partner preferito di Lealiifano. In panchina va Matt Toomua come apertura di backup, mentre l’ex pretoriano Foley viene definitivamente bocciato e lasciato in tribuna.

Australia

1. Scott Sio
2. Tolu Latu
3. Allan Alaalatoa
4. Izack Rodda
5. Rory Arnold
6. David Pocock
7. Michael Hooper (capt.)
8. Isi Naisarani
9. Will Genia
10. Christian Lealiifano
11. Marika Koroibete
12. Samu Kerevi
13. Jordan Petaia
14. Reece Hodge
15. Kurtley Beale

16. Jordan Uelese
17. James Slipper
18. Taniela Tupou
19. Adam Coleman
20. Lukhan Salakaia-Loto
21. Nicholas White
22. Matt To’omua
23. James O’Connor

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Eddie Jones sulla finale mondiale: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno”

Il CT dell'Inghilterra è tornato sulla partita persa contro gli Springboks, ammettendo che "mi sembra di vedere la Coppa davanti a me"

12 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Springboks, Tendai Mtawarira saluta la nazionale

Il pilone si ritira dal rugby internazionale dopo la vittoria da protagonista del trofeo più importante

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La storia unica di Makazole Mapimpi, campione del mondo

Cresciuto molto lontano dal rugby che conta, a 27 anni non aveva mai avuto un contratto professionistico. È diventato titolare e protagonista negli Sp...

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019