Rugby World Cup 2019: Stati Uniti e Tonga si giocano il loro mondiale

All-in per le due squadre a zero vittorie nel girone C, alla ricerca dell’unico trionfo possibile del loro torneo

tonga rugby world cup 2019

ph. Sebastiano Pessina

Già dall’inizio del torneo Stati Uniti e Tonga sapevano che, con buone probabilità, si sarebbero giocate tutto all’Hanazono di Higashiosaka.

Lontano dalle minacce del terribile tifone Hagibis, le due formazioni rimaste senza vittorie in fondo al girone C si scontrano per ottenere una vittoria che dia un senso alla loro partecipazione e dalla quale trarre un bilancio positivo del loro lavoro.

Fra le due, è forse Tonga la squadra che meglio si è comportata fino ad adesso, rivelandosi squadra ostica sia per l’Argentina che per la Francia. E’ anche la squadra che parte legittimamente con i favori del pronostico, avendo vinto in 8 delle 9 occasioni in cui le due squadre si sono trovate davanti.

L’unica vittoria statunitense risale a 20 anni fa, quella tongana al 2016: insomma, è tanto tempo che queste due squadre non si trovano di fronte, e la crescita degli statunitensi rende le cose sicuramente più interessanti.

“Per noi non vincere neanche una partita sarebbe una cosa assai negativa” ha detto Will Hooley, estremo statunitense.

“Dobbiamo ritrovarci, riconoscere dove abbiamo sbagliato e essere migliori di quello che siamo stati in vista di domenica.”

Tonga dovrà resistere al gioco estremamente fisico e per linee dirette della squadra americana per spuntarla, tentando da par suo di mettere in azioni i suoi giocatori più pericolosi, fra cui spunta sicuramente Telusa Veainu.

La Ikale Tahi è una squadra diversa dalle altre isolane, più ordinata, forse leggermente meno dotata a livello di puro talento, ma anche meno incline all’errore gratuito. Per questo gli Stati Uniti dovranno aggredire la partita cercando di prendere il sopravvento nelle fasi statiche e poi affidandosi alla classe dei suoi giocatori di maggior talento, a partire dal talento MacGinty.

Una partita dall’esito non scontato, arbitrata da Nigel Owens, che fischierà il calcio d’inizio alle 7:45 italiane.

Stati Uniti: 15 Will Hooley, 14 Blaine Scully (c), 13 Bryce Campbell, 12 Paul Lasike, 11 Marcel Brache, 10 AJ MacGinty, 9 Ruben De Haas, 8 Cam Dolan, 7 Malon Al-Jiboori, 6 Tony Lamborn, 5 Nick Civetta, 4 Greg Peterson, 3 Titi Lamositele, 2 Joe Taufete’e, 1 Eric Fry
A disposizione: 16 James Hilterbrand, 17 Olive Kilifi, 18 Paul Mullen, 19 Ben Landry, 20 Hanco Germishuys, 21 Ben Pinkelman, 22 Nate Augspurger, 23 Mike Te’o

Tonga: 15 Telusa Veainu, 14 Atieli Pakalani, 13 Malietoa Hingano, 12 Siale Piutau (c), 11 Viliami Lolohea, 10 James Faiva, 9 Sonatane Takulua, 8 Maama Vaipulu, 7 Zane Kapeli, 6 Sione Kalamafoni, 5 Leva Fifita, 4 Sam Lousi, 3 Siosiua Halanukonuka, 2 Paula Ngauamo, 1 Sigfired Fisiihoi
A disposizione: 16 Siua Maile, 17 Vunipola Fifita, 18 Ma’afu Fia, 19 Daniel Faleafa, 20 Nasi Manu, 21 Leon Fukofuka, 22 Latiume Fosita, 23 David Halaifonua

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: il XV della Francia per la sfida al Galles

Damian Penaud, in dubbio alla vigilia, sarà della partita ad Oita

18 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: il programma tv del weekend dei quarti di finale

Si entra nella fase ad eliminazione diretta con quattro sfide molto interessanti

18 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: la formazione del Galles per i quarti di finale

Le scelte di Warren Gatland per la sfida contro la Francia

18 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: epica giapponese

La meta più bella e intensa della fase a gironi della Rugby World Cup 2019 è stata di Keita Inagaki, durante Giappone-Scozia

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: la formazione dell’Irlanda per i quarti di finale

Schmidt punta sull'usato sicuro: XV collaudato e molto simile a quello che ha battuto i tuttineri nel 2018

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Cheika gioca d’azzardo per i quarti di finale

Dentro a sorpresa il 19enne Jordan Petaia con la maglia numero 13, fuori James O'Connor

17 Ottobre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019