Zebre Rugby: le parole di coach Michael Bradley e George Biagi dopo il match

L’head coach ed il veterano azzurro hanno analizzato il pareggio contro i Leoni in conferenza stampa

Zebre Rugby (ph. Luca Sighinolfi)

A margine del pareggio dello Stadio Lanfranchi, tra Zebre Rugby e Benetton Rugby, Michael Bradley, head coach dei ducali, e George Biagi hanno analizzato la sfida amichevole in terra emiliana, ultimo test estivo prima dell‘inizio del Pro14, il prossimo fine settimana.

Leggi anche: La profondità delle Zebre 2019/2020

“I nostri focus odierni erano su mischia, maul e punti d’incontro. Per quanto mi riguarda, la maul ha funzionato bene, la mischia molto bene, sia stasera che settimana scorsa a Treviso. Per quanto concerne il breakdown, invece, nella partita odierna, non abbiamo lavorato bene. Un aspetto sui cui, nei primi 40′, il Benetton Rugby ci è stato superiore. Nella ripresa, contrariamente, siamo andati migliorando in questo frangente del gioco”, ha spiegato Michael Bradley, che, poi, ha indicato nella notevole difesa proposta nel secondo tempo l’elemento chiave per poter recuperare la sfida. “Il momento chiave della gara è stata la nostra difesa consistente, per 6/7 minuti, dentro i nostri 22 metri”, ha concluso l’head coach irlandese.

Leggi anche: Verso la nuova stagione zebrata: intervista a Tommaso Castello

“Oggi è stata una partita molto fisica. Da questo doppio scontro ci portiamo a casa, in termini positivi, il fatto di essere imbattuti. Di negativo, invece, ci sono ancora tante cose che dovremo sistemare in vista dell’inizio del campionato. Però il bilancio è soddisfacente. Abbiamo fatto giocare tanti ragazzi con talento, che hanno potuto mettersi in mostra. Mischia e touche, sia in attacco che in difesa, sono state molto positive”, ha dichiarato George Biagi, già in clima Guinness Pro14.

“Non vedo l’ora che inizi il torneo celtico. Nel Pro14, tutte le squadre puntano a qualificarsi ai playoff. Noi, però, siamo la squadra più piccola del torneo. Abbiamo un nostro percorso, con il quale sappiamo che, se riuscissimo a fare le cose fatte bene, possiamo toglierci le nostre soddisfazioni, ma è inutile fare proclami e porci traguardi roboanti”, ha chiarito saggiamente il veterano zebrato.

onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

URC, Zebre: la formazione per la sfida contro gli Ospreys

Ritorna in campo Lorenzo Pani dopo la squalifica. Il capitano sarà Tommaso Boni

item-thumbnail

La preview di Tolone-Zebre: le formazioni e dove si vede in tv e streaming

La squadra di Roselli deve fare l'impresa in Francia per passare il turno

item-thumbnail

Zebre, Roselli: “Dopo Bristol vogliamo riscattarci, ma a Tolone la panchina dovrà fare meglio”

Il tecnico spiega cosa serve ai suoi ragazzi per tentare l'impresa nell'ultima giornata di Challenge Cup

item-thumbnail

Fabio Roselli: “Le Zebre fanno e disfano, ci manca la continuità”

Il tecnico ha analizzato il crollo nel finale del match contro Bristol

item-thumbnail

Ultima chiamata per la Challenge: la preview di Zebre-Bristol

La squadra di Roselli può ancora qualificarsi agli ottavi, ma ha bisogno di vincere contro gli inglesi

item-thumbnail

Zebre: il punto sugli infortunati e sui recuperati del club emiliano

Roselli ritrova quattro elementi perdendone di contro uno. Buone notizie fra gli avanti