Test Match: l’Australia supera Samoa 34-15

Prestazione comunque incoraggiante dei samoani a Parramatta. Wallabies a segno con sei mete

australia-dane-haylett-petty

Dane Haylett-Petty, Australia (ph. Reuters)

L’Australia ha battuto 34-15 Samoa nell’ultimo Test Match prima della Rugby World Cup 2019. A Parramatta, i Wallabies hanno segnato sei mete a due, mettendo in mostra buone sequenze in attacco ma anche diversi errori banali e un pack non sempre dominante contro una squadra dotata di grande fisicità.

I samoani si sono rivelati una squadra più compatta di quanto si potesse immaginare, specie se consideriamo i risultati ottenuti negli ultimi anni. Gli uomini di Steve Jackson invece hanno evitato che i Wallabies dilagassero, evidenziando buoni progressi rispetto al recente passato nell’organizzazione collettiva.

La partita, in ogni caso, è stata per gran parte del tempo dominata dagli australiani, anche se non nelle dimensioni preventivate alla vigilia. Nei primi 15 minuti gli aussie sono andati a segno due volte con Coleman e Koroibete; in mezzo l’esordiente Alaalatoa era andato in meta per Samoa, ma l’arbitro aveva annullato per un placcaggio irregolare di Lay.

Negli ultimi dieci minuti del primo tempo infine Ashley-Cooper e Salakaia-Loto hanno portato il punteggio sul 22-3, finalizzando al largo azioni ben manovrate dei Wallabies. Nella ripresa, tuttavia, i samoani hanno aggiustato alcune cose soprattutto in mischia e trovando ben due mete al 52′ e al 60′ con il mediano di mischia Polataivao. Sul 22-15, gli australiani hanno comunque sferrato il colpo del ko al 70′ con Haylett-Petty, mentre nel finale è arrivata anche la sesta marcatura di Toomua.

Samoa ha dunque lanciato un segnale importante a Irlanda, Scozia e Giappone nel Girone A, facendo capire che quella oceanica potrebbe non essere una semplice nazionale cuscinetto come la Russia. Il risultato avrebbe potuto essere più largo se Foley non avesse trasformato solo due mete su sei, ma la prestazione incoraggiante per la nazionale allenata da Steve Jackson resta.

Australia: 15 Tom Banks, 14 Dane Haylett-Petty, 13 Adam Ashley-Cooper, 12 Matt To’omua, 11 Marika Koroibete, 10 Bernard Foley, 9 Will Genia, 8 Jack Dempsey, 7 David Pocock (c), 6 Lukhan Salakaia-Loto, 5 Adam Coleman, 4 Rob Simmons, 3 Sekope Kepu, 2 Jordan Uelese, 1 James Slipper
A disposizione: 16 Tatafu Polota-Nau, 17 Scott Sio, 18 Taniela Tupou, 19 Luke Jones, 20 Liam Wright, 21 Rob Valetini, 22 Nick Phipps, 23 James O’Connor

Marcatori Australia

Mete: Coleman (7), Koroibete (15), Ashley-Cooper (29), Salakaia-Loto (34), Haylett-Petty (70), Toomua (79)
Conversioni: Foley (34, 71)
Punizioni:

Samoa: 15 Tim Nanai-Williams, 14 Belgium Tuatagaloa, 13 Alapati Leiua, 12 Reynold Lee-Lo, 11 Ed Fidow, 10 Tusi Pisi, 9 Scott Malolua, 8 Afaesetiti Amosa, 7 Jack Lam (c), 6 TJ Ioane, 5 Kane Leaupepe, 4 Teofilo Paulo, 3 Michael Alaalatoa, 2 Ray Niuia, 1 Jordan Lay
A disposizione: 16 Motu Matu’u, 17 Paul Alo-Emile, 18 Logovi’i Mulipola, 19 Josh Tyrell, 20 Seilala Lam, 21 Dwayne Polataivao, 22 AJ Alatimu, 23 Ahsee Tuala

Marcatori Samoa

Mete: Polataivao (52, 60)
Conversioni: Pisi (60)
Punizioni: Pisi (28)

Le schede sulle due squadre per la Rugby World Cup:

Australia

Samoa

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Eddie Jones lancia l’allarme: “Il rugby? Sta diventando troppo simile al football americano”

Il coach dell'Inghilterra analizza l'evoluzione del gioco negli ultimi vent'anni

item-thumbnail

World Rugby approva 10 regole sperimentali per la ripartenza del gioco

Il governo ovale mondiale vuole aiutare le federazioni nazionali a ricominciare nel più breve tempo possibile

item-thumbnail

Leggende ovali: Shane Williams, il rapporto con Paul O’Connell e il valore di Brian O’Driscoll

L'ex ala gallese svela retroscena del tour dei Lions 2009 e non solo

item-thumbnail

Calendario internazionale: le precisazioni di Bernard Laporte, vicepresidente di World Rugby

Il dirigente francese fa il punto sui Test Match di novembre, il rugby di club e la situazione finanziaria delle Federazioni

item-thumbnail

Clamorosa ipotesi per rivoluzionare i calendari

Verrebbero spostati Sei Nazioni e Rugby Championship, oltre a delle due finestre dei test match