Italia, Conor O’Shea: “Se avessimo mostrato questa intensità contro la Francia le cose sarebbero andate diversamente”

L’head coach azzurro ha analizzato la sfida di Newcastle, proiettandosi poi sul viaggio Mondiale

Rugby Union – Rugby World Cup warm-up match – England v Italy – St James’ Park, Newcastle, Britain – September 6, 2019 Italy head coach Conor O’Shea on the pitch before the match REUTERS/Scott Heppell

A margine della sconfitta di Newcastle contro l’Inghilterra, l’head coach dell’Italia, Conor O’Shea, ha commentato la prestazione dei suoi ragazzi, tra qualche alto, soprattutto nel primo tempo, e qualche basso, al cospetto di una formazione, quella di Eddie Jones, che andrà in Giappone per provare a vincere l’ambitissimo titolo iridato.

Leggi anche: Rugby World Cup 2019: i 31 azzurri per il torneo iridato giapponese

“La vita a volte è strana: perdere 37-0 fa molto male, ma se avessimo mostrato questa intensità una settimana fa a Parigi contro la Francia le cose sarebbero andate diversamente. Continuo a essere convinto che chi batterà l’Inghilterra, in Giappone, sarà la squadra che vincerà il Mondiale. Capisco che possa suonare singolare, ma ci sono molte cose che hanno funzionato oggi sul campo, in particolare nel primo tempo, anche se alcuni errori di esecuzione ci sono costati cari in attacco”, ha esordito, parlando ai canali ufficiali della federazione, l’allenatore irlandese, prima di concentrarsi su quanto accaduto nella ripresa.

“Nel secondo tempo, l’Inghilterra ha mostrato una buona difesa da rimessa laterale, ma la squadra ha avuto il giusto approccio, lo spirito che vogliamo vedere. Abbiamo fatto un passo avanti importante dalla settimana passata, ora inizia la guerra sportiva che abbiamo preparato così a lungo. Pensiamo solo a Namibia e Canada, sono il nostro prossimo obiettivo”, ha sentenziato, proiettandosi agli impegni iniziali in Coppa del Mondo, ai quali prenderanno parte, regolarmente, i 31 azzurri selezionati lo scorso 18 agosto.

Leggi anche: Rugby World Cup 2019: come si organizza la trasferta mondiale

“Domani tutti i 31 atleti convocati saliranno regolarmente sull’aereo per il Giappone, c’è qualche normale contusione e botta post-partita, ma nulla di allarmante”, ha concluso l’ex allenatore degli Harlequins.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Onrugby Relive: Italia-Georgia, è il match da rivivere nel sabato azzurro

La sfida del novembre 2018, disputata al Franchi, vide la squadra di O'Shea imporsi nettamente sui rivali

22 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Maxime Mbandà “Ho provato sensazioni mai immaginate prima”

Il flanker delle Zebre e della Nazionale racconta la sua lunga esperienza con la Croce Gialla di Parma

21 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

91 anni di Azzurri!

Dal Montjuic di Barcellona all'Olimpico, auguri alla Nazionale italiana di rugby

20 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Cosa ci fa l’Italia (ancora) nel Sei Nazioni?

Dopo l'editoriale del Times che auspica l'uscita dell'Italia dal Torneo abbiamo provato a fare un'analisi sul perché sia una cosa senza senso per tutt...

18 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Cosa fanno oggi gli azzurri del XV ideale dell’epoca Sei Nazioni?

Solo 5 sono ancora in attività. Per gli altri una nuova carriera

17 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Come gioca l’Italia di Franco Smith

Una analisi del gioco d'attacco degli Azzurri, sulla base delle tre gare giocate nel Sei Nazioni 2020

17 Maggio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale