Test Match: Inghilterra e Irlanda in campo per affilare le armi

Per i verdi c’è anche la possibilità di diventare numeri uno del ranking mondiale. Underhill e Curry insieme per la prima volta per Jones

Tom Curry contro Jacob Stockdale nell’ultimo Irlanda-Inghilterra (ph. Reuters)

L’ultima sfida tra Inghilterra e Irlanda si concluse con un inaspettato 20-32 per gli inglesi a Dublino, al termine di una partita dominata tatticamente ma soprattutto fisicamente dagli uomini di Eddie Jones, che colsero di sorpresa dei padroni di casa lanciatissimi dopo un mese di novembre stellare. Le due squadre si riaffrontano oggi a Twickenham per testarsi in vista della Rugby World Cup, in un contesto completamente diverso da quello dello scorso febbraio, ma comunque fondamentale per capire a che punto sono le due nazionali a meno di un mese dal Mondiale e che margini di miglioramento possono ancora avere.

Un altro – grande o piccolo, fate voi – motivo di interesse è inoltre la possibilità che l’Irlanda possa diventare numero 1 del ranking mondiale, nel caso i verdi riescano a vincere con qualsiasi risultato a Londra. Sarebbe la prima volta nella storia per gli irlandesi, in un agosto decisamente pazzerello che al momento vede addirittura il Galles al comando davanti agli All Blacks.

Dopo la formazione sperimentale messa in campo contro l’Italia, Joe Schmidt avrà le sue prime indicazioni vere sullo stato di forma del suo XV titolare (o quasi), oltre a capire qualcosa di più su quale sarà la terza apertura da portare al Mondiale. A Londra scenderà in campo Ross Byrne dal primo minuto, giocatore di grande ordine in regia e dotato di un piede eccellente; Jack Carty, in panchina, è forse dotato di maggiore fantasia ed estro, ma di fatto tutti e due partono sullo stesso piano.

Rispetto alla partita contro l’Italia, oltre agli uomini in campo quello che potrebbe cambiare in maniera considerevole nella strategia di Schmidt sarà il gioco al piede. A Dublino i mediani di mischia non hanno mai calciato nel box, come i giornalisti inglesi hanno fatto notare a Ben Youngs. Con Conor Murray in campo, le cose dovrebbero cambiare e difficilmente l’Irlanda giocherà ogni possesso dalla propria metà campo come fatto contro gli azzurri. “Probabilmente ci bombarderanno allora!” – ha detto Youngs al Telegraph.

L’Inghilterra, sia nella vittoria sia nella sconfitta contro il Galles, ha sperimentato molto i lanci da fasi statiche con buoni risultati soprattutto nella prima partita a Twickenham, ma nel terzo Test Match di preparazione potrebbe avere un approccio tattico differente, almeno stando alle parole di Eddie Jones. Quel che è certo, in ogni caso, è che l’Inghilterra punterà a essere innanzitutto una squadra schiacciasassi, vista la contemporanea presenza in campo di Billy Vunipola, Manu Tuilagi e Joe Cokanasiga, ball carrier ma anche deterrenti per aprire spazi ai propri compagni di squadra.

Sarà molto interessante vedere come si comporteranno in terza linea Sam Underhill e Tom Curry, ribattezzati già da Jones come i ‘Kamikaze Kids’ per la loro attitudine al placcaggio e al disturbare i punti d’incontro avversari. Se aggiungiamo all’equazione anche Maro Itoje, ogni breakdown potrebbe diventare una lotta senza quartiere tra loro tre e O’Mahony, van der Flier e il resto della truppa irlandese.

Calcio d’inizio alle ore 16, diretta tv su Sky Sport Arena.

Inghilterra: 15 Elliot Daly, 14 Joe Cokanasiga, 13 Manu Tuilagi, 12 Owen Farrell (c), 11 Jonny May, 10 George Ford, 9 Ben Youngs, 8 Billy Vunipola, 7 Sam Underhill, 6 Tom Curry, 5 George Kruis, 4 Maro Itoje, 3 Kyle Sinckler, 2 Jamie George, 1 Joe Marler
A disposizione: 16 Luke Cowan-Dickie, 17 Mako Vunipola, 18 Dan Cole, 19 Courtney Lawes, 20 Mark Wilson, 21 Willi Heinz, 22 Piers Francis, 23 Jonathan Joseph

Irlanda: 15 Rob Kearney, 14 Jordan Larmour, 13 Garry Ringrose, 12 Bundee Aki, 11 Jacob Stockdale, 10 Ross Byrne, 9 Conor Murray, 8 CJ Stander, 7 Josh van der Flier, 6 Peter O’Mahony, 5 Jean Kleyn, 4 Iain Henderson, 3 Tadhg Furlong, 2 Rory Best, 1 Cian Healy
A disposizione: 16 Sean Cronin, 17 Jack McGrath, 18 Andrew Porter, 19 Devin Toner, 20 Tadhg Beirne, 21 Luke McGrath, 22 Jack Carty, 23 Andrew Conway

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Antoine Dupont il numero uno al mondo? Non per Wayne Smith

Il coach di lungo corso del rugby neozelandese ha espresso la sua preferenza su un mostro sacro degli All Blacks

item-thumbnail

Autumn Nations Series: il Giappone di Eddie Jones aggiunge una nuova sfida al tour europeo

I Brave Blossoms affronteranno un 2024 ricco di impegni stimolanti

item-thumbnail

All Blacks: Scott Robertson dovrà rinunciare al suo astro nascente in mediana

Il talentuoso Cameron Roigard era il maggior indiziato per la numero 9, ma è incappato in un brutto infortunio

item-thumbnail

L’Australia di Schmidt costruisce il suo staff pescando in Nuova Zelanda

Non solo Laurie Fisher al fianco del nuovo tecnico dei Wallabies: ci sarà anche Mike Cron, leggendario tecnico della mischia ordinata degli All Blacks...

item-thumbnail

Un bi-campione del mondo lascia il rugby a fine stagione

Sam Whitelock si ritirerà alla fine della stagione a 36 anni

item-thumbnail

Test Match estivi: tre sfide impegnative per la Georgia

Una prima partita in casa e due in trasferta per i Lelos