Scozia: Finn Russell è impaziente. Prima i Test Match e poi la World Cup

L’apertura ha spiegato le sue sensazioni verso l’appuntamento iridato tornando sul quarto di finale di quattro anni fa

Ph. Sebastiano Pessina

Ventisei anni, 44 caps e un talento elettrico al servizio del gioco della Scozia di Gregor Townsend: dopo settimane di preparazione e allenamenti, Finn Russell non vede l’ora di scendere in campo per un agosto fatto di Test Match e un autunno che sarà il teatro ideale della Rugby World Cup 2019, in Giappone.

Il mediano d’apertura è pronto a prendersi tutte le responsabilità del caso per trascinare il più avanti possibile la Nazionale del cardo nel cammino iridato: “Mancano poco più di due settimane al nostro esordio (fissato per il 17 agosto, contro la Francia a Nizza) ed ora abbiamo, dopo una prima fase molto dedicata alla forma fisica, iniziato a lavorare sugli aspetti di campo. Sarà un periodo inteso – prosegue – al Mondiale mancano due mesi, ma queste sfide ci aiuteranno a entrare nel clima giusto”.

Calendario ‘Rugby World Cup – Warm Up Match’ 2019: date, orari e luoghi dell’estate internazionale

Poi un flashback sulla Coppa del Mondo disputata nel 2015, quando la Scozia venne eliminata nei quarti di finale dall’Australia al termine di una partita decisa da un errore arbitrale (35-34): “L’eliminazione di quattro anni fa per noi fu una delusione, ma oggi possiamo utilizzare quell’esperienza, quel trascorso per fare meglio. Dobbiamo dare il massimo, altrimenti non avrebbe senso giocare e cercare di migliorarsi. Dimostreremo di essere maturi”.

Rugby World Cup 2019: calendario e orari del torneo iridato

Infine una chiosa sull’aspetto tattico del gioco: “Giocare 10 o 12 mi consente in ogni caso di essere in una posizione ‘centrale’ nelle trame offensive – ammette – in questo momento lavoro molto bene con Laidlaw, ma ho fatto altrettanto anche con Ali Price: in entrambi i casi abbiamo sintonia ed equilibrio. Nelle prossime settimane cercheremo, come reparto dei trequarti, di sviluppare un sistema offensivo che consenta a tutti i giocatori (mediani, ali, centri, estremi) di poter giocare nella miglior maniera possibile: dovrò ascoltare loro, perchè non conosco tutte le caratteristiche di ogni ruolo. Non sarà un solo individuo a portarci ai quarti, alle semifinali o dove arriveremo”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: tutte le cifre del più grande evento sportivo dell’anno scorso

Una Coppa del Mondo vinta soprattutto fuori dal campo. Impatto eccezionale del turismo

24 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rassie Erasmus ha lottato silenziosamente per la propria salute durante la Rugby World Cup

L'ex Munster non ha voluto che i media distogliessero l'attenzione dalla squadra, mantenendo privata la faccenda

21 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

La meta più iconica della storia di Jonah Lomu “ha compiuto” 25 anni

Con la macchina del tempo ovale, si torna alla Rugby World Cup 1995

19 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Rugby World Cup Francia 2023: stabiliti i criteri di qualificazione ai prossimi Mondiali

Sono già 12 le squadre qualificate, mentre 8 posti sono ancora da assegnare in un cammino denso di appuntamenti

8 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2023
item-thumbnail

OnRugby relive: Francia v Argentina, Rugby World Cup 2007

Rivivi l'intensa sfida della pool stage della coppa del mondo francese. Primo kick-off alle 20

5 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup
item-thumbnail

Sam Burgess: “Mike Ford ha sabotato Stuart Lancaster nel 2015”

L'ex nazionale inglese, tornato al rugby league, ha raccontato la sua esplosiva versione dei fatti sulla Rugby World Cup 2015

4 Giugno 2020 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015