Come sono finite le Women’s Super Series

Ha vinto la Nuova Zelanda battendo l’Inghilterra nel match clou dell’ultima giornata, che vedeva le Red Roses partire con 3 punti di vantaggio in classifica

black ferns

ph. World Rugby

Un perentorio 28-13 per ribaltare la situazione e portarsi a casa le Super Series del rugby femminile, il torneo fra 5 delle migliori nazionali al mondo di scena a San Diego nelle scorse settimane per la sua terza edizione.

Protagoniste della vittoria decisiva sono sempre loro, le Black Ferns, capaci di regolare l’Inghilterra in quella che era di fatto una finale, nonostante la formula a girone unico del torneo. Le campionesse del mondo in carica arrivavano alla partita più importante con un handicap di tre punti da rimontare in classifica, e quindi con la necessità di ottenere una piena affermazione contro le Red Roses, avversarie proprio della finale di coppa del mondo del 2017. Una eventuale affermazione inglese avrebbe significato anche il sorpasso al comando del ranking mondiale, ma la Nuova Zelanda si è fatta trovare più che pronta all’appuntamento.

Eroina del match Renee Wickliffe, l’ala neozelandese capace di segnare ben tre mete contro le avversarie in quella che è apparsa come una replica della finale mondiale, con le Red Roses capaci di costruire un vantaggio destinato, però, a schiantarsi contro la forza immensa della squadra in nero.

Emily Scarratt ha segnato la prima meta dell’incontro per portare il punteggio sul 10-3 dopo dieci minuti, ma il vantaggio non era destinato a durare più di un quarto d’ora: al minuto 25, infatti, il numero 9 neozelandese Kendra Cocksedge seminava il panico nella difesa avversaria, imboccando la prima marcatura di Wickliffe. L’ala avrebbe poi raddoppiato il bottino in chiusura di primo tempo grazie ad un intercetto. Al riposo, il punteggio era di 15-10 in favore delle Black Ferns.

Nella ripresa, dopo uno scambio di cortesie dalla piazzola fra Scarratt e Cocksedge, il momento decisivo era ancora targato da Wickliffe, che portava a compimento una bella azione propiziata da Theresa Fitzpatrick, entrata da pochissimo dalla panchina. La terza marcatura della trequarti decretava quindi, con pochi minuti ancora da giocare, la definitiva vittoria del team neozelandese.

Dopo lo scontro fra le due squadre migliori del panorama mondiale, sul campo di San Diego è andata in scena anche la partita fra le padrone di casa degli Stati Uniti e la Francia, con queste ultime che hanno avuto la meglio trionfando per 53-14 in un match mai in discussione.

Risultati 5° giornata Super Series
Nuova Zelanda v Inghilterra 28-13
Francia v Stati Uniti 53-14

Classifica finale
Nuova Zelanda 14
Inghilterra 13
Francia 10
Canada 7
Stati Uniti 4

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Natalija Pavlovic, la rugbista aerospaziale che non ha paura di (far) volare

La storia della seconda linea delle Ringhio, dalla guerra in Serbia ai campi di Monza, passando per la prestigiosa laurea al Politecnico di Milano

item-thumbnail

Serie A femminile: il calendario completo della stagione 2019/2020

Si inizia il prossimo 6 ottobre. Finale prevista il 24 maggio 2020

item-thumbnail

Valentina Ruzza giocherà nello Stade Francais

La ragazza patavina sbarca a Parigi dopo otto anni di successo con il Valsugana

item-thumbnail

Valsugana: Michela Sillari e Giordana Duca giocheranno con il club patavino

Le due nazionali azzurre sono ufficialmente Valsugirls

item-thumbnail

Serie A femminile: ufficializzata la nuova formula per il campionato ’19/’20

Definiti i quattro gironi e la particolare struttura della fase playoff

item-thumbnail

Il Calvisano avrà una squadra femminile

La nuova formazione giocherà in uno dei due gironi a carattere territoriale, che daranno l'accesso alla Serie A Élite