I Seattle Seawolves hanno vinto ancora la Major League Rugby

Battuti in finale i San Diego Legion di Joshua Furno, con una meta all’ultima azione

ph. Griff Lacey/Twitter MLR

I Seattle Seawolves hanno vinto la seconda edizione della Major League Rugby, il campionato professionistico nordamericano, confermandosi dopo il successo nell’esordio di un anno fa. Nella finale giocata a San Diego, Seattle ha battuto 26-23 i San Diego Legion con una meta all’ultima azione in rolling maul, con il cronometro già oltre l’ottantesimo minuto.

La partita è stata aperta da due piazzati del sudafricano Pietersen per i Legion, in cui giocava da titolare Joshua Furno, ma i Seawolves hanno risposto con due mete di Coetzee al 23′ e Smith al 32′ per il 14-6 con cui si è chiuso il primo tempo. Nella ripresa sono stati i Legion però a fare un deciso scatto in avanti con le mete di Boyer e Manihera pe r il 14-20 al 65′.

Negli ultimi dieci minuti è successo un po’ di tutto: prima Hattingh ha segnato la terza meta per i Seawolves, ma senza la trasformazione di Staller (19-20). Davanti nel punteggio e con il pallone in mano, i Legion al 77′ hanno allungato sul +4 con un drop di Pietersen, ma il vantaggio costruito non è stato sufficiente: al minuto 81 una rolling maul a cui hanno partecipato quasi tutti i quindici in campo dei Seawolves ha portato in meta Trierweiler per il 26-23 decisivo.

I Seawolves – il cui giocatore più famoso è Samu Manoa, ex Northampton e Tolone – avevano chiuso al secondo poso la regular season della MLR, quest’anno a nove squadre, proprio dietro i San Diego Legion. Anche lo scorso anno Seattle si presentò ai playoff da seconda testa di serie, ma riuscì a battere in finale i Glendale Raptors che li avevano preceduti in classifica.

Come nel 2018, inoltre, anche quest’anno i Seawolves hanno perso entrambe le partite contro la vincitrice della regular season, trionfando poi in finale.

I risultati dei playoff

Semifinali
Rugby United New York v San Diego Legion 22-24
Toronto Arrows v Seattle Seawolves 17-30

Finale
Seattle Seawolves v San Diego Legion 26-23

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019 – Le squadre: Argentina

I Pumas al Mondiale hanno una storia recente davvero entusiasmante, ma riusciranno a ripetersi anche in Giappone?

15 Settembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019, Irlanda: la situazione di Robbie Henshaw non è buona

Il giocatore ha un problema muscolare, quasi certamente salterà la sfida con la Scozia. In patria Will Addison pronto a fare i bagagli per il Giappone...

15 Settembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: tutti i convocati delle venti squadre

Ecco i 620 giocatori coinvolti per la nona edizione del Mondiale. L'Australia è la squadra più esperta, l'Uruguay la più giovane

15 Settembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Italia, il punto della situazione da Sugadaira

Le parole di Minozzi, Ghiraldini (che sta recuperando) e Tebaldi, a nove giorni dall'esordio mondiale. Gli azzurri intanto si sono spostati a Osaka

14 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019 – Le squadre: Scozia

Gregor Townsend e i suoi ragazzi volano in Giappone con tanta voglia di far bene - e la concreta possibilità di diventare la "sorpresa" della Coppa de...

13 Settembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: gli All Blacks perdono un pezzo

Luke Jacobson torna a casa per concussion, al suo posto arriva Shannon Frizell

13 Settembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
  1. Marte_ 17 Giugno 2019, 10:47

    Ho vista la partita in diretta su Facebook di MLR e devo dire che mi sono divertito molto. Il livello non è altissimo ma neanche basso come si possa pensare. Il pubblico non mancava ed era decisamente soddisfatto dello spettacolo. Dall’anno prossimo si passa al sistema delle conference tanto caro agli americani con 12 squadre. Vediamo chi si aggiungerà l’anno dopo oltre a Dallas. Se la palla ovale entra nel cuore degli americani, potrebbero essere sovvertire le gerarchie mondiali (chissà, ma are a nostro discapito).
    Complimenti a Seattle che sembra avere un feeling particolare con le partite decisive, a due minuti dalla fine con il drop del 10 di SD la davo per persa

Lascia un commento